Venerdì, 7 Ottobre 2022

News Locali

L’esposizione raccoglie i contributi di diversi artisti partecipanti al progetto 2020 dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione

La storia di Weiss e Mandurino nella mostra di cui ha parlato il ministro Franceschini

L'iniziativa L'iniziativa

C’è anche la storia di Mandurino Weiss e Trento Dinoi nella mostra a Rovereto “C’è tempo per le nespole. Nuove narrazioni dalla Grande Guerra”. Sono i due bambini nati lo stesso giorno del 1916 a Manduria, il primo profugo trentino emigrato nella città messapica durante il primo conflitto e il secondo figlio di due abitanti del posto.

L’esposizione raccoglie i contributi di diversi artisti partecipanti al progetto 2020 dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione che poneva agli artisti l’obiettivo di raccontare dal proprio punto di vista la Grande Guerra attivando differenti percorsi narrativi e di memoria collettiva.

Il barese Fabrizio Bellomo ha scelto di rievocare la storia singolare delle due famiglie Weiss e Dinoi, la prima originaria di Trento che scelse di chiamare il proprio figlio Mandurino proprio in riconoscenza del territorio messapico che gli aveva accolti e l’altra, viceversa, in segno di solidarietà con la famiglia di profughi chiamò il figlio Trento.

L’artista barese aveva sbigottito automobilisti, passanti manduriani e turisti nelle caldissime giornate di agosto di due anni fa, quando aveva deciso di fare il “palo umano” sorreggendo una targa stradale intitolata “Mandurino Weiss e Trento Dinoi” sui ponti del fiume Chidro e quelli delle due circonvallazioni esterne di Manduria.

Una segnaletica come traccia del passato e un ponte come la connessione che ha unito il presente con le due famiglie e la loro incredibile storia di solidarietà nel drammatico periodo della Grande Guerra.

Un intreccio geografico di nomi e storia e l’affetto di due nuclei familiari con storie e origini diverse racchiuse nella performance di Bellomo immortalata in alcuni scatti: fotografie che saranno presenti alla mostra di Rovereto dal 15 luglio al 9 ottobre. «Una mostra che unisce l’importanza della memoria storica alla forza creativa dell’arte contemporanea – afferma il Ministro della Cultura Dario Franceschini -, un’alleanza fruttuosa tra passato e presente per non dimenticare gli anni bui della Grande Guerra. Un'attenzione che passa anche attraverso il programma di tutela e valorizzazione di fortificazioni, monumenti e parchi della Rimembranza che vede impegnato il Ministero».

La mostra, a cura di Francesca Fabiani, Alessandro Coco con Chiara Capodici, Peter Lang, Francesca Lazzarini, vede tra gli altri artisti Riccardo Cecchetti, Claudio Gobbi, Stefano Graziani, Hitnes, Alessandro Imbriaco, Taiyo Onorato & Nico Krebs, Moira Ricci.

Marzia Baldari


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Locali
La Redazione - gio 6 ottobre

Ha inizio oggi una nuova collaborazione del nostro giornale con un professionista del benessere. E’ il fisioterapista manduriano ...

Locali
La Redazione - mer 5 ottobre

La proprietà del progetto di impianto per l’energia rinnovabile denominato "Ripizzata" di potenza pari a 16. 958 MW da ...

Locali
La Redazione - mar 4 ottobre

Tutti i settori dell’amministrazione comunale superano abbondantemente la sufficienza ma solo uno ottiene il massimo mentre il più scarso ...

Locali
La Redazione - mar 4 ottobre

Il servizio dialisi del Marianna Giannuzzi dovrebbe essere potenziato per sopperire alla chiusura del centro privato di Torricella. «Ma ...

Locali
La Redazione - mar 4 ottobre

L’ingegnere responsabile del settore Lavori pubblici del comune di Manduria, Claudio Ferretti, ha nominato ...

Il Colombino di Miola vola a Torino, ecco dove trovarla a Manduria
La Redazione - sab 24 settembre

Miola, Le Delizie e Jonical: sono queste le tre pasticcerie manduriane che producono Il Colombino di Manduria, il dolcetto tipico messapico tutelato dal catalogo Slow Food e presente proprio in questi giorni, grazie all’attività ...

E’ giusto l’uso dei cellulari a scuola? Cosa ne pensano gli addetti ai lavori
La Redazione - sab 24 settembre

È giusto proibire l’uso dei cellulari a scuola? Se si ritiene «soddisfatta» di questo la rettrice del liceo Malpighi di Bologna, Elena Ugolini, la cui decisione di vietarlo nel suo istituto ha fatto ...

A Torino il Colombino, il dolce a chilometro zero che piace anche agli stranieri
La Redazione - dom 25 settembre

Sono tre i maestri pasticceri manduriani che in questi giorni stanno presentando il Colombino di Manduria alla 14esima edizione di «Terra Madre Salone del Gusto», a Parco Dora di Torino dal 22 al 26 settembre. ...