Martedì, 26 Settembre 2023

Cronaca

Le immagini diffuse sui social creano allarme

Il ponte sul Chidro come la frana di Torre Colimena

Il ponte sul Chidro Il ponte sul Chidro

Il ponte sul fiume Chidro come la frana di Torre Colimena? Se lo stanno chiedendo in molti dopo le foto che circolano sui social e che mostrano una situazione per niente tranquilla della pesante struttura di cemento che sovrasta il corso d’acqua di San Pietro in Bevagna, marina di Manduria.

Le immagini mostrano uno stato di forte deterioramento della base del ponte con l’armatura in ferro in parte esposta e preoccupanti lesioni delle travi. In alcuni punti i piedi del ponte sembrano poggiare sul nulla o direttamente sulla sabbia che i venti e la pioggia hanno portato via.

Una foto in particolare mostra una grossa trave piatta di cemento armato che si è spaccata e rischia di cadere in acqua. Più volte la vecchia struttura, mai seriamente manutenuta, ha creato allarmi nella popolazione. In diverse occasioni i vigili del fuoco hanno limitato la circolazione veicolare. Non sarebbe sprecato, così come è stato fatto per la frana di Torre Colimena, un sopralluogo dei tecnici comunali e dei vigili del fuoco per verificare la stabilità anche del ponte sul Chidro.

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

8 commenti

  • Giuse Dinoi
    gio 11 maggio 20:34 rispondi a Giuse Dinoi

    Scommetto che quel ponte sul chidro se lo avrebbero fatto gli antichi romani sarebbe ancora li senza nemmeno un graffio

    • Gregorio
      mar 16 maggio 21:50 rispondi a Gregorio

      Sicuramente, come per esempio, il ponte sulla SS 106 nei pressi di Metaponto, costruito nel 1928.. ancora in piedi !!

  • Maria Antonietta Antermite
    gio 11 maggio 17:49 rispondi a Maria Antonietta Antermite

    Prendere immediatamente provvedimenti ,prima che accada qualcosa di irreparabile.

  • Egidio Pertoso
    gio 11 maggio 15:07 rispondi a Egidio Pertoso

    Speriamo che il ponte che costruiranno sullo Stretto sia più solido, per durare a lungo come il nome che gli si attribuira' a memoria della caparbia tenacia di colui che lo fara' erigere secondo quel plastico mostrato a "porta a porta". Ponte dello stretto Salvini.

  • Arcangelo
    gio 11 maggio 13:51 rispondi a Arcangelo

    Credo sia il caso di chiudere al traffico, è divieto di balneare, non aspettare il peggio..... Sperando che questa amministrazione x il prossimo anno trovi i fondi e inizia i lavori, sarebbe bellissimo è molto importante x il nostro turismo

  • Francesca De Pace
    gio 11 maggio 09:38 rispondi a Francesca De Pace

    il ponte è uno sfregio al bellissimo fiume Chidro. In un mondo ideale bisognerebbe demolirlo, rendere il Chidro un' oasi naturale e spostare la litoranea indietro!

  • Gregorio
    gio 11 maggio 08:02 rispondi a Gregorio

    Fossi in me, il ponte lo chiuderei del tutto, contro ABUSO EDILIZIO E AMBIENTALE! Mmhhhh, diciamo, come la SALINA , in modo di salvaguardare TUTTA la riserva naturale del fiume stesso !! La superficie della riserva naturale con il passare degli anni DIVENTA sempre più piccola!! Ci sono abitazioni ( ancora tuttora) limitrofe ALLA FOCE che ESPIANTANO la vegetazione e, chiaramente NESSUNO vede niente 😎 . Il tecnico comunale può munirsi di un DRONE e controllare la zona? INVECI CÙ SI STAI SCÙLACCHIATU SOBBRA LA SEGGIA ? Sempre mia opinione.

  • Lorenzo
    gio 11 maggio 07:50 rispondi a Lorenzo

    Lo si sa' da oltre 10 anni. Forse i vigili del fuoco sono stati i primi ad evidenziare la problematica seria. La Polizia Locale potrebbe avere la relazione fatta a suo tempo nel suo archivio. Il Comune non può dire di non sapere. Non bastano le ordinanze per salvarsi il deretano da eventuali responsabilità. La cultura dei parcheggi selvaggi in funzione del turismo giornaliero mordi e fuggi da parte dei pendolari ' messicani', fa guadagnare pochi a discapito dell' incolumità delle persone. In più vi è l' aggravante che la zona è Area Protetta. Da molto che ci si chiede chi comanda al Fiume Chidro? Le Istituzioni e il direttore delle aree protette oppure chi? In caso di calamità chi risponde dei danni prevedibili e risaputi? Opinioni

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 26 settembre

Le Fiamme Gialle del Gruppo Taranto e delle Compagnie di Manduria e Martina Franca nelle ultime settimane ...

Tutte le news Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 26 settembre

Si è conclusa ieri a Torricella l'ultima tappa del percorso per l’elaborazione della nuova Strategia di Sviluppo Locale ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 26 settembre

La Corte di Cassazione ha condannato definitivamente per il reato di violenza privata una manduriana di 60 anni che aveva impedito ai condomini ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 26 settembre

L’amministrazione comunale ha presentato il conto agli sporcaccioni che questa estate hanno imbrattato strade e litorale con la spazzatura abbandonata ...

Tutte le news
La Redazione - dom 24 settembre

Sono 940 gli stalli nelle principali strade della città per le soste a pagamento previste ...

Manduriano di 46 anni trovato morto nel letto, accertamenti sulle cause
La Redazione - lun 11 settembre

Un manduriano di 46 anni è stato trovato senza vita questa mattina nel letto della sua abitazione a Manduria. A trovarlo esanime è stata l’anziana madre con cui viveva che ha chiamato il 118 ma i sanitari non ...

Scontro all'incrocio, manduriana incinta in codice rosso a Taranto
La Redazione - mar 12 settembre

Paura ieri a Manduria per una donna incinta vittima di un incidente stradale accaduto nel centro urbano. Nello scontro tra una Fiat 500 e un'Alfa Romeo avvenuto ad un incrocio di via Paisiello, la gravida che era al quarto mese di ...

Piccioni nuovamente intrappolati nella rete anti volativi del Giannuzzi - IL VIDEO
La Redazione - mar 12 settembre

Liberati i primi piccioni intrappolati e raccolte le carcasse di chi non ce l’aveva fatta, la trappola della rete anti volatili montata sul vano tecnico dell’ospedale Marianna Giannuzzi di Manduria è ...