Il problema preoccupa Breccia

Spazzatura non conforme: l’emergenza ora è in città

Muro contro muro del sindaco Pecoraro

Attualità
Manduria sabato 23 ottobre 2021
di La Redazione
Fenomeno: rifiuto non conforme in città
Fenomeno: rifiuto non conforme in città © La Voce di Manduria

L’emergenza dei rifiuti abbandonati si sposta dalle marine in città. Questa volta la colpa è la cattiva differenziazione della spazzatura domestica che coincide con una drastica decisione dell’amministrazione comunale che ha inasprito le regole di raccolta e conferimento della spazzatura. La conferma la dà il sindaco Gregorio Pecoraro che ieri ha fatto sapere in un comunicato stampa di aver dato disposizione ai vigili urbani di rafforzare i controlli rivolti al mal funzionamento della differenziata. Di cosa si tratta. Se l’umido è contenuto in buste non biodegradabili o se, ad esempio, i piatti di plastica non sono stati puliti prima di metterli nell’apposito raccoglitore, gli addetti al ritiro classificano tutto come “non conforme” lasciando l’immondizia sul posto. 

Il risultato si vede nelle strade di Manduria: buste di spazzatura ammassate e non ritirata da giorni. Il fenomeno è maggiormente presente nei condomini dove è più difficile l’individuazione dei proprietari del rifiuto. È il caso degli agglomerati della Sice e delle palazzine di via Pare Pio a Manduria. Così pure in altri quartieri dove, consapevolmente o meno, le famiglie non differenziano correttamente ciò che producono.

Inutile dire che il muro contro muro tra chi non differenzia bene e il sindaco Pecoraro rischia di aumentare l’indifferenziato che, contrariamente all’organico e alla plastica, non ha regole di smaltimento per cui tutto quanto deve essere ritirato e smaltito in discarica con aggravio di spese a carico di tutta la comunità e altrettanto guadagno per i gestori di impianti. Può accadere insomma che i cittadini più indisciplinati o gli impazienti o ancora quelli meno sensibili all’ambiente, infastiditi dalle regole la pensino così: non ritirate quello che differenzio? Allora butto tutto nell’indifferenziato». 

Il sindaco insiste e avverte: «i controlli attraverso i vigili continueranno fino a quando non si raggiungerà la corretta differenziazione dei rifiuti da parte dei cittadini».  Il primo cittadino invita pertanto tutta la cittadinanza, comprese le utenze non domestiche e i condomini «a differenziare correttamente i rifiuti poiché diversamente non saranno ritirati dalla ditta e tale disagio non sarà superato». 

La pensa diversamente il consigliere Mimmo Breccia che invita l’amministrazione comunale ad essere più cauta e a trovare una soluzione al problema senza «l’uso della forza». Il leader del Movimento Manduria Noscia, preoccupato che la situazione possa precipitare, propone una campagna di informazione e educazione sulla corretta differenziazione dei rifiuti rivolta soprattutto alle persone più anziane; utile anche la distribuzione gratuita di sacchetti biodegradabili. «L’unica campagna informativa – ricorda Breccia - è stata fatta sette anni fa e sarebbe opportuno ripeterla». Nel frattempo, insite Breccia, il comune deve immediatamente rimuovere i cumuli di spazzatura che creano problemi di immagine e di igiene pubblica e nel contempo intensificare i controlli».

Lascia il tuo commento. (Quelli con indirizzo email falso non saranno pubblicati)
commenti
I commenti degli utenti
  • THIS IS MANDURIA ha scritto il 31 ottobre 2021 alle 07:24 :

    come già detto da qualcuno il grosso del problema è chi non paga o non può pagare la spazzatura, o per reddito o per abitazioni abusive.. un altro problema che vorrei porre è un aspetto della campagna contro l'abbandono dei rifiuti al mare che ha creato un abbandono degli stessi non verso i soliti posti corrispondenti alla locazione storica dei cassonetti, ma ho notato una deriva verso terreni dei privati... mi sono trovato costretto in più di un occasione a rimuovere rifiuti da un mio terreno.. in un occasione ho riempito un carrello.. da un canto personalmente sarei propenso che si aprissero un po le maglie del sistema e permettere anche a chi non paga la spazzatura di poter differenziare in maniera corretta e poter conferire in maniera anonima senza problemi ed evitare quindi la deriva Rispondi a THIS IS MANDURIA

  • Antonio ha scritto il 25 ottobre 2021 alle 14:19 :

