Martedì, 27 Febbraio 2024

Gli articoli

"Perchè ha disertato la manifestazione su inclusione e disabilità"

Lettera di una madre al sindaco di Avetrana

Disabilità Disabilità

Carissimo sindaco e carissimi assessori, mi chiamo Enza, abito come lei e come voi ad Avetrana e sono mamma di due ragazze. Chi mi conosce sa che sono molto riservata e solo per la mia figura e per me stessa non mi sarei mai e proprio mai esposta in considerazione anche della mia timidezza, ma la forza di un genitore come lei ben sa, è più forte di qualsiasi cosa. Ed è proprio questo che mi ha portato, questa mattina, a scrivere su di un foglio, alcune considerazioni scaturite ieri sera, accompagnate da riflessioni prettamente personali e da voci di popolo che alla luce di fatti e di non fatti stanno prendendo sempre più consistenza fino diventare voce corale. Credo che tra educatori, lei professore e io maestra, potremmo parlare, comprenderci o quanto meno sentirci.

L’istruzione, per fortuna, conta ancora qualcosa. Io credo che proprio la sua professione le abbia fatto vincere le elezioni perché qualcuno e lo ribadisco, per fortuna, crede che la scuola insieme ad altre istituzioni hanno il compito di affiancare i ragazzi nella crescita personale, culturale e sociale. Non so se le è stato detto o non detto, se era a conoscenza o meno che ieri sera venerdì 1 dicembre, nel suo paese, alle ore 18.00 vi è stato un incontro sul tema “Progetti di vita, inclusione e disabilità”. Un percorso variegato che ha messo in luce punti di vista diversi e progetti per favorire fattivamente l’inclusione di tutte le persone anche quelle con disabilità. Tra i vari relatori e relatrici c’è stato anche l’intervento di mia figlia Maria Iole, residente ad Avetrana, studentessa presso Università del Salento e disabile. La parola disabile l’ho messa all’ultimo posto perché questa mia, non vuole essere assolutamente una discussione pietistica.

Situazione pietistica o “acchiappa applausi” che lascio ad alcune persone che per loro inettitudine e limitatezza e per la poca voglia o scarsa possibilità ad approcciarsi alla disabilità non conoscono e tanto meno vogliono entrare e farne parte. Chiaramente e comprensibilmente chi vorrebbe farne parte? Ma di questo non voglio farne un dramma anzi dopo ventidue anni io e mio marito abbiamo le spalle grandi e aperte a sopportare sforzi fisici, psicologici ed economici e mi auguro che questi sforzi continuino per molto tempo ancora. Ritorno al punto più importante: DOVE ERAVATE IERI SERA? DOVE ERA LEI E IL SUO SEGUITO? La vostra assenza ha acuito in me e in molti altri l’idea che nella vostra alleanza ci sia CHIUSURA qualcuno direbbe al problema, per me invece chiusura a questo argomento e ad altri che dopo espliciterò. Vorrei ricordarle che la signora Rosa Barone, assessora regionale welfare e disabilità proveniente da Foggia ha effettuato 270 chilometri all’andata e 270 chilometri al ritorno per esserci all’incontro.

