Capitolato povero

Il business della spazzatura abbandonata: i “lavori extra” portano 51mila euro alla Gialplast

Gli accordi del responsabile della regolarità del contratto

Locali
Manduria venerdì 08 ottobre 2021
di La Redazione
Rifiuti nelle marine
Rifiuti nelle marine © La Voce di Manduria

La cosiddetta “raccolta suppletiva dei rifiuti solidi urbani” è costata al comune di Manduria 51mila euro che sono finiti nelle casse della Gialplast, l’impresa che si occupa dell’igiene urbana della città. Si tratta della spazzatura abbandonata sulla litoranea e nelle arterie principali delle marine manduriane.

Quella, per intenderci, che veniva ammassata dagli incivili ma anche da chi, non trovando i famosi cassonetti fatti sparire per volontà dell’amministrazione comunale, è stato costretto (in alcuni casi anche invitato dagli addetti ai lavori) ad abbandonarla agli angoli dove periodicamente il personale Gialplast andava a raccogliere non certo gratuitamente.    

Nel computo dei 51mila euro, così come è stato stabilito dal responsabile della regolarità del contratto, il dottore di agraria, Andrea Occhilupo, rientra anche la raccolta extra dei rifiuti del centro storico di Manduria e il protrarsi della raccolta porta a porta nelle marine sino al 30 settembre oltre alla pulizia delle spiagge nel periodo dal 16 al 30 settembre. Tutti interventi extra non previsti nel capitolato che vengono di volta in volta concordati da Occhilupo sentito il responsabile comunale del settore ambiente.

Lascia il tuo commento. (Quelli con indirizzo email falso non saranno pubblicati)
commenti
I commenti degli utenti
  • Gregorio ha scritto il 10 ottobre 2021 alle 10:21 :

    Il paradosso che mi assilla !!!! Hanno tolto i cassonetti, hanno dato il consenso di depositare i rifiuti in alcune zone,.... poi mettono le telecamere !!! In più il Comune paga 51.000,00 euro alla GIALPLAST !!! Mah !!!! I conti NON TORNANO !!!! 🙄🧮 Rispondi a Gregorio

  • SALVATORE CERVELLERA ha scritto il 09 ottobre 2021 alle 07:57 :

    L'inciviltà domina con i suoi numerosi furbacchioni, l'ignoranza subisce e i filibustieri ridono, guadagnano e sfruttano quella bella zona marina! IL tutto recando un grave danno ambientale, di immagine e decoro al luogo, nonostante in quella zona, anche se solo d'estate, ci vivono e, con metodi e costi opinabili, affittano ai turisti! I responsabili vanno cercati tra i filibustieri, probabilmente non tutti locali! Solitamente in una società che funziona i fenomeni illegali vengono contrastati energicamente con attività mirata di prevenzione e sanzionatoria! Basterebbe attivarsi in tal senso per ridurre la schiera dei furbacchioni e far rispettare le regole a chiunque! Le persone che ignorano le regole sono molto più oneste, più educate e più leali dei navigati filibustieri! Rispondi a SALVATORE CERVELLERA

  • giorgio sardelli ha scritto il 08 ottobre 2021 alle 21:17 :

    sembra che la colpa del disastro ambientale a san petro è dell'assessore che ha fatto partire la raccolta il 15 luglio senza considerare che ci sono famiglie che si trasferiscono da maggio in aggiunta alle famiglie che vivono nella marina tutto l'anno pagando la loro bella tassa senza servizio al 100% opinione Rispondi a giorgio sardelli

  • Mirko Camillo ha scritto il 08 ottobre 2021 alle 20:05 :

    La colpa è di un capitolato sbagliato che lo sta rifacendo lo stesso personaggio che non capisce un cazzo se oggi si parla di gial Plast deve prima informarsi perché parliamo di un azienda molto attiva è attenta ci riempiamo la bocca che gli operatori mischiano ma vediamo un po'il giorno del non reciclabile Cosa c'è nei mastelli o per lo meno chi esce i mastelli perché i mastelli non bastano per tutto quello che buttano Rispondi a Mirko Camillo

  • Mario Fortunato ha scritto il 08 ottobre 2021 alle 17:09 :

    Adesso è colpa della Gialplast, non degli ignoranti incivili che abbandonano i rifiuti! Rispondi a Mario Fortunato

