Il 22 ottobre nel cinema Vignola di Polignano, regia di Matteo Pedone

La manduriana Simona Daversa nel cast del film “Il Commissario Spiedone. L’assassino non sono io"

La showgirl manduriana, speaker di Radio Studio2sps, attrice e presentatrice da palco - anche della XII edizione della festa della Voce di Manduria - vestirà i panni di Malena, una donna aristocratica e boriosa

Cultura
Manduria venerdì 15 ottobre 2021
di La Redazione
Il film
Il film © La Voce

Si chiama Simona Daversa e sarà una delle protagoniste principali del film tragicomico “Il commissario Spiedone. L’assassino non sono io”, regia di Matteo Pedone. In sala il 22 ottobre nel cinema “Vignola” di Polignano, nel barese, la showgirl manduriana, speaker di Radio Studio2sps, attrice e presentatrice da palco - anche della XII edizione della festa della Voce di Manduria - vestirà i panni di Malena, una donna aristocratica e boriosa.

Figlia della nobile famiglia Martini, Malena vive in una reggia signorile con la madre e la servitù, luogo tanto maestoso quanto funesto. Sarà, infatti, la casa Martini a divenire luogo del delitto a causa della morte della sua proprietaria. A occuparsi dell’omicidio sarà il Commissario Spiedone, un uomo arrogante e imbroglione, che riuscirà a risolvere il caso con l’aiuto di alcune intuizioni di terzi. Il Commissario Spiedone, già fiction per emittenti televisive come Antenna Sud, Telespazio Tv, Calabria tv e Lazio Tv compie l’importante passo raggiungendo il grande schermo della sala cinematografica.

Cento minuti di girato tra Oria, Martina Franca, Polignano e Casamassima con un cast corposo che vede la spiccata presenza di attori come Gigi Distaso, protagonista di programmi comedy anni novanta come Gommapiuma su Canale 5 e Drive In di Antonio Ricci e l’attrice cabarettista Francesca Cirone. E ancora, Gigi Attrice, Cascella Giuseppe, Daniele Condotta, Donato Francone, Franco De Giglio, Pietro Ciciriello, Anna Rita Elia, Sandra Santoro, Vincenzo Alghieri, Fadwa Rerhare, Giuseppe Romanelli, Vincenzo Martire, Dario Norcia, Annamaria Palermo, Maria Moscatelli e Giada Albanese. Il film “L’assassino non sono io” vede in aiuto regia Cinzia Clemente, ai costumi Rosa Lorusso, alla scenografia Enzo Angelini e Michele La Fortuna, Pino Loconsole per la sigla, produzione Blomb Pictures.

Marzia Baldari

Lascia il tuo commento. (Quelli con indirizzo email falso non saranno pubblicati)
commenti
I commenti degli utenti
  • Giuseppe Capogrosso ha scritto il 18 ottobre 2021 alle 20:23 :

    Ho particina o non è già fortunata ad aver avuto questa parte e orgogliosi x lei..... Quindi complimenti e auguri.... Rispondi a Giuseppe Capogrosso

  • Claudio ha scritto il 16 ottobre 2021 alle 08:58 :

    Ma chi sono questi attori? Rispondi a Claudio

  • Giovanni Angalone ha scritto il 15 ottobre 2021 alle 12:11 :

    Le solite particine di un film che non avrà nessuna risonanza mediatica visto il caste Rispondi a Giovanni Angalone

    Alessia demitri ha scritto il 16 ottobre 2021 alle 08:14 :

    Visto che fa il maestro perché non lo fa pure lei Rispondi a Alessia demitri

    SIMONA DAVERSA ha scritto il 16 ottobre 2021 alle 07:55 :

    Carissimo Giovanni , hai il piacere di leggere il commento direttamente da me ( Simona Daversa ) innanzitutto non mi hanno assegnato una particina ,ma ho un ruolo abbastanza importante. Comunque particina o NON,questo è il mio lavoro 😅,vengo pagata. Ah sì, dimenticavo: all'interno di questo film ci son personaggi conosciutissimi. Rispondo al tuo commento ,giusto per farti comprendere,😅😅😅 buona giornata carissimo . Rispondi a SIMONA DAVERSA

    Leonardo Moccia Piacenza ha scritto il 19 ottobre 2021 alle 09:19 :

    Cara Simone, è un onore vederti sul grande schermo, ma soprattutto è Manduria che deve renderti onore per questo importante esordio. Ti faccio in bocca al lupo per la tua carriera, sii coraggiosa e perseverante, non demordere, il Cinema ha bisogno di persone come te. Rispondi a Leonardo Moccia Piacenza

    Aldo Daversa ha scritto il 16 ottobre 2021 alle 06:55 :

    È solamente invidia. Mah.... Rispondi a Aldo Daversa