Martedì, 23 Luglio 2024

Gli articoli

L'intervento del politico-esperto

"Sulle molestie odorigene si è perso troppo tempo"

Agostino Capogrosso Agostino Capogrosso © La Voce di Manduria

Il problema dei cattivi odori ci investe trasversalmente, incide quotidianamente sulla qualità della vita di tutti noi, ci costringe a serrarci in casa, costringe le attività di ristorazione a limitare l'uso dei dehor esterni per non dover "offrire" ai clienti odori da disgusto, incide sulla sfera turistico-ricettiva, nell'imbarazzo generale dei turisti e dei cittadini. Ogni azione sinora compiuta dall'amministrazione (segnalazione eventi olfattivi, tavoli tecnici, ...), non ha portato di fatto ad alcun risultato tangibile, né in termini di individuazione delle responsabilità, né di conoscenza della salubrità dell'aria che respiriamo.

Il problema andava affrontato da subito, convocando i rappresentanti di maggioranza e opposizione, chiedendo con umiltà il supporto di tutti, per affrontare insieme, un tema di salute pubblica che riguarda tutti i cittadini! Invece, si è dovuto ricorrere alla convocazione di un Consiglio Comunale monotematico, con una bozza di proposta di fatto priva di impegni concreti. Tutto ciò, con la consapevolezza che la molestia olfattiva non può che derivare dal superamento dei limiti imposti agli impianti potenzialmente coinvolti o dall'inadeguatezza dei processi di lavorazione e movimentazione dei materiali o dei sistemi di abbattimento inefficaci attualmente adottati dai medesimi impianti.

Ne abbiamo discusso in Commissione. In qualità di Presidente in carica della IV Commissione (Ecologia), ho chiesto che fossero forniti ai componenti, tutte le evidenze, i documenti e le interlocuzioni avute in questi tre anni di amministrazione con gli Organi di Controllo e le Autorità Competenti. Senza dubbio, è stata prodotta una mole significativa di documenti, da cui tuttavia, ho rilevato lacune, assenza di riscontri, scelte sbagliate e poca "reattività" nel prendere in carico le precisazioni degli Enti stessi. Una fra tutte, la nota di ARPA inviata al Comune di Manduria, già a gennaio 2023, in cui si legge: "È d‘altra parte necessario chiarire che i mezzi mobili per il monitoraggio della qualità dell’aria in dotazione ad ARPA, sono concepiti per il monitoraggio degli inquinanti in aria ambiente normati dal D. Lgs. n. 155/2010 come PM10, PM2.5, Benzene, Ossidi azoto (NOX), Ossidi di zolfo (SO2), Ossido di Carbonio (CO), ozono (O3).

L’unica sostanza odorigena monitorata dal laboratorio mobile è l’idrogeno solforato (H2S), inquinante che può essere emesso in svariati processi industriali, ma il cui monitoraggio, da solo, può non essere sufficiente a individuare o quantificare eventuali eventi di molestia olfattiva. Le molestie olfattive, infatti, sono generalmente prodotte da una miscela di sostanze che, avendo concentrazioni diverse e interagendo tra di loro, non è possibile determinare con singoli analizzatori automatici". Si è dovuto prendere atto quindi, che tale installazione, tanto ambita e decantata, non sarà affatto sufficiente per produrre uno studio olfattometrico rappresentativo, né potrà mai essere utile ad individuare con ragionevole certezza la provenienza dei miasmi olfattivi, dirimere l'annosa questione e identificare i soggetti responsabili.

E dunque, con la convocazione delle Commissioni Consiliari preposte, è venuta fuori la vera problematica da affrontare! Ci son voluti 3 anni, decisamente troppo tempo! Ho proposto quindi, la riformulazione del documento da portare in Consiglio Comunale Monotematico, introducendo i seguenti punti principali: - è assolutamente prioritario integrare la dotazione del mezzo mobile in uso, con ulteriori analizzatori specifici atti a rilevare, oltre all'idrogeno solforato (attualmente unico parametro odorigeno monitorato), anche altre sostanze o miscele di esse, potenzialmente responsabili delle molestie olfattive in atto; - è necessario dar seguito alla costituzione di un team di professionisti, prevedendo il coinvolgimento delle Università con specifici progetti di ricerca o incarichi a docenti e professionisti di comprovata competenza in materia; - occorre verificare lo stato dell'esposto presentato in Procura nel 2021 e su cui nessun riscontro ad oggi è mai pervenuto e di procedere eventualmente con una nuova denuncia all'Autorità Giudiziaria; - sollecitare ARPA alla verifica sistematica dei limiti di emissione odorigena stabiliti nelle Autorizzazioni di ciascun impianto e ad adottare specifici piani di contenimento delle emissioni stesse. Tuttavia, poiché come recita un vecchio nostro adagio "senza sordi no si canta messa", e considerato che in questi tre anni non ci sono stati investimenti su tale problema, mentre per svariate attività "ludiche e mondane" si è provveduto a spendere centinaia di migliaia di euro, mi aspetto ci sia un drastico cambio di rotta, altrimenti anche il Consiglio Monotematico del 22 novembre prossimo, sarà solo e semplicemente una "passerella"!

Un'azione che non concretizzerà nulla, ma servirà solo all'intera amministrazione per poter dire: "ci siamo interessati del problema"! Di fatto però il problema resta ... esattamente come per il sopralzo della discarica!

Ing. Agostino Capogrosso Presidente IV CCP - Ecologia e Attività Produttive Gruppo Consiliare Partito Democratico Comune di Manduria.

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

2 commenti

  • Mino
    dom 19 novembre 2023 05:51 rispondi a Mino

    L'odore dei soldi copre quello della puzza

  • Pietro
    ven 17 novembre 2023 06:16 rispondi a Pietro

    Sono passati tre anni e ancora non si sa come rilevare la puzza che si sente a Manduria e comuni limitrofi, secondo la direzione del vento. È strano solo che il nostro semplice nasino, rispetto a macchine tecnologiche sofisticatissime dei nostri giorni, riesca a sentire benissimo questi cosiddetti "odori"! Spero soltanto che anche questa volta, non sia la solita bolla di sapone! Ai signori consiglieri comunali, suggerisco di andare "preparati" alla seduta ad hoc del prossimo consiglio comunale, se di farà.

Maturità delle serali, quelli che si rimettono in gioco e ce la fanno
La redazione - gio 20 giugno

Maturità 2024. Ieri si è concluso un percorso, il nostro percorso, fatto di ore a volte piacevoli ed altre interminabili dietro ai banchi di scuola, di sorrisi, di fogli con date e codici sparsi dovunque, di interrogazioni ...

A Manduria Pd e sindaco fanno squadra insieme (ma non erano opposti?)
La redazione - ven 21 giugno

Un partito di opposizione, il Pd, che ringrazia il sindaco per il “lavoro svolto insieme”. E’ l’ennesima grottesca farsa politica alla quale Manduria assiste in questi giorni. L’argomento in questione ...

Demos: il comune di Manduria più generoso del comune di Ferrara
La redazione - sab 22 giugno

Entriamo nella specificità economica del ‘Comedy Film Festival’ che costerà 65 mila euro di denaro pubblico prelevato dalle casse comunali, come ha recentemente confermato il vicesindaco Vito Andrea Mariggiò. ...