Martedì, 16 Agosto 2022

Salento Puglia e mondo

È successo in provincia di Foggia. Ai domiciliari operatori socio-sanitari, uno di questi avrebbe abusato sessualmente di un uomo e di una donna ultraottantenni

Vessazioni, percosse e abusi sessuali su anziani della Rsa, 4 arresti a Manfredonia

Le violenze Le violenze © La Voce Di Manduria

Quattro operatori sociosanitari della Rsa «Stella Maris» di Manfredonia (Foggia) sono stati arrestati perché accusati di maltrattamenti e abusi sessuali sui loro pazienti. Ai domiciliari sono finiti Antonio Vero (il solo a dover rispondere anche di violenza sessuale) di 42 anni; Mariano Paganini di 25, Michele Salcuni di 37 e Domenico Nuzziello di 31.

«Ti ammazzo, ti butto giù, bufalo, storpia». E poi ancora schiaffi sul volto, pugni, spintoni afferrandoli per i capelli colpendoli con cinture, asciugamani e soffioni per la doccia. Sono solo alcuni dei maltrattamenti di cui sono accusati i quattro indagati.

L’indagine della Squadra mobile è partita dalla denuncia di un operatore sociosanitario che il 30 maggio si è presentato in commissariato sostenendo di aver assistito in prima persona a maltrattamenti fisici e verbali ad alcuni degli ospiti della Rsa da parte dei suoi colleghi indicando anche i presunti responsabili.

A giugno è stata poi recapitata alla Polizia una lettera anonima nella quale venivano narrati presunti episodi di maltrattamenti fatti da alcuni operatori socio-sanitari ai danni di alcuni pazienti ricoverati nella Rsa. All’interno della busta vi era anche una chiavetta Usb contenente un file audio video sul quale erano state registrate le urla di un’anziana.

«La proprietà e la direzione della Stella Maris non hanno alcuna responsabilità e risultano danneggiate dalle condotte dei dipendenti, che saranno immediatamente sottoposti a sospensione cautelare». Lo ha detto all’Ansa Michele Vaira, legale rappresentante della Rsa di Manfredonia.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

1 commento

  • Donato
    gio 4 agosto 07:17 rispondi a Donato

    Questi sono dei criminali, dovrebbero già stare in galera altro che arresti domiciliari. Ma anche chi gestisce la struttura sono colpevoli, possibile che non si accorgono di quello che succede nella struttura, chissà quante ne succedono. Metterei telecamere dappertutto e vigilanti.

Salento Puglia e mondo
La Redazione - oggi, mar 16 agosto

Un uomo di 31 anni di origini cinesi ma residente con al famiglia a San Pietro Vernotico è annegato nella piscina di una villa presa in ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - oggi, mar 16 agosto

Non si hanno notizie da ieri mattina alle 10 di un 79enne di Torre Santa Susanna allontanatosi intorno dalla sua abitazione per raccogliere fichi d’india ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - dom 14 agosto

Un volontario di protezione civile di 53 anni è stato arrestato e messo agli arresti domiciliari ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - sab 13 agosto

Paura nel quartiere San Vito a Taranto per un’esplosione che ha distrutto una parte di una villetta fortunatamente non abitata. Lo ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - sab 13 agosto

È morto Piero Angela. L'annuncio su Facebook del figlio Alberto: "Buon viaggio papà". Piero Angela aveva 93 anni ma è stato attivo ...

Infortunio nell'area industriale di Taranto, muore operaio di 53 anni
La Redazione - ven 5 agosto

Infortunio sul lavoro mortale questa mattina nell’area industriale di Taranto. A perdere la vita è stato un dipendente di una impresa metalmeccanica. Da una prima ricostruzione dell’accaduto, pare che l’uomo ...

Scontro sulla Statale 100 perde la vita una 23enne
La Redazione - dom 7 agosto

Ancora sangue sulle strade del tarantino, sulla Statale 100, nei pressi di Mottola in contrada San Basilio più volte in passato teatro di altri tragici incidenti. A perdere la vita è stata una ragazza di 23 anni della provincia di Bari. ...

Cadavere di un uomo nella pineta di Maruggio, aveva dei tagli ai polsi
La Redazione - dom 7 agosto

Un uomo di circa sessant’anni è stato trovato questa sera privo di vita all’interno di un’auto parcheggiata nei pressi della pineta di Maruggio. Presentava dei tagli ai polsi con vistose chiazze di sangue ...