Dubbi sulle priorità

La Citta che Vogliamo chiede più regole sulla scelta dei lavori pubblici

Il movimento fondato, tra gli altri, da Nicola Becci, indica altre priorità

Politica
Manduria giovedì 14 novembre 2019
di La Redazione
La Città che vogliamo
La Città che vogliamo © La Voce di Manduria

Il movimento politico «La Città che Vogliamo», chiede al dirigente dell’Area tecnica del Comune, quali siano stati i criteri nello scegliere le vie che necessitano di un ripristino della pubblica illuminazione interrotta o mancante. Nel riconoscere «la solerzia e l’attenzione per le problematiche del territorio dimostrata dal dirigente – si legge in una nota -, non ci comprende perché abbia scelto le tre strade di San Pietro in Bevagna e non altre».

Il movimento fondato, tra gli altri, da Nicola Becci, indica altre priorità. Come «la strada provinciale che da Uggiano Montefusco porta alla contrada Cardinale che da anni è priva di illuminazione per il furto dei cavi elettrici». Per questa necessità richiesta dai numerosi residenti, ricorda il movimento, sono state raccolte anche duecento firme consegnate al settore Lavori pubblici dell’ente. «Senza alcuna polemica – conclude il comunicato – e nella consapevolezza della pericolosità di quella strada al buio», il gruppo di «La Città che Vogliamo» si chiede «cosa debbono fare le famiglie residenti perché sia preso in considerazione il loro problema?».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • sergio di sipio ha scritto il 14 novembre 2019 alle 08:20 :

    Quello che Manduria dovrà fare è proprio questo , a tutti una parte. Un sogno da portare in realtà. Che l'acqua potabile per Torre Colimena, Specchiarica e dove manca cambi dicendo in arrivo. O dobbiamo attendere ancora sino a scomparire? Rispondi a sergio di sipio