Certamente, caro sindaco, non le avrei chiesto di percorrere e di affrontare la stessa distanza per parlare di inclusione anche perché sono venuta a conoscenza che lei, insieme ai suoi assessori, era ed eravate al piano superiore della stessa Sala Consiliare, si trattava solamente di scendere le scale, ascoltare i vari interventi per poi INTERVENIRE E PRENDERE COSCIENZA E RESPONSABILITA’. Responsabilità assegnata da noi cittadini avetranesi con la sua nomina del 5 ottobre 2021. Tutto ciò, torno a dire, a chilometro zero (proprio come un frutto o un ortaggio); solo, quindi, lo sforzo di scendere alcuni gradini dell’edificio. La mia non vuole essere una lettera di rimprovero ma una lettera di invito a fare qualcosa per il nostro paese. Oltre a Maria Iole ho un’altra figlia che fin dall’adolescenza è dovuta uscire e continua a farlo da Avetrana per andare a cinema, a teatro e o in un luogo e spazio fisico di gioco dedito alla spensieratezza, spazio in poche parole dove possa esserci la relazione tra pari tanto declinata da psicologi soprattutto in questi momenti storici dove la solitudine dei nostri ragazzi spaventa e smarrisce. So che anche per lei stanno per arrivare, se non sono già arrivate le volte che suo figlio le chiederà di spostarsi e di recarsi magari a Manduria, a Sava, a Taranto, a Lecce per incontrarsi con i suoi amici. Le dirà, come mi viene detto e come a tanti altri genitori viene detto: >. Lei a queste parole rimane impassibile? Io forse posso fare ben poco, ma lei ha il dovere di risollevare Avetrana ed esercitare la sua funzione attribuita dai cittadini avetranesi. Le ripeto di risollevare il paese poiché da diversi anni appare anestetizzato. VOGLIAMO QUINDI RIMBOCCARCI LE MANICHE E LAVORARE INSIEME? APRIRE ANCHE I LUOGHI DI CULTURA LOCALI? A riguardo non posso esimermi dall’essere anche una maestra oltre che una mamma e annoverare l’importanza della fruibilità dei luoghi di cultura.

Le dico ciò perché qualche settimana or sono mi si sono recata insieme ad altre colleghe con le relative classi di appartenenza in biblioteca e nel Castello dove sono presenti reperti storici risalenti all’epoca neolitica molto importanti ma non aperti al pubblico perché non accessibili per questioni di sicurezza. Ho avvertito, in quel momento, tutta l’amarezza dei bambini impossibilitati ad entrare. E ancora non possiamo effettuare sagre con pettole, “pizzarieddi” e tarallucci e vino e dare lavoro ai commercianti solo nei mesi estivi. E’ tutto l’anno che Avetrana deve essere aperta ad eventi diversi. Ma ritorno all’argomento che mi sta più a cuore e mi scuso per questi salti. In considerazione del fatto, quindi, che lei non fosse presente all’ iniziativa e all’incontro potrei riassumerle tutti gli interventi di ieri sera ma sarebbe riduttivo nei confronti dei relatori e degli ospiti. Quello che invece posso fare è enunciarle una parte del discorso tenuto da mia figlia e concludere questa mia lettera per lasciarle il tempo magari di riflettere e iniziare ad agire. Dall’intervento di Iole, cito testualmente:>. Ora la saluto cordialmente e in occasione delle prossime festività auguro a lei e alla sua famiglia e agli assessori e rispettive famiglie un Sereno Natale e per il prossimo anno auguro ai cittadini avetranesi un proficuo lavoro, da parte sua e da parte dei suoi collaboratori, di idee e iniziative importanti e inclusive. P.S. Io e la mia famiglia saremmo lieti di invitarla ad un caffè o aperitivo sociale.

Una madre, Enza Destratis

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Sparatoria e violenza, “Libera contro tutte le mafie” di Manduria e Taranto sul silenzio delle autorità politiche
La redazione - lun 8 gennaio

Negli ultimi giorni, a Manduria, si è verificato un gravissimo episodio, di una brutalità inaudita, che ha messo a rischio l’incolumità di tante persone presenti. ...

Il silenzio è stato rotto, ma lui non parla
La redazione - mar 9 gennaio

Il silenzio è stato rotto. Dalla pubblicazione del nostro primo editoriale sull’assenteismo della politica riguardo la sparatoria avvenuta nel centro storico contro il titolare del Mhoca, qualcosa si è mosso. La coscienza dei cittadini, ...

Curri: "altro che ampliamento, il sindaco dovrebbe revocare la licenza a Manduriambiente"
La redazione - mer 10 gennaio

Perché alcuni giorni fa, Manduriambiente attraverso una nota a firma dell’amministratore delegato Ingegnere Luca Galimberti, tacciava di: “Pretestuosità e scarsa competenza” il Comune ...