Sabato, 13 Agosto 2022

Gli articoli

Riflessioni

Manduria, 40 anni dopo sempre la stessa aria

Fernando Maria Maurizio Potenza 
Fernando Maria Maurizio Potenza 

Ritorno a casa dopo quarant'anni e la prima cosa che faccio é indossare una mascherina che poneva tante domande ma nessuna risposta. No, non era per il Coronavirus, che ancora non esisteva ma per una puzza nauseabonda che aleggiava nell'aria della città di Manduria.

La mia mascherina poteva sembrare una forma di protesta silenziosa, contro l'indifferenza delle Istituzioni presenti o un monito alle migliaia di cittadini che non so per quali ragioni accettavano tutto questo. Invece quella mascherina era una necessità. Intanto, il tempo passava, e in questi tre anni, non ho visto ne’ sentito nulla che si opponeva a questa violenza fisica e psicologica. Perché di questo si tratta. Tranne qualche iniziativa di qualche cittadino che come me, combatteva a modo suo una battaglia alla Don Chisciotte, nulla è cambiato.

Una violenza, quella generata da esalazioni sconosciute quanto probabilmente pericolose, che dovrebbe scuotere tutte le coscienze, tutti i colori politici di maggioranza e minoranza, tutte le forze di pubblica sicurezza e ordine pubblico e che invece, ad oggi, sembra non interessare.

Ed allora, rivolgendomi ai nostri amministratori, ditemi, cosa c'è di più importante della salute pubblica in questa piccola Città? Nulla, proprio nulla. Non ci si può lavare le mani come Pilato, chiedendo via Pec ad Organi come l'Arpa o l'ASL di far luce su questo "seccante" problema. Attendendo una risposta che presumo possa essere data da chiunque segua a "naso" quell'orribile lezzo obbligandolo, per Legge, a smettere.

Questa Città, secondo dati statistici, continua ad avere un tasso altissimo di ammalati alla Tiroide ma anche questo sembra non interessare nessuno. Forse, una piccola ma necessaria riflessione da parte di chi ci governa è d'obbligo, proprio perché di mezzo ci siamo tutti noi indistintamente. E noi insieme a voi, abbiamo bisogno di riavere l'aria pulita, di ritornare a vivere bene e in salute, a riavere un Ospedale, un centro per anziani, impianti sportivi per i giovani, strutture per i disabili. Abbiamo bisogno di una città bella, opulenta, sana e organizzata e non essere una terra di conquista, sottomessa o addirittura una nuova Terra dei Fuochi.

Fernando Maria Maurizio Potenza 


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

5 commenti

  • Giuseppina Mastrovito
    sab 6 agosto 15:58 rispondi a Giuseppina Mastrovito

    Manduria, 43 anni dopo: .Quanta tristezza ...quanta amarezza .

  • Contigioia
    ven 5 agosto 19:30 rispondi a Contigioia

    Ha perfettamente ragione e le sue sono proposte fattibili e di buon senso.

  • Francesco
    ven 5 agosto 18:45 rispondi a Francesco

    Manduria è un paese destinato all'estinzione ma veramente voi credete che respirare questa puzza fa bene ? L'uomo è fatto per respirare ossigeno non odori superlativi... spero che un giorno possa esserci qualcuno in grado di mettere nero su bianco lo scempio...

  • Lorenzo
    ven 5 agosto 08:09 rispondi a Lorenzo

    Purtroppo invece, grazie ad una non cultura del bello e del sano, Manduria e le sue bellezze storiche e naturali, stanno seguendo il decadimento culturale, politico e civile accumulato e duro a morire. Opinioni

  • Domenico
    ven 5 agosto 07:27 rispondi a Domenico

    Egregio signor Potenza, molti amministratori si sono presentati con un programma politico comprendente tutte le sue parole condivisibili, ottenendo successo. Successivamente hanno contato sulla resilienza dei mandurani che, pur con qualche iniziativa forte, hanno imparato a convivere con i problemi. Domenico Ferdinando cosimo Della Valle

È ufficiale: la democrazia a Manduria è morta
La redazione - sab 23 luglio

Per l’amministrazione Pecoraro e tutta la sua maggioranza, il nostro giornale non potrà riprendere e diffondere le dirette del consiglio comunale di Manduria: non per una, ma per tutte le sedute future. A poco è servita l’interpellanza ...

Quel segno della croce di Giovanni prima del turno in pronto soccorso
La redazione - lun 25 luglio

Ricordo nitidamente, circa un mese fa, l’incontro nel corridoio d’uscita del pronto soccorso. Io terminavo un turno massacrante mentre tu eri in procinto di prendere servizio, li dove ormai non ci sono più medici. ...

A quando la fine dell'immonda puzza?
La redazione - mar 26 luglio

Ci spiace davvero notare che, come spesso accaduto in questi due anni di amministrazione Pecoraro, ci siamo ritrovati ad essere facili profeti di sventura. ...