Vertice a bari tra tecnici e politici

Acqua e fogna ovunque, anche nelle marine: parola di Pentassuglia, Aqp e commissari

«Sono stati già realizzati – fa sapere la commissione straordinaria - quelli di Via delle Acacie, Citronelle e Leonida; mentre, sono in corso di realizzazione i tronchi di Via Paisiello e Maria d’Enghien»

Locali
Manduria giovedì 28 novembre 2019
di La Redazione
Lavori scavo
Lavori scavo © Google

L’acquedotto pugliese sarebbe pronto a finanziare l’intera rete idrica e fognaria nelle marine manduriane. L’incredibile e benaugurale notizia è contenuta in un comunicato stampa della commissione straordinaria del Comune di Manduria. Che per il momento annuncia l’ammissione a finanziamenti di tre strade di San Pietro in Bevagna, Via Bernardo da Casalnuovo e Via 219, Via delle Tuberose e Via Chinnici a Manduria.

«Sono stati già realizzati – fa sapere la commissione straordinaria - quelli di Via delle Acacie, Citronelle e Leonida; mentre, sono in corso di realizzazione i tronchi di Via Paisiello e Maria d’Enghien».

Lo scorso 14 novembre – si fa sapere nel comunicato stampa del comune -, si sarebbe tenuto un incontro presso l’Autorità Idrica di Bari tra il direttore generale, Vito Colucci insieme ad altri tecnici dell’Autorità stessa, e un componente della commissione straordinaria del comune Messapico nel corso del quale sarebbe stata esaminata la situazione igienico-sanitaria del Comune di Manduria e delle sue frazioni marine. In quel contesto, spiega la nota, «si è convenuto sulla necessità di procedere, quanto prima, al finanziamento dell’ampliamento della rete idrica e fognaria in tutta Manduria nonché al finanziamento della realizzazione dell’intera rete idrica e fognaria nelle marine».

A seguito di tale riunione che sarebbe stata organizzata dal consigliere regionale del Pd, Donato Pentassuglia, sarebbe stato assicurato il prossimo finanziamento delle seguenti strade manduriane: Monte dei Diavoli, Metaponto (zona Barci), tratto interno; Scuola Agraria “Mondelli”, tratto fuori dell’agglomerato urbano, lungo la strada provinciale per Maruggio; Casaburi (tratto idrico sino al tronco della fognatura esistente); Vico IV Ferdinando Donno (idrico già canalizzato da fognatura); Bruno Buozzi (dal tronco idrico esistente sino alla presenza di costruzioni); 229, idrico e fognante (strada pubblica a seguito di cessione al Comune); Marina, nel tratto tra il tronco esistente e il rondò nella strada provinciale nr. 141 (struttura comunale Masseria “Marina”, circa 1200 mc.); Borraco, dal tronco esistente e fino alla presenza di costruzioni (350/400 mc.); delle Mammole.

La nota stampa del comune informa infine che è stato concordato «un tavolo tecnico, da tenersi a breve, tra l’Autorità Idrica Pugliese, l’Acquedotto Pugliese e la Commissione Straordinaria di Manduria, per esaminare le ulteriori esigenze di estensione delle reti idriche e fognarie in Manduria nonché per la realizzazione di tali opere anche nelle frazioni di San Pietro in Bevagna e Torre Colimena».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • lorenzo ha scritto il 29 novembre 2019 alle 16:52 :

    Che l' acquedotto pugliese cominciasse ad investire nelle riparazioni delle perdite che ha, conclamate sulla sua centenaria rete e riducesse gli stipendi dei membri del cda sproporzionati rispetto ai risultati. Tanto paga pantalone. Ecco questo sarebbe un vero obbiettivo altro che le favolette per i creduloni Rispondi a lorenzo

  • demetrio ha scritto il 29 novembre 2019 alle 08:06 :

    Come al solito siamo in un periodo di ARIA FRITTA. Periodo ELETTORALE, solo favole è comunque AQP se fosse vero da il dolcetto,per far passare in secondo piano lo scarico finale del depuratore. In un progetto serio di acqua e fogna, non si possono fare impianti in un quartiere come (BARCI) solo in una strada VIA METAPONTO e lasciare un intero quartiere a BOCCA ASCIUTTA solo tanta amarezza. Rispondi a demetrio

  • giorgio sardelli ha scritto il 28 novembre 2019 alle 16:43 :

    L'unica certezza è il DEPURATORE che stanno costruendo, poi viene la discarica che inquina un'altra discarica stracolma e DIO sa cosa ci hanno messo li sotto poi in Manduria Città dai tanti profumi di fruttato col primitivo l'olio buono ma nel degrado più assoluto con un palazzetto dello sport che c'è ma non si vede tanto ancora e si respira un'aria puzzolente che nessuno vuole dire da dove arriva, forse è vapore invisibile ma che penetra nei polmoni di tutti........stop ma non si ferma qui. Servizi igienico sanitario siamo allo stato di terzo mondo e con tutta la buona volontà del Carissimo Sig. Pentassuglia a Manduria servono trent'anni di buon governo per recuperare dal degrado, quello che è scritto nell'articolo è una goccia nel deserto Rispondi a giorgio sardelli

  • Francesco de pasquale ha scritto il 28 novembre 2019 alle 15:40 :

    Non dimenticate via Manuela loi Rispondi a Francesco de pasquale

  • lorenzo ha scritto il 28 novembre 2019 alle 09:25 :

    Non dite Gatto se non lo avete nel sacco!! Attenzione, periodo di favole pre elezioni e situazione particolare in zona Urmo. Attenzione a non sognare alla Marina!! Rispondi a lorenzo

  • antonio curri ha scritto il 28 novembre 2019 alle 08:51 :

    Lo "zuccherino" per lo scarico a mare? O no? Rispondi a antonio curri

  • Antonio ha scritto il 28 novembre 2019 alle 07:48 :

    Manca all'appello la Via Giardini dove manca la fognatura pur essendo in pieno centro storico.Qui il tronco esiste ma nn funzionante perché la progettazione ha fatto male i calcoli perché la pendenza è in senso opposto.L'impianto fognante funzionante termina in corrispondenza della Caserma dei Carabinieri.Allora cari commissari datevi da fare e sistemate questo imbroglio. Rispondi a Antonio

  • sergio di sipio ha scritto il 28 novembre 2019 alle 07:40 :

    Se conoscete cosa sia la felicità oggi ne sono pieno. Non solo per me ma per l'intera comunità Tarantina vessata da problemi terzomondisti ed ora con una strada per un avvenire nuovo ed affascinante. Avetrana, Manduria con le Marine dovranno unirsi per fare sbocciare quel fiore appena accennato oggi da questo giornale. Un abbraccio a tutta la comunità ricordando che dovremo smettere di litigare ed impegnarci solo sul futuro. Grazie Redazione tutta. Rispondi a sergio di sipio

  • Gioia vincenzo ha scritto il 28 novembre 2019 alle 07:40 :

    Felice che si lavori per la città ma vorrei ricordare che Manduria vive 24 mesi e la marina circa 60 giorni lanno Cosa voglio dire priorità per Manduria io abito in piazza Plinio il vecchi e in sieme a me altre persone che chiediamo fogna e acqua e la risposta e condotte vecchie non sopportano altro carico . ? Rispondi a Gioia vincenzo

    Michele brunetti ha scritto il 28 novembre 2019 alle 13:53 :

    a me interessa San Pietro in Bevagna perché a Manduria ce l'ho Rispondi a Michele brunetti