Oggi e domani le altre selezioni

Troppi bocciati alla prova, l'esperto: l'esclusione della banca dati doveva essere ben motivata

Nessuno è riuscito a fare 30 su 30 e i primi due hanno raggiunto appena le 25 domande esatte

Locali
Manduria giovedì 09 gennaio 2020
di La Redazione
Leonzio Patisso
Leonzio Patisso © La Voce di Manduria

I timori della vigilia si sono verificati. Il 92 % dei primi 770 candidati del concorso pubblico indetto dal comune di Manduria non è riuscito a superare le preselezioni. Sono in 18 hanno superato il limite che era di almeno 21 risposte esatte su 30 somministrate nel test. Nessuno è riuscito a fare 30 su 30 e i primi due hanno raggiunto appena le 25 domande esatte.

Non volendo credere che il popolo dei disoccupati che ha preso parte alla prova sia così ignorante (770 ieri, 3,300 in tutto quelli che hanno presentato domanda con titolo di studio minimo il diploma con molti laureati), la diffusa défaillance si può certamente attribuire ad una impreparazione dei candidati che si sono così presentati completamente all’oscuro di ciò che gli aspettava.

Ecco perché in molti concorsi pubblici viene utilizzato il sistema della “banca dati”, vale a dire la pubblicazione preventiva della batteria di test da cui poi saranno estratti quelli da sottoporre nelle prove. In questo modo un partecipante, perlomeno, non si trova impreparato come è accaduto ieri.

La procedura della “banca dati”, tra l’altro, è anche prevista nel regolamento comunale di Manduria, solo che i responsabili degli uffici non hanno ritenuto necessaria applicarla. “Superflua e non obbligatoria”, l’ha definita la segretaria generale e responsabile delle prove concorsuali, Eugenia Mandurino rispondendo alle perplessità espressa dal portavoce del movimento “Manduria Noscia”, Cosimo Breccia.

Le perplessità espresse da Manduria Noscia per la mancata pubblicazione della banca dati nelle selezioni per il concorso indetto dal Comune di Manduria, trova l’accordo di una voce autorevole in materia di concorsi nel pubblico impiego.

E’ il caso di Leonzio Patisso, dirigente sindacale della UIL Funzione pubblica di Brindisi, esperto di contenziosi e vertenze sindacali nel pubblico impiego, già responsabile del contenzioso affari generali del comune di Oria.

«Leggendo il regolamento (quello sulle selezioni pubbliche del comune di Manduria, NdR), si capisce benissimo – scrive Patisso commentando le dichiarazioni della segretaria Mandurino - che eventuale discrezionalità (normalmente) sta nel fare o non fare il test, ma se si sceglie il test la banca dati deve essere pubblicata e non può essere che così».

Tornando ancora sul parere espresso dalla segretaria del comune Messapico, l’esperto dichiara. «Strano che la segretaria comunale non capisca che nella pubblica amministrazione se qualche decisione esce fuori dalla normalità diventa eccezionale e deve essere ampiamente motivata altrimenti si doveva scrivere nel regolamento che "La prova consiste, nello svolgimento di un test di domande a risposta multipla estratte da una banca dati di domande con indicazione delle risposte corrette eventualmente pubblicata"». Infine una «dritta» a chi non si ritiene tutelato dalla presunta regolarità delle procedure volute dall’amministrazione Messapica. «Se qualcuno vuole fare ricorso al Tar per fare annullare la procedura – afferma il sindacalista - lo può fare anche dopo aver sostenuto le prove e all'esito del concorso una volta approvata la graduatoria finale entro 60 giorni dalla pubblicazione».

Oggi e domani sono previste le selezioni degli altri candidati in lista d'attesa.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Damicis antonio ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 21:00 :

    Il problema e che rimane sempre un comune corrotto Rispondi a Damicis antonio

  • Vincenzo ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 20:22 :

    Per deformazione professionale, acquisita in oltre 42 anni di lavoro nella PA, invito gli interessati a dare lettura alla Direttiva n. 3 del 24 aprile 2018, in particolare al punto 4. che disquisisce delle procedure di preselezione. La PA è tenuta ad adottare in tutte le procedure avviate, buone e trasparenti regole, al fine di evitare che l'insorgenza di contenzioso, sia motivo di ritardo nell'iter, con possibile individuazione di quanti, così operando, potrebbero aver causato un danno, a detrimento degli interessi più generali dell'Erario. Rispondi a Vincenzo

  • Lucio Moscogiuri ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 16:49 :

    Che casino, possibile che in questo Comune non ne fanno Una buona? Chiara e limpida? Rispondi a Lucio Moscogiuri

  • Vincenzo ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 15:29 :

