Domenica, 2 Ottobre 2022

News Locali

L’esposizione raccoglie i contributi di diversi artisti partecipanti al progetto 2020 dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione

La storia di Weiss e Mandurino nella mostra di cui ha parlato il ministro Franceschini

L'iniziativa L'iniziativa

C’è anche la storia di Mandurino Weiss e Trento Dinoi nella mostra a Rovereto “C’è tempo per le nespole. Nuove narrazioni dalla Grande Guerra”. Sono i due bambini nati lo stesso giorno del 1916 a Manduria, il primo profugo trentino emigrato nella città messapica durante il primo conflitto e il secondo figlio di due abitanti del posto.

L’esposizione raccoglie i contributi di diversi artisti partecipanti al progetto 2020 dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione che poneva agli artisti l’obiettivo di raccontare dal proprio punto di vista la Grande Guerra attivando differenti percorsi narrativi e di memoria collettiva.

Il barese Fabrizio Bellomo ha scelto di rievocare la storia singolare delle due famiglie Weiss e Dinoi, la prima originaria di Trento che scelse di chiamare il proprio figlio Mandurino proprio in riconoscenza del territorio messapico che gli aveva accolti e l’altra, viceversa, in segno di solidarietà con la famiglia di profughi chiamò il figlio Trento.

L’artista barese aveva sbigottito automobilisti, passanti manduriani e turisti nelle caldissime giornate di agosto di due anni fa, quando aveva deciso di fare il “palo umano” sorreggendo una targa stradale intitolata “Mandurino Weiss e Trento Dinoi” sui ponti del fiume Chidro e quelli delle due circonvallazioni esterne di Manduria.

Una segnaletica come traccia del passato e un ponte come la connessione che ha unito il presente con le due famiglie e la loro incredibile storia di solidarietà nel drammatico periodo della Grande Guerra.

Un intreccio geografico di nomi e storia e l’affetto di due nuclei familiari con storie e origini diverse racchiuse nella performance di Bellomo immortalata in alcuni scatti: fotografie che saranno presenti alla mostra di Rovereto dal 15 luglio al 9 ottobre. «Una mostra che unisce l’importanza della memoria storica alla forza creativa dell’arte contemporanea – afferma il Ministro della Cultura Dario Franceschini -, un’alleanza fruttuosa tra passato e presente per non dimenticare gli anni bui della Grande Guerra. Un'attenzione che passa anche attraverso il programma di tutela e valorizzazione di fortificazioni, monumenti e parchi della Rimembranza che vede impegnato il Ministero».

La mostra, a cura di Francesca Fabiani, Alessandro Coco con Chiara Capodici, Peter Lang, Francesca Lazzarini, vede tra gli altri artisti Riccardo Cecchetti, Claudio Gobbi, Stefano Graziani, Hitnes, Alessandro Imbriaco, Taiyo Onorato & Nico Krebs, Moira Ricci.

Marzia Baldari


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Locali
La Redazione - oggi, dom 2 ottobre

Il primo settembre è iniziato il mese di preghiera e iniziative dedicato al Tempo del Creato per l'anno ...

Locali
La Redazione - sab 1 ottobre

La giunta comunale di Manduria ha deliberato l’atto che dà il via ai lavori di abbattimento del muro di cinta del giardino dei Padri Passionisti ...

Locali
La Redazione - sab 1 ottobre

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto Aiuti-ter, bar e ristoranti di Manduria trovano una notizia che può far ...

Locali
La Redazione - ven 30 settembre

Domenica mattina 2 ottobre i frati minori del Convento di San Francesco di Manduria, in collaborazione con la Pro Loco di Manduria, organizzano la sesta edizione de ...

Locali
La Redazione - gio 29 settembre

La food blogger manduriana “Tamy” diventa ospite fissa di TeleNorba. Da oggi giovedì 29 settembre ...

Nuova antenna di telefonia vicina al centro
La Redazione - mar 20 settembre

Il Comune di Manduria ha avviato le procedure per l’autorizzazione all’installazione di un nuovo impianto di telefonia multigestore di proprietà InWint Spa su cui dovrà essere ospitato l’impianto Vodafone Italia. ...

Parte la pulizia dei tombini, il programma e le strade interessate dal divieto di sosta
La Redazione - mer 21 settembre

Partiranno oggi e si protrarranno sino alla fine dell’anno i lavori di pulizia dei tombini che si trovano in diverse strade cittadine secondo un elenco prestabilito. I lavori affidati alla Gial Plast e alla ...

Il documento dimenticato nel cassetto delle Poste, una storia triste
La Redazione - mer 21 settembre

E’ una storia triste di cattivo servizio pubblico  quello che una giovane manduriana racconta ai nostri microfoni quando qualche giorno fa ha scoperto che il pacco contenente la sua tessera sanitaria, mai arrivato, era sempre ...