Documento politico dei progressisti

Il Movimento Democratico con Manduria solleva il problema della sporcizia davanti alle scuole

Il Movimento Democratico con Manduria porta all’attenzione dei commissari straordinari tale problematica

Politica
Manduria sabato 26 ottobre 2019
di La Redazione
Sporcizia
Sporcizia © Foro d'archivio

Il Movimento Democratico con Manduria (Mdm), gruppo progressista nato da una fronda del Pd guidata da Isidoro Baldari, ha diffuso il primo documento dell’anno denunciando alcun carenze igienico-sanitarie a discapito di famiglie, bambini e ragazzi manduriani: l’assenza di pulizia e decoro urbano nei pressi delle scuole, sia pubbliche che private e di ogni grado «con la conseguente inosservanza del regolamento d’igiene comunale».

Citando l’articolo del regolamento comunale che invita al decoro i fruitori di spazi pubblici e le relative competenze del comune, il movimento politico critica «la situazione disagiata e mal gestita che si verifica dall’inizio dell’anno scolastico, all’ingresso e all’uscita delle scuole, quando famiglie e bambini si trovano a dover attraversare spazi pubblici, vie e marciapiedi mal odoranti, ricoperti di feci animali, come lamentato e più volte sollecitatoci da alcune mamme e famiglie».

Il Movimento Democratico con Manduria porta all’attenzione dei commissari straordinari tale problematica, «chiedendo che venga al più presto ripristinato lo stato di igiene e decoro urbano all’intera città, e provvedendo al suo mantenimento applicando pulizie settimanali».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • leonardo ricotta askanti ha scritto il 26 ottobre 2019 alle 21:11 :

    che tempismo...!! Rispondi a leonardo ricotta askanti

  • Lorenzo ha scritto il 26 ottobre 2019 alle 10:37 :

    Più si avvicina il tempo delle elezioni comunali e pian piano risorge la vena civilista della politica in letargo. Il miracolo della poltrona si è materializzato. Che stile! Rispondi a Lorenzo

  • DINOI FABIO ha scritto il 26 ottobre 2019 alle 09:11 :

    Io credo che in un paese normale e civile non si deve riccorrere a delle missive per riportare alla luce un lavoro che deve essere svolto a priori,specie li davanti che sono lo specchio della città perchè di scuole parliamo,di luoghi dove passa molta gente.Ringrazio il Sig.Baldari per aver messo ancora una volta in risalto un probblema che ormai e cosa comune in una Manduria alla deriva.Grazie Rispondi a DINOI FABIO

    Antonio ha scritto il 27 ottobre 2019 alle 08:19 :

    Illuminazione pubblica fatiscente in molte zone della città: vedi la circumvallazione con lampade accese alternativamente ma che tornano a spegnersi al transito di autotreni per poi riaccendersi. Inoltre gli alberi piantumati lungo il percorso sono abbandonati e coperti di erbacce e mai annaffiati.Senza poi toccare il tasto del cattivo odore che puntualmente si ripresenta. Quando finirà questa tragicommedia? Rispondi a Antonio