Martedì, 16 Agosto 2022

Gli articoli

La lettera di una villeggiante

“Rifiuti non conformi”, quando la semplificazione è un miraggio

Il bidoncino sostitutivo ma "non conforme" Il bidoncino sostitutivo ma "non conforme" © La Voce Di Manduria

Egregio direttore, le scrivo per segnalarle quanto accadutomi stamattina sulla questione rifiuti nella marina di San Pietro in Bevagna  e sulla mancata raccolta degli stessi.

Sono una stagionale e risiedo presso una delle tante ville di San Pietro in Bevagna e come di consueto ieri sera, come da calendario raccolta dei rifiuti (che so esser stato modificato dal 01 agosto solo perché seguo la pagina Facebook del sindaco di Manduria) ho inserito il mio rifiuto di organico in busta verde compostabile nel mio contenitore posizionato  fuori al cancelletto della mia villetta.

Stamattina l’amara scoperta: il rifiuto non è stato raccolto e assieme vi era un fogliettino che mi avvisava di un’imprecisata non conformità.

La busta non era stata aperta quindi il rifiuto era corretto: il problema è il contenitore perché acquistato personalmente e non conforme a quello dato in dotazione  dalla società di raccolta poiché quello che avevo mi è stato rubato l’anno scorso e di certo per due settimane scarse che vengo qui a villeggiare non riesco ad avere il tempo di andarne a ritirare dei nuovi (e non so neanche come fare e dove andare).

Ma vabbè, per la tutela dell’ambiente e da brava cittadina contatto il numero della società di raccolta e un gentile operatore mi comunica che per ritirare i contenitori devo presentare un modulo all’Ufficio Ecologia del Comune di Manduria e dopo essere stata autorizzata dall’ufficio posso personalmente recarmi presso la sede della società ma attenzione  solo di martedì dalle 9 alle 12.

Oggi però è mercoledì e quindi?

Vabbè, vado sul sito del Comune di Manduria e trovo questo santo modulo che posso anche inviare via pec e quando inizio a compilarlo mi accorgo che se voglio dei nuovi contenitori devo presentare la denuncia di furto agli organi di polizia (ma  il furto è avvenuto l’anno scorso) oppure riconsegnare il vecchio contenitore se deteriorato (ma non ce l’ho perché me lo hanno rubato) oppure nuovo utente per prima fornitura (ma non vi rientro).

Avendo quindi dei dubbi su come compilare questo modulo giacchè mi mancano alcuni documenti, provo a chiamare telefonicamente l’Ufficio Ambiente (tasto 5) ed una voce registrata mi dice di scegliere tra ben 8 “solerti” funzionari tra cui anche il Dirigente ma seppur abbia scelto tutti e 8 dopo ben 8 chiamate (in orari di ufficio perché sul sito del comune non vi è scritto se vi sono degli orari specifici) nessuno mi risponde!!

Insomma… Dopo una intera mattinata persa a cercare di prendere questi benedetti contenitori ho deciso: mi conservo i rifiuti di queste due settimane  e me li riporto quando ritorno a casa come souvenirs di San Pietro in Bevagna.

Lettera firmata 

 


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

10 commenti

  • PUGLIA Leonardo
    ven 5 agosto 16:17 rispondi a PUGLIA Leonardo

    Non ci sono parole......questo descritto dalla Signora fa parte di uno delle tante complicanze esistenti in questo Comune.....Ciò premesso, perché non semplificare molte procedure? Invece di renderle tortuose?

  • Maria
    ven 5 agosto 08:37 rispondi a Maria

    Da noi in periferia di manduria ,vengono ritirati rifiuti senza contenitori perché i proprietari non pagano la spazzatura..la legge dovrebbe essere uguale x tutti

  • Realtà
    gio 4 agosto 23:38 rispondi a Realtà

    Molti spazzini dovrebbero essere molto piu gentili

  • Gregorio
    gio 4 agosto 19:28 rispondi a Gregorio

    se qualcuno ha fegato ed educazione. RISPONDESSE,opinione

  • Filotico Maria
    gio 4 agosto 14:54 rispondi a Filotico Maria

    Avete voluto questo signore come sindaco adesso piangiamo le conseguenze

    • Dino Conta
      gio 4 agosto 21:30 rispondi a Dino Conta

      Il sindaco centra poco... La colpa è dell'operatore che passa e non riesce a distinguere se il rifiuto è conforme o meno

  • Cittadino Adirato
    gio 4 agosto 13:12 rispondi a Cittadino Adirato

    È una vergogna... Io abito vicino al fiume Chidro e spesso si dimenticano di svuotare il mio bidoncino.

  • Lorenzo
    gio 4 agosto 09:11 rispondi a Lorenzo

    Gentilissima, la capisco e quasi mi viene da piangere per il nervoso. Sono migliaia le persone alla Marina che, per la raccolta differenziata, giorni, contenitori e carenze sia Amministrative che della ditta stessa VINCITRICE dell' appalto, ogni anno rincorrono la burocrazia becera e senza logica. Purtroppo la cultura che il rifiuto è una risorsa, manca in tutti. Intanto Milano, in piena crisi economica, abbassa ancora ai cittadini il costo della tassa sui rifiuti, grazie ai risultati ottenuti, grazie alle isole ecologiche presenti e grazie ad una cultura che parte dalle scuole materne. Ovviamente la società che gestisce i rifiuti è comunale. Non disperi e vedrà che prima o poi ce la faremo 😜

    • Giancarlo
      gio 4 agosto 19:52 rispondi a Giancarlo

      "Ovviamente la società che gestisce i rifiuti è comunale" La chiave dei disastri, a livello nazionale come a livello locale è tutta qui: via i privati dal pubblico. I servizi pubblici devono tornare al pubblico. Che siano rifiuti, telecomunicazioni, ferrovie, energia (soprattutto) o sanità. Naturalmente il pubblico ha bisogno di una regolata. Non è possibile "concedere" (sic!) un solo giorno di sportello, come nel caso prospettato dalla signora.

      • Lorenzo
        ven 5 agosto 08:16 rispondi a Lorenzo

        Pensi che ci sono in Italia multiutility inter comunali, quotate in borsa che, oltre a fare utili, assumono dipendenti ogni anno. Qui il sud del sud, ha nel sangue la sopravvivenza, ls raccomandazione e il tirare a campare, mentre quelli bravi emigrano e fanno diventare grandi le multiutility 😜

Quel segno della croce di Giovanni prima del turno in pronto soccorso
La redazione - lun 25 luglio

Ricordo nitidamente, circa un mese fa, l’incontro nel corridoio d’uscita del pronto soccorso. Io terminavo un turno massacrante mentre tu eri in procinto di prendere servizio, li dove ormai non ci sono più medici. ...

A quando la fine dell'immonda puzza?
La redazione - mar 26 luglio

Ci spiace davvero notare che, come spesso accaduto in questi due anni di amministrazione Pecoraro, ci siamo ritrovati ad essere facili profeti di sventura. ...

Reddito energetico, la cattiva informazione del sindaco
La redazione - mer 27 luglio

A prescindere dalle attuali congiunture, sono assolutamente favorevole all'uso delle fonti alternative, l'ho già fatto presente in precedenti miei interventi, come quelli sull'eolico e lo ribadisco in questa circostanza; tuttavia, ...