    Nell'anno 2020 le preselezioni di un concorso serio si svolgono somministrando i test a mezzo piattaforma informatica, anche al fine di evitare situazioni a dir poco imbarazzanti come quella evidenziata da chi ha dato testimonianza. I test, le risposte multiple e quella esatta , così come i manuali da cui le domande dovevano essere tratte, dovevano essere di dominio pubblico. Ciononostante, ritengo infruttuoso un eventuale ricorso, considerata l'equanimità della scarsa e preventiva informazione in cui tutti i concorrenti sono venuti a trovarsi. Rispondi a Vincenzo

  • ml ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 15:04 :

    username e password.. ? per cosa?... :D .. andare su "econcorsi" e non trovare in elenco nemmeno il comune di manduria ? :D :D :D dai ragazzi.. complimenti per lo scherzo.. ben riuscito..........ora quando la facciamo la vera selezione? ;) Rispondi a ml

  • francesca leo ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 14:00 :

    La Banda " COK " ESERCITA IL SUO POTERE A MANDURIA DAL LONTANO 2002 È COMPOSTA DA PERSONE INSERITE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE , FUNZIONARI , ESPONENTI DELLA CRIMINALITA'.SONO IN GRADO DI CONDIZIONARE OGNI ASPETTO DELLA VITA PUBBLICA DELLA CITTÀ , dall assegnazione di appalti ai concorsi , vedasi come aspetto comprovante la strana vicenda della conta delle schede dei test dove se pur tutti dichiaravano aver consegnato ne mancavano ben due alla conta , questa e' la prova provata !!! Non aggiungo altro.Complimenti all ex politico di Manduria per aver intascato ben 75.000 euro per questo . Annullate tutto . Intervenga la magistratura . Rispondi a francesca leo

    DEMETRIO SAMMARCO ha scritto il 10 gennaio 2020 alle 06:32 :

    Gentile Signora, quello che afferma e' di rilevanza penale e di gravita' inaudita! Se lei e' sicura di quello che dice allora faccia il suo dovere con senso civico: denunci tutto alla Magistratura! Serve a ben poco, o nulla, fare dichiarazioni che non portano a niente. Se lei, legittimamente, auspica una trasparenza della macchina amministrativa ed e' a conoscenza di fatti CERTI, allora si prenda le responsabilita' di quello che afferma. Rispondi a DEMETRIO SAMMARCO

  • Cosimo Malagnino ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 13:43 :

    L'accesso al concorso e gratuito o bisogna pagare un contributo? Rispondi a Cosimo Malagnino

  • Giovanni Palummieri ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 12:54 :

    Molto spesso nei concorsi pubblici si verifica una discrepanza tra bravura scolastica e bravura nei concorsi. Spesso nei concorsi le prove sono difficili e solo le persone molto preparate o i "geni" riescono a superare la selezione. Quindi si dovrebbe desumere che nella pubblica amministrazione dovremmo avere personale molto bravo o "geni". La realtà, a volte, non è proprio così. Rispondi a Giovanni Palummieri

    Cosimo Malagnino ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 13:47 :

    Oppure ... oppure bisogna essere , bisogna essere uno stacanovista ! Rispondi a Cosimo Malagnino

  • DEMETRIO SAMMARCO ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 11:52 :

    Mai sentita questa Banda KOC! Rispondi a DEMETRIO SAMMARCO

  • M.T ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 10:14 :

    ho partecipato ieri alla preselezione del terzo turno, ed ho assistito ad un evento che si è verificato, lasciandomi dei dubbi. Alla fine della prova sono state ritirate le schede delle risposte al test. Nel momento in cui venivano conteggiate, risultavo due mancanti come dichiarato dalla stessa commissione. Ci è stato chiesto di non uscire dall'aula e di dichiarare chi non aveva consegnato. Tutti in aula dichiarano di aver consegnato...dopo pochi minuti compaiono le schede perse ...non azzardo ipotesi di illecito, ma non credo neppure alla casualità. Rispondi a M.T

  • Sandro carrino ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 10:13 :

    Domenica mattina ore 10.00 tutti in piazza a occupare il comune.....prendiamo in mano Manduria e facciamo valere i nostri diritti......ci siete? Non tiratevi indietro pecoroni.... Rispondi a Sandro carrino

  • francesca leo ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 08:17 :

    La Banda KOC è composta da politici ex funzionari , falsi imprenditori e componenti di clan malavitosi , a Manduria controllano tutto!!! Tutti lo sanno Rispondi a francesca leo

  • francesca leo ha scritto il 09 gennaio 2020 alle 08:04 :

    È tutto inquinato dalla Mafia , questa è la prova che tutto il tessuto aministrativo è Marcio ! Annullate tutto , a non fatevi distrarre da questo fatiscente concorso riguardo alla vicenda Fiera pessima , Manduria è completamente assogettata alla Mafia dei Colletti Bianchi e alla famosa " Banda KOC " !!! Intervenga la Magistratura antimafia. Rispondi a francesca leo