BRINDISI - Un taxi con tantissime sorprese, disegni super colorati e anche un pò di magia. E' il taxi solidale di zia Caterina "Milano 25" e lunedì sera (28 ottobre) ha fatto tappa all'ospedale Antonio Perrino di Brindisi.

Percorre 800 km col suo taxi speciale per regalare sorrisi ai piccoli pazienti dell'ospedale

BRINDISI - Un taxi con tantissime sorprese, disegni super colorati e un pò di magia. E' il taxi “Milano 25” di zia Caterina e lunedì sera (28 ottobre) ha fatto tappa all'ospedale Antonio Perrino di Brindisi.

Salento Puglia e mondo
Manduria martedì 29 ottobre 2019
di La Redazione
Milano 25, il taxi di zia Caterina
Milano 25, il taxi di zia Caterina © facebook

Un taxi con tantissime sorprese, disegni super colorati e un pò di magia. E' il taxi “Milano 25” di zia Caterina e lunedì sera (28 ottobre) ha fatto tappa all'ospedale Antonio Perrino di Brindisi. Zia Caterina ha percorso circa 800 chilometri per donare sorrisi e felicità ai piccoli pazienti oncologici del nosocomio brindisino.

Milano 25 è un taxi ormai noto in tutta Italia, grazie allo strabiliante lavoro svolto dalla signora Caterina ormai conosciuta come ‘zia Caterina’. Il suo taxi speciale è una sorpresa per tutti i bambini ricoverati negli ospedali. E' un taxi colorato, con giocattoli, fiori e fotografie. Lunedì sera zia Caterina è arrivata con la sua automobile speciale presso l’ospedale Perrino di Brindisi. Col suo cappello fiorito e colorato non è passata certo inosservata. Il suo sorriso contagioso ha regalato felicità a tutti i piccoli pazienti del reparto oncologico.

La missione di Caterina è nata nel 2011 dopo l’improvvisa morte di suo marito a causa di un tumore. Il marito le lasciò il suo taxi, appunto ‘Milano 25’ strappandogli la promessa di diventarne la proprietaria. Da lì la fantastica idea di farlo diventare il taxi dei bambini oncologici dell’ospedale Meyer di Firenze. Ma oggi Milano 25 è il taxi speciale di tutti i bambini che affrontano la malattia.

Il taxi di zia Caterina è diventato un sorriso per i bambini ma anche per le loro famiglie. Caterina diffonde speranza e allegria.

Lascia il tuo commento
commenti