Socializzazione in rete

Era Covid: "Distanti ma vicini", il salto alla corda a distanza dall'idea di una manduriana

Per i più piccoli che non possono più ritrovarsi

Attualità
Manduria lunedì 23 marzo 2020
di La Redazione
Copertina
Copertina © La Voce di Manduria

La crisi del coronavirus sta notevolmente influenzando le nostre abitudini ed è al centro delle preoccupazioni di tutti. Nonostante gli ancora innumerevoli dubbi che nutriamo verso questo virus, riusciamo a comprendere l’importanza di restare in casa, di indossare mascherine chirurgiche e guanti per andare al supermercato e di seguire le indicazioni promosse dal presidente del Consiglio, Conte.

Ma come fare a spiegare questo isolamento forzato ad un bambino senza turbarlo? Spiegare che per un periodo di tempo indefinito non potrà tornare a scuola e riabbracciare i compagni, le maestre e gli amici e amiche del cuore?

Ha provato a farlo una mamma manduriana, Antonia Pesare, la quale ha inizialmente spiegato a sua figlia Beatrice di 5 anni che «il coronavirus è un piccolo invisibile nemico che cerca di farti del male ma tu non devi preoccuparti perché ci siamo io e papà a proteggerti. Non devi avere paura, devi lavarti le mani spesso e che, presto, tornerà tutto come prima e potrai rivedere i suoi amichetti, andare dai nonni, uscire al parco e andare al mare.» Successivamente, per distoglierla da questi pensieri, le ha proposto di disegnare e Beatrice, felice di farlo ha chiesto ad Antonia di inviare il disegno alle sue compagne tramite whatsapp.

«Ed è così che è nato questo progetto e il sito Distanti ma Vicini col Cuore», spiega la manduriana. «Ho pensato perché non far disegnare i bambini e tutti i loro disegni raccoglierli qui, su questo sito, sulla pagina facebook e su quella instagram?»

Il sito internet, gestito da Antonia (www.distantimavicinicolcuore.wordpress.com) raccoglierà i disegni di tutti i bambini fino ai 14 anni. Chi vuole farne parte deve inviare una e-mail a: distantimaviciniconilcuore@gmail.com indicando il nome, chi vuole anche il cognome o l’iniziale, l’età e la città di provenienza. Il disegno della copertina è stato realizzato da Beatrice Bianco, Melissa Rochira e Lucrezia L.

Francesca Dinoi

Lascia il tuo commento
commenti