Trenta casette già montate sugli alberi dei giardini pubblici

Il comune di Sava adotta i pipistrelli per la lotta biologica alle zanzare

Ogni pipistrello può mangiare fino a 2000 zanzare per notte ma si nutre anche di falene e scarafaggi.​

Locali
Manduria martedì 18 giugno 2019
di La Redazione
Le bat box di Sava
Le bat box di Sava © La Voce di Manduria

Pipistrelli contro le fastidiosissime zanzare, un sistema economico e biologico. Il comune di Sava ha fatto installare sugli alberi dei luoghi pubblici una trentina si “Bat box”, le apposite casette destinate ad ospitare i preziosi mammiferi che si nutrono di insetti. Queste per evitare l’irrorazione di sostanze insetticide il cui uso è ritenuto pericoloso per l’ecosistema e per l’essere umano.

I pipistrelli sono animali protetti e a rischio di estinzione a causa dell’inquinamento e della mancanza del loro habitat. Per allevare un pipistrello quindi è necessario acquistare e installare in giardino la casetta studiata per ospitarlo (bat box) e attendere con santa pazienza che uno di questi animaletti la scelga come fissa dimora. Ogni pipistrello può mangiare fino a 2000 zanzare per notte ma si nutre anche di falene e scarafaggi.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Joe ha scritto il 19 giugno 2019 alle 09:47 :

    Sava e Manduria dovrebbero avere 200 scatole di pipistrelli pronte per l'Urmo Depuratore ... Rispondi a Joe