    Non occorre una grande intelligenza per scoprire che quelli che nn hanno il cassonetto non sono registrati presso l'assistenza Ufficio Tributi per pagare il tributo e abbandonano il tutto per strada o vicino casa in buste di plastica.Non sono necessari grandi investigatori ma solo vvuu del comune. Rispondi a Antonio

  • Mirko Camillo ha scritto il 24 ottobre 2021 alle 18:23 :

    Sono un ex operatore di sava che ha anche lavorato a Manduria prima del cambio di ditta vorrei dire la mia su vari commenti prima di tutto su breccia che è inutile che faccia il santo perché le persone la differenziata la sanno bene è non ci vuole arte per capire che tutto ciò che può essere riciclato non va buttato nel secco non riciclabile"indifferenziato" per le buste era un accordo che fu fatto da igeco col comune che non entra nel capitolato altro grande errore fatto da chi lo fece all'epoca credo più o meno valga per tutti la spiegazione un altro punto è il fatto che l'anno scorso stava diminuendo la percentuale solo che all'epoca i commissari non fecero i controlli con i vigili come è stato fatto a sava cosa che si sta facendo adesso il problema è che questo giornale è anti Pecoraro Rispondi a Mirko Camillo

  • Gregorio ha scritto il 24 ottobre 2021 alle 08:02 :

    Si lo so, chiedo troppo! Niente, una mia idea, il Sindaco dovrebbe dare ai cittadini ( soprattutto nei punti critici, tipo la zona SICE ) le buste CODIFICATE , in modo di risalire il cittadino “ scorretto “ Rispondi a Gregorio

  • Gregorio ha scritto il 24 ottobre 2021 alle 07:51 :

    Bisogna fare PIÙ pubblicità per quanto riguarda la differenziata, c’è gente che ancora non riesce a differenziare bene!! Esempio: i bicchieri in plastica sporchi nella PLASTICA, perché NON HANNO RESIDUI!! Ormai i cittadini sono abituati che , come vedono una MINIMA PARTE SPORCA, la considera INDIFFERENZIATO !!! Ma dai , un po’ di collaborazione !! Rispondi a Gregorio

  • Francesco ha scritto il 24 ottobre 2021 alle 06:28 :

    Il manduriano medio sempre a lamentarsi . Io non ho mai visto il furgone della indifferenziata raccogliere l'umido. Da me palazzina 6 della sice passano sempre con due camion distinti. Differenzio correttamente e non mi lasciano la busta con scritto non conforme . Ma vedo tantissime buste buttate lì con tutto dentro , bucce di frutta plastica carta , tutto insieme . Anche nei giorni della differenziata . Problema buste , un rotolo di buste costa 1,5 euro e compratelo e non state sempre lì a dare la colpa agli altri se non sapete distinguere la carta dalla plastica da un tovagliolo o da un vetro . Impegnatevi e vedrete che la tassa sui rifiuti calerà , ma così com'é non può calare perché le spese per il comune sono altissime . Rispondi a Francesco

    Maurizio ha scritto il 25 ottobre 2021 alle 15:26 :

    Buongiorno Sig Francexco Venga nella mia via è lo vedrà con i suoi occhi Rispondi a Maurizio

    Francesco ha scritto il 27 ottobre 2021 alle 13:16 :

    Guardi a me non interessa vedere. Io differenzio e il mio compito é quello . Così come pago le tasse e il mio compito é quello . Non sono certo un poliziotto o un controllore . Faccio il mio dovere . Poi se chi differenzia usa lo stesso camion ( a me non risulta ) o arrivato in discarica butta tutto insieme , questo non é un mio problema. Le varie aziende di raccolta manduriane come manduriaplast o ecologia mitrangolo che guadagnano sulla differenziata crede che non farebbero esposti e denunce qualora la ditta adibita a raccogliere buttasse nell'indifferenziato la plastica per una e il vetro per l'altra. Ed eden94 non denuncerebbe qualora non arrivasse l'umido per fare fertilizzanti perché gialplast ama prendersi gioco di tutti buttando tutto insieme ? Ma finiamola e facciamo il nostro . Rispondi a Francesco

  • Vincenzo ha scritto il 23 ottobre 2021 alle 19:51 :

