Il sindaco corre ai ripari

"Basta con i rifiuti abbandonati", il comune potenzia il porta a porta nelle marine

Da domani i rifiuti accuratamente differenziati devono essere posizionati fuori dalle proprie abitazioni rispettando il calendario predisposto per la città

Locali
Manduria lunedì 07 giugno 2021
di La Redazione
Rifiuti abbandonati
Rifiuti abbandonati © La Voce di Manduria

Dopo mesi di proteste e segnalazioni provenienti da più parti (residenti, villeggianti, stampa locale, solleciti sui social e, ultimo ieri, il servizio di Telenorba), l’amministrazione comunale di Manduria si è decisa a potenziare il servizio di raccolta rifiuti nelle marine.

Lo rende noto il sindaco Gregorio Pecoraro in una nota del suo staff. «A fronte dell’emergenza rifiuti verificatasi in queste settimane nelle marine della città – si legge – si dispone l’immediata partenza della raccolta differenziata».

Pertanto da domani 8 giugno i rifiuti accuratamente differenziati, devono essere posizionati fuori dalle proprie abitazioni rispettando il calendario predisposto per la città.

Il calendario è il seguente:

Lunedì: organico

Martedì: carta e cartone

Mercoledì: organico e indifferenziato

Giovedì: plastica e metalli

Venerdì: organico e vetro

Sabato: indifferenziato.

«Si chiede, a questo punto – invita il sindaco - la massima collaborazione a tutti i cittadini residenti nelle marine per salvaguardare il nostro prezioso patrimonio».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Antonio Daggiano ha scritto il 07 giugno 2021 alle 16:53 :

    mi auguro che in questo servizio rientrino tutti quelli che sono in regola con il pagamento della TARI, non facciamo come nel comune di Manduria, che senz' altro ci sono parecchi che la TARI non sanno nemmeno cose' anche se sono i primi a lamentarsi delle buste disseminate su tutte le strade, mi auguro che per il prossimo anno ci si muova prima, come per la pulizia delle erbacce sulle strade di non aspettare che si secchino altrimenti gli intelligentoni che anno il cerino facile, appiccano subito il fuoco. buone vacanze a tutti. Mentre noi cittadini di quarta categoria, abitanti nei Quartieri periferici di Manduria rimaniamo come sempre nell'assoluta precarieta. Grazie Signor Sindaco Gregorio Pecoraro, quando avete finito di sistemare le Marine noi siamo sempre qui ad aspettare. Rispondi a Antonio Daggiano

  • Pietro Saracino ha scritto il 07 giugno 2021 alle 14:17 :

    Bisogna mettere i bidoni per i pendolari specialmente nell'area pineta e in piazza Perdonanze, altrimenti non risolveretei il problema. I pendolari lasciano i rifiuti vicino alle nostre case. Pietro Rispondi a Pietro Saracino

    Gregorio ha scritto il 07 giugno 2021 alle 21:54 :

    ..e proprio questo è il problema, i PENDOLARI, che NON hanno un pizzico di RESPONSABILITA', perché portano di tutto nella loro auto, diretti sulla spiaggia dove STRAFOCANO (trad. mangiano) e buttano la spazzatura dove li pare, tanto ! C'è chi pulisce !! Aggiungo, questo succede A TUTTE LE ORE DELLA GIORNATA !!! Rispondi a Gregorio

  • Greco antonio ha scritto il 07 giugno 2021 alle 14:03 :

    Era ora che si prendessero provvedimenti seri.e che dire sui cigli delle strade, e nelle campagne poi,ce di tutto, dalle bottiglie gettate dai finestrini delle macchine in corsa,x poi passare ai sacchetti di rifiuti e buste piene di ogni genere gettati nei terreni dove meglio viene a tiro a questi signori quando escono di casa la mattina. (E una inciviltà).cari manduriani ciabbiamo la comodita'del porta a porta, xché non usufruirne? Il monitor e per tutti, rispettiamo il pianeta che e' casa di tutti, e la natura ci ringraziea'. ( un vostro copaesano). Rispondi a Greco antonio

  • Mario Fortunato ha scritto il 07 giugno 2021 alle 11:29 :

    Ma le fototrappole?? E fate girare qualche pattuglia in più, con posti di blocco.. E poi multe multe e multe!!! Rispondi a Mario Fortunato

  • Lorenzo ha scritto il 07 giugno 2021 alle 11:02 :

    Con la solita calma e flemma antico/messapica, e dopo che tonnellate di rifiuti con il vento sono volate ovunque nell'ambiente. Poi i dubbi rimangono specie sull' isola ecologica che da Imu ad Imu (dic 2020 giugno 2021) poteva e doveva essere già operativa magari nell'area Circo alla Marina . Opinione Rispondi a Lorenzo