Le motivazioni della proroga semestrale

I tre Commissari promossi con lode

Secondo Salvini che ha dato fede al contenuto della relazione del prefetto di Taranto, «la commissione ha perseguito l’obiettivo del ripristino della legalità e della corretta gestione delle risorse comunali»

Locali
Manduria martedì 24 settembre 2019
di La Redazione
I tre commissari
I tre commissari © La Voce

Il Ministero dell’Interno ha pubblicato i motivi che permetteranno ai tre commissari straordinari di Manduria, Vittorio Saladino, Luigi Scipioni e Luigi Cagnazzo, di restare nella città Messapica per altri sei mesi oltre il tempo stabilito. In una relazione che pubblichiamo integralmente a parte, l’ex ministro Matteo Salvini ha messo nero su bianco tutti i meriti (demeriti nessuno) che hanno valso la promozione ai tre commissari.

Secondo Salvini che ha dato fede al contenuto della relazione del prefetto di Taranto, «la commissione ha perseguito l’obiettivo del ripristino della legalità e della corretta gestione delle risorse comunali» e la sua attività «è stata improntata alla massima discontinuità rispetto al passato (…) per interrompere le diverse forme di condizionamento riscontrate nella vita amministrativa del comune».

Un’opera così preziosa che non si può interrompere dopo soli due anni. Quindi: «l’avviata azione di riorganizzazione e ripristino della legalità, nonostante i positivi risultati conseguiti dall’organo straordinario, non può ritenersi conclusa».

Per meritare una fiducia simile non bastano le parole. Ed ecco l’elenco dei successi e obiettivi raggiunti grazie ai quali il comune di Manduria e i cittadini manduriani hanno assistito alla svolta che, a leggere la lista, mancava evidentemente da anni. L’elenco è lungo ma i meriti principali attributi ai tre commissari sono: «la messa in sicurezza di un ex discarica (la “Li Cicci?”, NdR), la rinaturalizzazione delle aree del fiume Chidro e la realizzazione di un centro logistico operativo delle riserve naturali, i lavori di ammodernamento delle strade rurali pubbliche di collegamento con le arterie provinciali e statali». E ancora. «La gestione dell’area archeologica delle Mura Messapiche e di due altri poli museali ad una cooperativa locale», «la predisposizione di bandi per l’assegnazione di postazioni per le attività commerciali, al fine di evitare il fenomeno dell’abusivismo mercatale nelle zone marine».

Una efficienza simile, per il prefetto di Taranto e per l’ex ministro Salvini, non può essere dispersa così presto. Basta vedere i progetti in itinere nel settore ambientale «attesa l’impellente necessità – si legge - di disporre il ripristino del depuratore comunale, la bonifica delle discariche abusive e la revisione dell’impianto di compostaggio che viene utilizzato da circa 30 comuni della provincia».

Per quanto riguarda gli investimenti in arrivo e le opere di pubblica utilità che sono in cantiere, le relative gare devono essere gestite nel rispetto delle leggi, comunque non dalla politica. «L’entità dei finanziamenti … ed il carattere strategico delle opere da realizzare – si legge nella relazione - rendono evidente l’esigenza che le procedure di scelta del contraente e di affidamento dei lavori si svolgano nel rispetto delle norme vigenti in materia ed in linea con il crono-programma approvato dagli organi regionali, risultando pertanto necessario che le stesse siano portate a termine dal medesimo organo di gestione straordinaria che ha avviato l’attività di risanamento dell’ente». Il risanamento, grazie alla proroga concessa ai tre commissari, terminerà a maggio del 2020.

Nazareno Dinoi

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Cricoriu ha scritto il 24 settembre 2019 alle 18:06 :

    Ma porc.... Ah già no... Non si po iastimari. È davvero aberrante e paradossale questa situazione. Se facciamo un sondaggio di gradimento su tutta la popolazione sui risultati conseguiti .... Andiamo a zero spaccato... Mancu loru si "gradiscono" Rispondi a Cricoriu

  • Alessandro ha scritto il 24 settembre 2019 alle 11:59 :

    Che bravi stanno facendo tanto per Manduria... Il Mega depuratore in un area protetta, la FIERA PESSIMA ogni anno sempre più bella, che dire se mi sfugge qualcosa aggiungete pure... Godiamoci ancora questi altri bei sei mesi di buona amministrazione... Scusate il "sarcasmo" Rispondi a Alessandro

  • Piera calo" ha scritto il 24 settembre 2019 alle 08:03 :

    Speriamo che facciano qualche cosa perché Manduria é allo sfascio Rispondi a Piera calo"

  • Enzo Caprino ha scritto il 24 settembre 2019 alle 07:47 :

    Meglio stendere unvelo pietoso su quello che in questi due anni è stata l'amministrazione del Comue di Manduria. E' prassi costante del Ministero concedere i sei mesi di proroga, ,con le solite motivazioni, cioè con quelle che si leggono nell'articolo. Rispondi a Enzo Caprino

  • Gherardo Maria De Carlo ha scritto il 24 settembre 2019 alle 07:24 :

    Peccati che io, e non solo io, non ci siamo accorti di nulla, ma solo quanto, gli stessi, sono costati alle casse comunali... Rispondi a Gherardo Maria De Carlo

  • lorenzo ha scritto il 24 settembre 2019 alle 06:59 :

    Grazie Signore mio Dio di averci dato Salvini e con lui i Commissari solerti, ligi e competenti. Poi mio Signore non lamentarti se le chiese hanno sempre meno fedeli. Rispondi a lorenzo

    Marcello Filotico ha scritto il 24 settembre 2019 alle 18:55 :

    LA VEDOVA SCALTRA (vignetta nel giornale satirico Travaso delle Idee, anni 40) rappresentava una donna in gramaglie al seguito del funerale del marito che chideva al Signore di fargli raggiungere il coniuge al verificarsi di un evento impossibile.. Nel nostro caso avrebbe detto : Signore fammi vedere Manduria ben amministrata (cosa impossibile) e poi raccoglimi pure vicino a quell'anima benedetta- Rispondi a Marcello Filotico

    Lorenzo ha scritto il 25 settembre 2019 alle 12:32 :

    Gentile Marcello, penso che per vedere ben amministrata Manduria, ma anche ben valorizzata nei suoi aspetti unici, penso che per 20 anni in comune, uffici compresi non ci dovrebbero essere manduriani, diciamo pugliesi. Nel frattempo a partire dalle scuole d'infanzia, fino alle scuole superiori, un ora a settimana di educazione civica. Ecco fra 20 amni, ci saranno le nuove leve della politica cittadina, che oltre ad amare Manduria a parole la ameranno anche con i fatti. Un miracolo! Rispondi a Lorenzo