    Il problema dei rifiuti non può avere un solo capro espiatorio cui attribuire tutte le incongruenze. Va pianificato il sistema del ritiro, compreso quello degli ingombranti, vanno scoraggiate manovre tese ad eludere, disattendendo, le buone norme sulla corretta differenziazione dei rifiuti. L'introduzione e distribuzione di sacchetti numerati gratuiti, riconducibili al conferitore, l'individuazione di chi è preposto alla verifica delle trasgressioni, la previsione di sanzioni, ricondurrebbe la raccolta nel giusto alveo, consentendo, nel tempo, la riduzione della TARI. Rispondi a Vincenzo

  • Fabrizio ha scritto il 23 ottobre 2021 alle 17:42 :

    Sensibilizzare il cittadino a differenziare correttamente è importante ma dare al cittadino un servizio che funzioni lo è ancora di più,xkè si sa come si dice a Manduria "lu pesci ti la capu zzicca a nfitesciri".Proprio 5 giorni fa ho avuto un grosso problema.Ho cambiato il frigorifero e il vecchio lo tenevo ancora in casa,ho chiamato x farlo portare via e mi hanno detto ke sarebbero venuti a prenderlo tra un mese.Un mese con un frigorifero rotto dentro casa? È normale?Alla fine si è risolto ke sono dovuto andare andare a trovare ki aveva un carrello e l'ho portato da me all'isola ecologica con tutti i fastidi e il tempo ke occorreva.Ecco ke poi a uno "li girano" e comincia a fare le cose nn correttamente.Quindi prima di puntare il dito l'amministrazione dovrebbe farsi un pó di autocritica Rispondi a Fabrizio

  • Maria Massaro ha scritto il 23 ottobre 2021 alle 14:46 :

    Dovrebbero anche istruire gli operatori ecologici .....giovedì con la plastica arriva il primo operatore vede la spazzatura raccolta in sacchetto di plastica nero e giustamente non la raccoglie.....arriva il collega e voilà sacchetto buttato nel compattatore......quindi noi in balia delle onde...... Rispondi a Maria Massaro

  • giorgio sardelli ha scritto il 23 ottobre 2021 alle 13:00 :

    CON TESTIMONIANZA OCULARE IN CERTE OCCASIONI C'E' CHI HA VISTO BUTTARE L'INDIFERENZIATO INSIEME ALL'ORGANICO TUTTO SU UN FURGONCINO DA PARTE DEGLI OPERATORI E QUESTO E' SUCCESSO NELLE MARINE GIA' E' COLPA DEI CITTADINI Rispondi a giorgio sardelli

    Gregorio ha scritto il 24 ottobre 2021 alle 13:37 :

    Buongiorno, succede pure a Manduria Rispondi a Gregorio

    Gregorio ha scritto il 24 ottobre 2021 alle 11:13 :

    ....e lo vuoi sapere il perché ??? DISPOSIZIONI DALL'ALTO !!!!!!! Tutto questo per mancanza di mezzi e operatori, e aggiungo anche per motivi di orario !!! Non vedo perché l'operatore rischia il licenziamento NON effettuando il suo lavoro corretto !! Bisogna usare un pò di LOGICA Rispondi a Gregorio

  • giorgio sardelli ha scritto il 23 ottobre 2021 alle 12:49 :

    Sembra che l'unico problema di Manduria sia la differenziata puntando sempre il dito contro i cittadini che vivono in un contesto che sotto gli occhi di tutti basta vedere le periferie in che stato sono le strade sicurezza ecc. un Sindaco che di fronte alla evidenza della ZTL starato indietro di mezzora minimo non annulla le multe ai cittadini tanto siamo in un comune virtuoso ci si può permettere di pagare anche le spese oltre i rimborsi già la colpa è dei cittadini e dei servizi in Manduria come acqua e fogna dove manca? Rispondi a giorgio sardelli

  • giorgio sardelli ha scritto il 23 ottobre 2021 alle 12:36 :

    la igeco partì per la raccolta dei rifiuti e distribuì le pattumiere e insieme le buste biodegradabili per l'umido che comunque inutili in quanto fragili inservibili ma li distribuì solo una volta poi tutti stanchi della buste fragili li cominciammo a comprare e non credo che è scritto da qualche parte che le buste sono anche a carico dei cittadini oltre a tutto quello che paghiamo. Il Sig. Sindaco ha mai controllato i camion dove scaricano di preciso? chi raccoglie l'umido se una settimana non può ricevere che succede già la colpa è dei cittadini, Un Sindaco che permette la puzza nauseante che invade Manduria se ne vuole parlare? non sia mai tutti ciechi sordi e il naso tappato i camion che arrivano da tutta la Puglia e scaricano a Manduria ne voglimo parlare? Le sporche periferie? Rispondi a giorgio sardelli