  • pro copio ha scritto il 08 ottobre 2021 alle 08:53 :

    mi sembra giusto! lavori straordinari con costi aggiuntivi. Bisogna anche pagare il personale che, per quello che mi consta, si fa in quattro per adempiere al proprio lavoro con orari di lavoro massacranti. Rispondi a pro copio

  • Tonino ha scritto il 08 ottobre 2021 alle 07:10 :

    Lo avevo già scritto: è un disordine organizzato. Il capitolato era stato fatto, tarato, proprio affinchè si arrivasse all'emergenza dei rifiuti abbandonati, la cui raccolta poteva essere fatta con extracosti poichè fuori capitolato. Così tutti sono esenti da reati. Altrimentio perchè non fu' preparato in modo tale che la raccolta iniziasse p.es dal 15 Aprile al 30 Ottobre ? Perchè fu' fatto solo per un periodo così breve ? Occorre che chi amministra sia più onesto, che controlli e che magari si faccia un giro per le marine e che si rendesse conto del disastro urbano ed ambientale. Buon lavoro Rispondi a Tonino

  • Maurizio ha scritto il 08 ottobre 2021 alle 06:52 :

    Mio pensiero,, Perché non viene fatto gara di appalti. Interessi di qualcuno? Rispondi a Maurizio

  • Lorenzo ha scritto il 08 ottobre 2021 alle 06:23 :

    Dovrebbero pagarli di tasca propria il Sindaco (Responsabile Sanitario Territoriale) e l' Assessore all' Ambiente. Vedevo come diventano efficienti. Invece paga pantalone. Opinioni Rispondi a Lorenzo

    Senza cuore ha scritto il 08 ottobre 2021 alle 18:25 :

    Lei ha sempre una soluzione per tutto. Brvo. bene. sette e più Rispondi a Senza cuore

    Lorenzo ha scritto il 09 ottobre 2021 alle 09:09 :

    Lei negherebbe la neve ad aprile pur calpestando la. Non è l' orgoglio Manduriano che fa un paese civile. La civiltà la si vede da come la città è pulita, la cultura divulgata, la storia tutelata, il mare preservato, le riserve naturali protette, le barriere architettoniche eliminate e la raccolta dei rifiuti a norma di legge. Non esserci nel 2021 alla Marina, isola ecologica, acqua potabile, fognature e Guardia medica, per lei dall' alto del suo amore per Manduria ( senza cuore 😎), in che posizione metterebbe questa città oramai al di sotto dei 30 mila abitanti? Opinioni caro lei, ma tutte con il cuore, sperando che Manduria un giorno diventi CAPITALE DELLA CULTURA come meriterebbe. Rispondi a Lorenzo

    Lorenzo ha scritto il 08 ottobre 2021 alle 19:12 :

    La matematica ha solo una soluzione 2+2 fa sempre 4. Se io scelgo una ditta senza dare supporti logistici in obbligo di legge ai cittadini ( piattaforme ecologiche di smaltimento) e, non prevedo, tolti i cassonetti alla Marina un sistema di raccolta anche degli ingombranti abbastanza celere, forse mi copro le spalle con i costi aggiuntivi perché tanto poi, scarico, la mia incapacità organizzativa sul singolo cittadino che paga tariffe da Costa Azzura. La ditta fa il suo lavoro, è il politico che deve programmare il sistema raccolta rifiuti. Se Manduria é ultima nella raccolta rifiuti, un motivo c'è. O no? Poi se a Lei piace scrivere senza porre anche soluzioni, non é colpa mia e io per fortuna non sono Lei. Per il voto, lo dia al suo cane, se lo possiede, quando le riporta il bastoncino. Rispondi a Lorenzo

    Senza cuore ha scritto il 09 ottobre 2021 alle 06:36 :

    Dove ha visto che Manduria è ultima nella raccolta differenziata? Perchè "la Voce" non rende nota tutta la graduatoria dei comuni della provincia compresa Taranto. A me risultano dati diversi. Per esmpio Taranto è poco sopra il 20%. Il voto è obbligatorio visto che lei, da quello che leggo, ne sa una di tutto.

    Lino ha scritto il 08 ottobre 2021 alle 19:01 :

    Bravo bravo,sette piu!mi ricorda ballarin in “squadra antitruffa”😂 Rispondi a Lino

    Lorenzo ha scritto il 09 ottobre 2021 alle 05:25 :

    Fantastico e lei è Lino? Banfi nella scena fuori dal Colosseo dove incontra l'amico d' infanzia prete? 🤣🤣