Martedì, 25 Giugno 2024

Gli articoli

Ogni giorno noi esseri umani barattiamo la nostra vita con la morte certa di altri esseri

La mia visione sul destino dell'orsa JJ4 (Almerina Raimondi)

Orsa con i cuccioli Orsa con i cuccioli

In questi giorni, dopo l’uccisione di un giovane del Trentino da parte dell’orsa JJ4 ci si è molto divisi tra giustizialisti e animalisti. Premesso che l’uccisione del ragazzo da parte dell’orsa è un dolore per tutti e che è gravissimo se questo fatale incidente poteva essere evitato, Io non condivido che l’orsa JJ4 venga uccisa. Non lo condivido perché sarebbe pura cattiveria dell’uomo finalizzata a vendicarsi di un animale che nel suo territorio istintivamente ha cercato probabilmente di difendere i suoi cuccioli e anche perché non aiuterebbe a risolvere il tema della convivenza, mai seriamente affrontata, uomo- animali selvatici. Non lo condivido non perché sono animalista ma perché penso di non condividere nulla con gli umani che si ergono al disopra arrogandosi il potere di decidere della vita o della morte degli altri esseri viventi, salvo poi rassegnarsi all’uccisione di esseri umani da parte di altri esseri umani, come se questo rientrasse in un gioco di potere fisiologico delle parti tra esseri viventi, per poi essere pronti a gridare vendetta quando incidentalmente un animale aggredisce uccidendo un essere umano.

Non lo condivido perché non condivido nulla di coloro che sostengono governi  i cui esponenti sono stati eletti promettendo di ergere muri, di fare blocchi navali, di ritirare la protezione umanitaria speciale rispedendo nei paesi d’origine esseri umani condannandoli a morte certa o che dicono di difendere i diritti dei bambini ( quali bambini?) quando a milioni di bambini in due terzi del mondo non  viene garantita neanche la sopravvivenza e per questo sono condannati ad ammalarsi e quindi a morire nell’indifferenza totale di un terzo degli esseri umani.

Non condivido nulla con gli esseri umani che hanno paura della sostituzione etnica dimenticando che ciascuno di noi è geneticamente una mescolanza di diverse etnie e che, per chi lo avesse dimenticato, sono gli stessi esseri umani che brandiscono Vangeli e Crocifissi durante le loro campagne elettorali in cerca di consensi e che non esitano a farsi vergognosamente scudo della cultura Cristiana dicendo che il buon Dio ci ha posti al disopra di tutte le altre specie viventi per dominarle e destinarle all’estinzione. 

Ogni giorno noi esseri umani barattiamo la nostra vita con la morte certa di altri esseri umani, i nostri privilegi con la povertà assoluta di tantissimi altri esseri umani e tutto questo per molti è sempre stato normale e in questo tempo così buio della nostra storia lo è ancora di più.

Oggi è la giornata mondiale della terra, la terra di tutti gli esseri viventi, di una terra martoriata dalle guerre volute dagli esseri umani, depredata nelle sue risorse per soddisfare i bisogni di una esigua parte degli esseri umani, avvelenata da ogni genere di schifezze prodotte dagli esseri umani, costringendo milioni di esseri umani a migrare e condannando numerose specie animali e vegetali all’estinzione.

Forse il buon Dio ci ha affidato la responsabilità di governarla, di custodirla, di prendercene cura? E noi non lo abbiamo fatto e continuiamo a non farlo.

Qualcuno dirà: e chi se ne frega di quello che condividi o non condividi, siamo liberi di pensare quello che vogliamo. Certo! ognuno è libero di pensarla come vuole ma una riflessione la possiamo fare nell’interesse di tutti gli esseri viventi: verso quale umanità vogliamo andare? e quale pianeta vogliamo lasciare in eredità ai nostri figli? 

Non so quale sarà il destino dell’orsa JJ4, se verrà abbattuta o considerata pericolosa e ridotta in cattività e quindi tenuta in vita in un parco. So di certo che, in ogni caso, per noi esseri umani questa è l’ennesima sconfitta sul terreno della convivenza tra esseri umani e gli altri esseri viventi la cui sopravvivenza è necessaria per la nostra stessa sopravvivenza. La storia dell’evoluzione sulla terra ci insegna che nessuno può salvarsi da solo e che per dare continuità alla vita di tutti gli esseri viventi è necessaria la COOPERAZIONE tra tutti gli esseri viventi. Su questo dovremmo investire energie per unirci invece di dividerci. Riflettiamo prima che sia troppo tardi per tutti.

Almerina Raimondi

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

2 commenti

  • Gregorio
    dom 23 aprile 2023 05:56 rispondi a Gregorio

    Brava Almerina, condivido. Diciamo che questo discorso viaggia in parallelo con il problema AMBIENTE 🌲🌳 !!

  • Egidio Pertoso
    dom 23 aprile 2023 08:36 rispondi a Egidio Pertoso

    Non c'è da commentare ma solo da meditare, se il nostro " ego " ipertrofico ce lo consente.

Docg e futuro del Primitivo, la parola a Claudio Quarta
La redazione - ven 3 maggio

Claudio Quarta, leccese, biologo genetista e microbiologo e vignaiolo per passione, ha fondato l’omonima azienda vinicola che dirige insieme alla figlia Alessandra. Profondamente appassionato del vino e produttore di Primitivo di Manduria, ...

Manduria Migliore: “in giunta le donne messe all’angolo”
La redazione - ven 10 maggio

Che questa amministrazione comunale abbia già dato ampiamente prova di inettitudine incipiente, incapacità costante e superbia ignorante crediamo sia ormai un dato di fatto acclarato a cui nessuno osservatore oggettivo può ...

Il maestro Arnò rifiuta la giuria del Comedy Festival da 200mila euro: "è uno spreco siderale"
La redazione - lun 13 maggio

Sono stato invitato"pubblicamente" da Dario Pinelli come "giudice onorario" al Manduria Comedy Festival che, se tutto va secondo il piano cosmico, si terrà questo luglio. Una proposta ...