  • Gregorio ha scritto il 23 ottobre 2021 alle 11:05 :

    È giusto ed è corretto separare. PECORARO nella mia via al ritiro gli operatori passano una sola volta ritirando l'umido e l'indifferenza in una sola Volta,, (Pecoraro rimischiando il tutto) Rispondi a Gregorio

  • Walter ha scritto il 23 ottobre 2021 alle 10:59 :

    Pecoraro, stai dimenticando i bacchettoni e i parchi gioco dei Bimbi pieno di CACCA... Tu hai fatto il decreto???? I controlli? Rispondi a Walter

  • Pietro Scrimieri ha scritto il 23 ottobre 2021 alle 10:27 :

    Pienamente d'accordo con quanto dice il Consigliere Cosimo Brecci!! Cioè, xché non si fa carico la ditta preposta a distribuire periodicamente un tot di buste biodegradabili?? Visto che x ogni rifiuto vogliono un COLORE diverso?? N. B. E distribuendo intendo un'incaricato da parte LORO a consegnare casa x casa anche durante il ritiro del rifiuto! E non come già fatto negli anni passati a far andare la gente presso la ditta a mo' di pecoroni? Rispondi a Pietro Scrimieri

  • maurizio ha scritto il 23 ottobre 2021 alle 10:09 :

    Ridateci i cassonetti!!! Rispondi a maurizio

  • Alex ha scritto il 23 ottobre 2021 alle 07:58 :

    Io penso che il sig.pecoraro ha tanto altro a cui pensare invece di concentrarsi sui rifiuti creando solo disordini..a discapito sempre del cittadino che magari l'ha pure votato Rispondi a Alex

    Gregorio ha scritto il 24 ottobre 2021 alle 04:49 :

    Buongiorno, Sig Alex preoccupato che sta arrivando il mese di novembre Rispondi a Gregorio

  • Sara C. ha scritto il 23 ottobre 2021 alle 07:21 :

    D’accordo con chi non differenzia bene! Completamente in disaccordo sul problema buste! Ci forniscano loro le buste dato che noi paghiamo una tassa sui rifiuti, le buste biodegradabili io signor sindaco sa quanto costano? O le buste grandi per mettere la plastica o l’indifferenziato sa quanto costano? Meno male che ci sono stati forniti i contenitori (almeno quelli). Tempo fa ci fornivano le buste biodegradabili adesso non più! Caro sindaco ci metta nelle condizioni di rispettare le regole fornendoci un servizio idoneo Grazie Rispondi a Sara C.

  • Lorenzo ha scritto il 23 ottobre 2021 alle 07:02 :

    Anziché buttare i danari pubblici in casette di legno( Marina), spettacoli flop, che si investa in educazione alla raccolta differenziata. Con opuscoli informativi alle famiglie e nelle scuole. Dando ovviamente un tempo. Esempio tre mesi, dopodiché bastoni con le multe chi fa finta di non capire. Ma l' A. C. ha il dovere di aiutare, perché? Son pagati dalla gente. Quindi carissima assessora all' Ambiente sveglia, prendiamo qualche iniziativa e cominciamo dalle scuole del territorio. Nel frattempo facciamo le piattaforme ecologiche, 2 a Manduria e 2 alla Marina. Cultura, cultura e non solo ordinanze. Il Comune è appunto comune. Opinioni Rispondi a Lorenzo

    Enzo ha scritto il 24 ottobre 2021 alle 18:13 :

    Caro Lorenzo! Troppo bello per essere vero !! Rispondi a Enzo

    george ha scritto il 24 ottobre 2021 alle 17:50 :

    sono d'accordo con Lorenzo ... ci vogliono delle iniziative concrete prima di effettuare multe o controlli a caso - fare proselitismo e insegnare educazione civica (visto che, a quanto pare, questa manca) ... perchè nella cartella Tari non si inserisce qualcosa visto che molte volte ci sono delle pagine in bianco ?? -- bisogna prima insegnare, poi insistere ed alla fine , ovviamente, multare ... e poi i soldi ci dovrebbero essere per seguire meglio la cosa visto quanto si paga per il servizio e, riferendosi alle marine, per abitazioni abitate per pochissimi mesi ... ed il resto del denaro dove va ??? Rispondi a george