Invito alla popolazione

No scarico a mare, il video appello di Romina Power: "venite per favore, bisogna fare qualcosa"

Sabato alle ore 18 a Specchiarica

Attualità
Manduria mercoledì 16 settembre 2020
di La Redazione
Romina Power
Romina Power © La Voce di Manduria

Più disposta che mai a dare il suo contributo alla causa ambientale, Romina Power lancia un appello video per far partecipare il maggior numero di persone alla manifestazione prevista per sabato pomeriggio a Specchiarica e alla Salina dei Monaci di Torre Colimena.

La cantante da sempre vicina alla lotta delle popolazioni contro l'ipotesi di uno scarico a mare del depuratore consortile di Sava Manduria, lancerà un appello diretto a tutti i candidati alla presidenza della Regione Puglia e ai candidati del posto affinchè s'impegnino a scongiurare l'ipotesi dello scarico dei reflui in mare.


Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Fernando Maria Maurizio Potenza ha scritto il 17 settembre 2020 alle 12:16 :

    Io sono d'accordo per avere un depuratore che eviti il continuo inquinamento delle falde acquifere e del nostro mare. Ma i suoi scarichi, anche se puliti, potrebbero essere dislocati altrove e non nel nostro bellissimo mare. lio sanno tutti, che è generato dalle migliaia di abitazioni marine senza fogna ma sopratutto con pozzi neri e fosse imhof sfondatii. Però se qualcuno ne parla, siamo sempre tutti bravi a criticare. Mettiamoci la faccia pure noi. Basta girare la testa e aspettare che un "forestiero" ci tolga le castagne dal fuoco. Il territorio è dei Manduriani ma non vedo mai nessun manduriano o molto pochi e soli, che si sporca le mani per proteggerla, nella buona o nella cattiva sorte. Rispondi a Fernando Maria Maurizio Potenza

  • cosimoantonio ha scritto il 17 settembre 2020 alle 07:55 :

    Visto che il depuratore comunque serve e si deve fare, preferisco lo scarico a mare anziché le vasche in contrada marina che emetterebbero odore nauseabondo,d'altronde in tutta italia i depuratori scaricano a mare l'importante che funzioni bene. Rispondi a cosimoantonio

  • Giancarlino V. ha scritto il 17 settembre 2020 alle 05:43 :

    Tali personaggi sono come le pulsar........ appaiono e scompaiono nella stessa frazione di secondo! Non si può sposare una giusta causa e occuparsene a tempo perso, troppo comodo. Rispondi a Giancarlino V.

  • Fabio Dinoi ha scritto il 16 settembre 2020 alle 14:55 :

    Certamente saro li. Rispondi a Fabio Dinoi

  • Angela ha scritto il 16 settembre 2020 alle 14:26 :

    Ma Romina, come molti altri, dov'era negli ultimi 15 anni? Tutti novelli alla causa. Non si capisce che la storia non può continuare in eterno? Se si vuole veramente evitare lo scarico a mare bisogna accettare lo scarico emergenziale, (non si capisce perchè si dice scarico e basta), in una delle zone possibili tra le quali zona torre columena. Altrimenti siamo al libro dei sogni e intanto la falda continua a riempirsi di liquami che, non depurati vanno al mare da decenni. Questo Romina lo sa? Qualcuno glielo dica per favore. E le dica pure che a San Pietro, come a Manduria siamo senza acqua e senza fogna. Bene la manifestazione ma per chiedere cosa? non basta "no scarico a mare". Rispondi a Angela

  • claudio delos reyes ha scritto il 16 settembre 2020 alle 14:12 :

    Se Romina Power tenesse effettivamente al nostro territorio dovrebbe cercare di far abbattere le costruzioni abusive e "restaurare" i cordoni dunali unica barriera all'erosione marina Rispondi a claudio delos reyes

  • claudio delos reyes ha scritto il 16 settembre 2020 alle 14:09 :

    Volevo dire a Romina Power che non esiste "Torre Specchiarica" quindi che ho il dubbio che non sa di cosa parla. I liquami vanno comunque a finire al mare, ora attraverso i pozzi neri o le fosse settiche bucate delle abitazioni abusive che si trovano lungo la costa vengono versati tal quale nella falda superficiale ed arrivano al mare lungo tutto il bagnasciuga e le sorgenti d'acqua limitrofe, con il depuratore, invece, vengono scaricate a circa 3 kilometri dalla costa e "magari" depurate. La cosa che io vedo male è la concentrazione degli scarichi di più comuni che giova solo a pochi ma non alle comunità. Ognuno tenga i propri scarichi nel proprio territorio e nel mare prospiciente il proprio territorio. Rispondi a claudio delos reyes

    Alfredo marasco ha scritto ieri alle 11:35 :

    Bravo Claudio, visto he la regione ci ha fatto questo regalo, proporrei di fare una condotta sotterranea dove i reflui vengano suddivisi negli altri comuni per par condicion Rispondi a Alfredo marasco

    Gregorio ha scritto il 17 settembre 2020 alle 15:14 :

    Claudio dice -“...con il depuratore, invece, vengono scaricate a circa 3 kilometri dalla costa e "magari" depurate.”..... È proprio questo il problema, la parola “MAGARI “ e se così fosse ?? Quanta micro plastica andrà a finire in mare !!! E aggiungo I FILTRI ! Che tipo di filtri !? Che CLASSE? .. Classe 1 ? Classe 2 ? O magari Classe 5 la più economica !!! Così a 3 chilometri ( in Italiano) NESSUNO VEDE NIENTE !!!!! Perché non si utilizza l’acqua (in origine sporca) con canali per l’ irrigazione ??? Giusto per le nostre campagne che hanno tanto bisogno !?? Questo è ciò che penso io, almeno seguendo una logica !!! Rispondi a Gregorio

    pro copio ha scritto il 17 settembre 2020 alle 07:01 :

    il problema dello scarico emergenziale a mare per Sava non è possibile in quanto non ha territorio costiero di competenza. mentre sarebbe stato possibile lo scarico nel sottosuolo e per questo era necessario un suo proprio impianto autonomo. Invece fu abbinato a Manduria con impianto consortile, (errore del tempo). Adesso tutta questa discussione è inutile. Scarico emergenziale a terra se si vuole evitare il mare. Impianti controllati a vista dalle autorità, dalle associazioni ambientaliste e terminali video accessibili al pubblico sulla qualità delle manutenzioni ordinarie e straordinarie, qualità e quantità di acqua depurata e sua destinazione. Queste cose devono rivendicare associazioni e amministratori, altrimenti è isteria collettiva. Rispondi a pro copio

    Gregorio ha scritto il 16 settembre 2020 alle 20:50 :

    -“...con il depuratore, invece, vengono scaricate a circa 3 kilometri dalla costa e "magari" depurate. ” ..... È PROPRIO LA PAROLA [magari] CHE TANTO MI PREOCCUPA !!!!! E aggiungo, bè sì va bene a 3 Chilometri (in Italiano) così NESSUNO vede niente di ciò che si versa in mare e, non solo, quanta micro plastica andrà a finire in mare ??? Per quanto riguarda i FILTRI, che tipo di CLASSE ? La 1, la 2 o magari la 5 , la più ECONOMICA !!! Perché non usare l’acqua di scarico filtrata per le campagne ??? Che c’è tanto bisogno?? Rispondi a Gregorio