Il Giannuzzi si ridimensiona, primi infermieri trasferiti a Taranto

Locali
Manduria domenica 30 ottobre 2011
di Redazione
Il Giannuzzi si ridimensiona, primi infermieri trasferiti a Taranto
Il Giannuzzi si ridimensiona, primi infermieri trasferiti a Taranto © n.c.

TARANTO — È caos nella Asl di Taranto per la decisione della direzione di procedere alla dismissione di alcuni reparti con la conseguente dislocazione del personale da un ospedale all'altro della provincia. I presidi presi di mira sono quelli di Mottola e Massafra, già depotenziati con il piano di riordino, e Manduria e Taranto Nord.
Sarebbero qui, secondo il management dell'azienda sanitaria, i rami secchi da tagliare per alleggerire il peso della crisi. Ieri da Manduria sono partite le prime lettere di trasferimento per undici infermieri che dal primo novembre saranno trasferiti negli ospedali di Taranto e di Grottaglie. Il personale interessato è quello dei reparti di ginecologia e pediatria-nido la cui chiusura è ormai decisa. Stessa sorte spetta alla chirurgia dell'ospedale Moscati di Taranto dove rischiava anche il pronto soccorso che secondo una prima ipotesi doveva restare aperto solo per dodici ore al giorno. Sempre da lunedì si dimezzerà l'orario dei punti di primo intervento (pronto soccorso con ambulatorio) di Massafra e Mottola. Non ancora definita, infine, la sorte dei circa 350 dipendenti, in gran parte infermieri, il cui contratto scadrà a fine mese.
Non tutti saranno salvati dal recente accordo della Regione Puglia che prevede la copertura degli stipendi con risparmi di bilancio per garantire la permanenza sino al 31 dicembre nella speranza che dal primo gennaio 2012 il governo si decida a revocare il blocco delle assunzioni. Ieri la mossa unilaterale della direzione Asl di far partire le lettere ha creato imbarazzo tra i sindacati che si sono sentiti messi da parte su decisioni così importanti nonostante la promessa di un loro pieno coinvolgimento.
Per questo la Cgil Funzione pubblica parla di «espressione di caos gestionale» e «di arbitrio rispetto ai principi discussi nella contrattazione aziendale del 27 ottobre». In un comunicato diffuso ieri il sindacato di categoria della Cgil definisce l'operazione della Asl come «un'azione di ridicolizzazione del sindacato che, a distanza di 24 ore dalla diffida di ieri, non ha ricevuto nulla di quanto chiesto. Lunedì 31 alle ore 8 - si legge nel documento - il segretario generale della Fp CGIL Taranto si presenterà in Asl e firmerà il verbale del 27-10-2011 solo dopo aver ricevuto copia di tutti gli atti relativi al personale emanati in assenza della relativa delibera aziendale».
Nazareno Dinoi sul Corriere del Mezzogiorno

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Raffaella Stranieri ha scritto il 31 ottobre 2011 alle 19:10 :

    Eeh la ruota gira:-) l'ospedale di Manduria nei decenni ha mietuto vittime tra i bravi medici e tra i pazienti in quanto ricettacolo di clientelismi e assunzioni con raccomandazione. Un p di movimento fara' bene a tutti;-) Rispondi a Raffaella Stranieri

  • Fabio ha scritto il 31 ottobre 2011 alle 17:19 :

    Cari cittadini di manduria dobbiamo muoverci visto che queste persone che ci governano non valgono a niente l'ospedale non si tocca,BOICOTTIAMO LE ELEZIONI NO OSPEDALE NO VOTO TUTTI COMPATTI Rispondi a Fabio

  • giacomo ha scritto il 31 ottobre 2011 alle 16:26 :

    @l.demetrio: Posti di lavoro a rischio? Sai quanto se ne fregano loro....li abbiamo votati, e mo ni la st mettunu a cuddu postu. Dobbiamo mandarli via tuttttttti!!! Non dobbiamo pi votarli ne destra ne sinistra ne centro solo gente nuova e non i soliti menefreghisti!!! Sono oltre 20 anni che prendono per il .........! ciao Rispondi a giacomo

  • giangy ha scritto il 31 ottobre 2011 alle 16:21 :

    @Tonino Roberto: tanto impunemente no, loro hanno un amministrazione forte o almeno migliore della nostra che si trova un sindaco che non c'....e gli altri dormono e non sanno agire (e francamente nemmeno parlare la maggioranza di loro la laurea l'ha presa al CEPU) ma sopratutto se ne fregano e fano solo i loro interessi. Ben ci st la prossima fiata mmparamu!!! Rispondi a giangy

  • Federico ha scritto il 31 ottobre 2011 alle 11:53 :

    @l.demetrio: I manduriani non si pongono le tue domande. Tormunu e basta Rispondi a Federico

  • TIZIANA QUARTULLI ha scritto il 30 ottobre 2011 alle 18:22 :

    PRENDIAMO UN POLITICO A CASO CON LA MOGLIE INCINTA,FACCIAMO CHE NN ARRIVA A GROTTAGLIE...QUANTO VORREI PARTORISSE IN APERTA CAMPAGNA...MAGARI CAPISCONO POI PRENDIAMO UN GRAVE INCIDENTE SENZA ORTOPEDICI REPERIBILI MA SEMPRE AD UN POLITICO COS FORSE CAPIREBBERO I VECCHIETTI CHE NN POSSONO ANDARE DA NESSUN ALTRA PARTE...CERTO POI SI VA CONTRO A CHI PROTESTA BASTA CON LA CASTA Rispondi a TIZIANA QUARTULLI

  • l.demetrio ha scritto il 30 ottobre 2011 alle 16:39 :

    COME AL SOLITO STIAMO ANCORA ZITTI E FERMI HANNO RAGIONE QUANDO DICONO CHE SIAMO UN PAESE IN CUI COMANDONO GLI ALTRI DI FUORI !!! DOVE SONO I NOSTRI POLITICI ? COSA STANNO FACENDO PER SALVARE I REPARTI INTERESSATI E I POSTI DI LAVORO A RISCHIO??? QUANDO INCOMINCERANNO HA FARE POLITICA SERIA ??? SVEGLIA!!!!! Rispondi a l.demetrio

  • Luca ha scritto il 30 ottobre 2011 alle 14:41 :

    Le discariche e la puzza a noi.........gli ospedali e i servizi agli alti. Rispondi a Luca

  • Tonino Roberto ha scritto il 30 ottobre 2011 alle 12:21 :

    Perch non spostano quelli di Grottaglie a Manduria? infondo il nostro ospedale pi grande e pi attrezzato. Mazze e corna come sempre vero? ci facciamo togliere tutto impunemente. Rispondi a Tonino Roberto

  • zorra ha scritto il 30 ottobre 2011 alle 09:33 :

    Che fine stiamo facendo! Poveri giovani! Rispondi a zorra