Venerdì, 9 Dicembre 2022

Salento Puglia e mondo

È successo in provincia di Foggia. Ai domiciliari operatori socio-sanitari, uno di questi avrebbe abusato sessualmente di un uomo e di una donna ultraottantenni

Vessazioni, percosse e abusi sessuali su anziani della Rsa, 4 arresti a Manfredonia

Le violenze Le violenze © La Voce Di Manduria

Quattro operatori sociosanitari della Rsa «Stella Maris» di Manfredonia (Foggia) sono stati arrestati perché accusati di maltrattamenti e abusi sessuali sui loro pazienti. Ai domiciliari sono finiti Antonio Vero (il solo a dover rispondere anche di violenza sessuale) di 42 anni; Mariano Paganini di 25, Michele Salcuni di 37 e Domenico Nuzziello di 31.

«Ti ammazzo, ti butto giù, bufalo, storpia». E poi ancora schiaffi sul volto, pugni, spintoni afferrandoli per i capelli colpendoli con cinture, asciugamani e soffioni per la doccia. Sono solo alcuni dei maltrattamenti di cui sono accusati i quattro indagati.

L’indagine della Squadra mobile è partita dalla denuncia di un operatore sociosanitario che il 30 maggio si è presentato in commissariato sostenendo di aver assistito in prima persona a maltrattamenti fisici e verbali ad alcuni degli ospiti della Rsa da parte dei suoi colleghi indicando anche i presunti responsabili.

A giugno è stata poi recapitata alla Polizia una lettera anonima nella quale venivano narrati presunti episodi di maltrattamenti fatti da alcuni operatori socio-sanitari ai danni di alcuni pazienti ricoverati nella Rsa. All’interno della busta vi era anche una chiavetta Usb contenente un file audio video sul quale erano state registrate le urla di un’anziana.

«La proprietà e la direzione della Stella Maris non hanno alcuna responsabilità e risultano danneggiate dalle condotte dei dipendenti, che saranno immediatamente sottoposti a sospensione cautelare». Lo ha detto all’Ansa Michele Vaira, legale rappresentante della Rsa di Manfredonia.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

1 commento

  • Donato
    gio 4 agosto 07:17 rispondi a Donato

    Questi sono dei criminali, dovrebbero già stare in galera altro che arresti domiciliari. Ma anche chi gestisce la struttura sono colpevoli, possibile che non si accorgono di quello che succede nella struttura, chissà quante ne succedono. Metterei telecamere dappertutto e vigilanti.

Salento Puglia e mondo
La Redazione - mer 7 dicembre

Disavventura finita bene per due automobilisti della provincia che per ritrovare le proprie auto dove le avevano ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - mer 7 dicembre

Nella mattinata odierna militari della Compagnia di Martina Franca della Guardia di Finanza hanno eseguito ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - mar 6 dicembre

Una brindisina di 88 anni, Giovanna Giorgiani, è stata investita questa mattina da uno scuolabus che procedeva in retromarcia. La donna è ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - mar 6 dicembre

Spaventoso incidente nella zona industriale di San Giorgio Jonico dove uno o due capannoni hanno preso fuoco. Si tratterebbe dello store con deposito ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - dom 4 dicembre

Diluvio universale in Salento con trombe d’aria, tuoni e fulmini che continuano incessantemente da 14 ore nelle città e nelle campagne, con allagamenti ...

B&B a luci rosse, denunciate due persone, una ai domiciliari
La Redazione - mer 23 novembre

I militari della Tenenza di Gioia del Colle coordinati dal I Gruppo Bari, hanno dato esecuzione ad un'ordinanza applicativa di misure cautelari personali - emessa dal G. I. P. del Tribunale di Bari su richiesta della Procura della Repubblica ...

"Il carcere mi ha salvata", la storia di Paola
La Redazione - mer 23 novembre

«Il carcere mi ha aiutata ad uscire dalla tossicodipendenza». A raccontarlo è Paola Aceti, prima cuoca e poi scrittrice, di origini romane, succube da anni della droga. La detenzione l’ha salvata perché costretta a riflettere ...

Taranto si prepara per lo shopping natalizio
La Redazione - mer 23 novembre

A grandi passi verso il lungo Natale dei Tarantini. Taranto prova ad accendersi con le luci della festa,  ergendo a simbolo della speranza e della volontà di reagire alla crisi, un grande e maestoso albero nel  cuore del centro-città. ...