Martedì, 4 Ottobre 2022

News Locali

L'analisi sui costi e i tempi

Piano di eliminazione delle barriere architettoniche, l’ennesima propaganda del sindaco sulle spalle di chi soffre le disabilità

Il tavolo degli incontri Il tavolo degli incontri

Gli incontri pubblici sul piano di eliminazione delle barriere architettoniche promosso dall’amministrazione Pecoraro e dall’assessora Rossetti rappresentano finora solo becera propaganda di regime volta soltanto a giustificare un incarico di consulenza esterna da 12mila euro. Il tutto sulle spalle di ignari cittadini manduriani con o senza disabilità. E così sarà almeno fino a quando l’attuale amministrazione comunale manduriana, e l’assessora alle politiche sociali, la grillina Fabiana Rossetti, non spiegheranno chiaramente dove, come e in quanto tempo saranno reperiti i fondi per la realizzazione di quello che la stessa assessora definisce un “piano di eliminazione delle barriere architettoniche che migliorerà la qualità della vita dei cittadini» con disabilità.

Conoscendo la situazione delle barriere architettoniche manduriane, è facile capire come si tratti di un’opera faranoica e non a caso l’amministrazione ha deciso, appunto, di dare un incarico ad hoc, per mezzo di avviso pubblico, ad un professionista esterno alle competenze già presenti nell’organico comunale, l’architetto napoletano Cosimo Altiero, finalizzato alla redazione di un piano per l’abbattimento delle barriere nel comune di Manduria. E, come è facile intuire, le opere faraoniche hanno bisogno di ingenti risorse, qualcuno parla addirittura di oltre un milione di euro: decisamente troppo per le casse manduriane (ma sarebbero troppi anche la metà).

Allora, e sarebbe questa l’unica domanda da porgere all’assessora Rossetti e al sindaco al prossimo incontro pubblico per evitare di assistere nuovamente in un incontro-farsa: da dove, con quali modalità ed entro quali tempi l’attuale amministrazione pensa di reperire i fondi necessari attuazione del “piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche” una volta redatto dall’architetto incaricato? O i manduriani si ritroveranno dinanzi all’ennesima consulenza riposta nei cassetti come, ad esempio, il piano traffico o il Pug o il piano spiagge? Se così sarà, però, sicuramente in questo caso sarebbe ancora più grave (se possibile), perché verrebbero tradite ancora una volta le speranze di persone che a causa della propria condizione si vedono costretti a vivere in un ambiente sociale che limita pesantemente le proprie libertà.

Gabrio Distratis


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

3 commenti

  • Ciro Cavallo
    gio 28 luglio 08:47 rispondi a Ciro Cavallo

    Dato il personale coinvolgimento su questo argomento non posso che essere assolutamente d'accordo con Lei Distratis, che si tratti di becera propaganda, omettendo, tra l'altro, accuratamente di comunicare il rischio concreto del commissariamento per non ver avviato dette opere, cosa già avvenuta per altri comuni. Sono ormai moltissimi anni che il comune di Manduria avrebbe dovuto avviare la pianificazione e l'attuazione per le opere necessarie ad abbattere le cosiddette berriere architettoniche, violando leggi e con gravi responsabilità, anche penali, da parte degli amministratori via via succedutisi, commissari compresi. Ovvio che dare risalto oggi a quest'impegno li faccia sentire sicuri di ulteriore impunità, gettando fumo negli occhi di chi questi problemi, fortunatamente, non li ha, cercando facile e misero plauso dei propri sostenitori. Ovvio che l'opposizione resta sui social.

  • Lorenzo
    gio 28 luglio 08:33 rispondi a Lorenzo

    Cominciasse il Comune con l' avallo della Polizia Locale, ad eliminare evidenti pali con cartelli stradali di proprietà comunale, siti sui rari marciapiedi che, ostruiscono le persone senza handicap figuriamoci i veri portatori di handicap. Senza piani o assemblee, giretto, censimento e via. Altro che chiacchiere. La Marina è piena di barriere. Piena. Anche di pali dei privati. Opinioni evidenti

    • gam
      dom 31 luglio 16:56 rispondi a gam

      esperto di tutto frequentatore di circoli ricreativi senza sedeie a rotelli.

Locali
La Redazione - oggi, mar 4 ottobre

Tutti i settori dell’amministrazione comunale superano abbondantemente la sufficienza ma solo uno ottiene il massimo mentre il più scarso ...

Locali
La Redazione - oggi, mar 4 ottobre

Il servizio dialisi del Marianna Giannuzzi dovrebbe essere potenziato per sopperire alla chiusura del centro privato di Torricella. «Ma ...

Locali
La Redazione - oggi, mar 4 ottobre

L’ingegnere responsabile del settore Lavori pubblici del comune di Manduria, Claudio Ferretti, ha nominato ...

Locali
La Redazione - oggi, mar 4 ottobre

I gestori e proprietari di locali pubblici che intendono aderire alla proroga sino al 31 dicembre decisa dal governo delle autorizzazioni dei ...

Locali
La Redazione - oggi, mar 4 ottobre

Ritorna a Manduria la Giornata della Prevenzione della Fibrillazione Atriale, promossa dal centro Tao del “Marianna Giannuzzi” ...

“Solidarietà zero”: l’esperienza di una ragazza e un clochard deriso da tutti
La Redazione - gio 22 settembre

La storia che segnaliamo, vera quanto amara, è quella di un senza tetto straniero che accovacciato sui gradini di un tabacchino di Manduria sarebbe stato deriso da alcuni passanti. A raccontarla sul suo profilo Facebook ...

Mercato settimanale, pubblicata la graduatoria: quasi la metà dei posti disponibili resterà vuota
La Redazione - ven 23 settembre

E’ stata pubblicata la graduatoria provvisoria dei posteggi di vendita nel mercato settimanale di Manduria. Inferiori alla disponibilità le domande pervenute: 72 del settore merceologico non ...

Il Colombino di Miola vola a Torino, ecco dove trovarla a Manduria
La Redazione - sab 24 settembre

Miola, Le Delizie e Jonical: sono queste le tre pasticcerie manduriane che producono Il Colombino di Manduria, il dolcetto tipico messapico tutelato dal catalogo Slow Food e presente proprio in questi giorni, grazie all’attività ...