Lunedì, 6 Febbraio 2023

News Locali

La protesta sui social

Famila, quel bistrot a misura di... trampoli

Trampolieri Trampolieri

Bellissimo e lussuosissimo, ma avrebbe un difetto: sgabelli e tavoli troppo alti nella zona bar. È il commento di una manduriana sul nuovo supermercato Famila che sì, piace davvero a tutti, se non fosse per quei fastidiosissimi tavoloni della sua area relax. «Forse Yuri Chechi lo può trovare stimolante, papà Gambelunghe non se ne accorgerebbe nemmeno, i giovani palestrati non avrebbero problemi, ma io dico – scrive con ironia la donna sul suo profilo Facebook -, mi devo portare la scala oppure fare a pugni per conquistarmi l'unico tavolo normale?».

Il supermercato rimodernato con 64 dipendenti e 5 milioni di soldi investiti ha entusiasmato (quasi) tutti i consumatori: perché è spazioso, perché è ricco di prodotti diversissimi e poi perché è moderno. Insomma fare la spesa al Famila è figo e fa figo, da sempre. Ma ora un po’ di più.

Eppure la grande struttura ha effettivamente un problema, come ricorda simpaticamente la manduriana. Nella sezione bistrot ci sono tavoli eccessivamente alti, forse un po’ scomodi per cliente di media statura. «Qualcuno mi sa spiegare perché la zona relax del fantastico nuovo Famila, bar e Bistrot, ha scelto sedie e tavoli che mi arrivano alle spalle?», scherza la messapica. Questione di stile? Senz’altro: «Mah, pazienza, meno tempo si riesce a stare, meno soldi si spendono, in fondo ogni cosa ha un suo perché», conclude così la donna.

Marzia Baldari


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

3 commenti

  • Fanelli Marisa
    ven 20 gennaio 09:52 rispondi a Fanelli Marisa

    La politica del Bistrot è quella del pranzo di qualità consumato velocemente, anche in piedi. Però, in effetti, la signora non ha tutti i torti. Quei tavoli, con rispettive sedute, non sono alla portata di tutti!

  • Cittadino
    gio 19 gennaio 19:43 rispondi a Cittadino

    Più che entusiasmante quel supermercato fa paura con i prezzi che hanno. I costi dell'ammidernamenti li scaricano sui clienti, clienti molto più scarsi di prima.

  • Le Na
    gio 19 gennaio 14:55 rispondi a Le Na

    Sempre e solo un manduriano si può lamentare delle nuove cose...aprite la mente

Locali
La Redazione - sab 4 febbraio

«Ridicola», «bizzarra», «inadeguata». Questi sono gli aggettivi più utilizzati dai manduriani che respingono ...

Locali
La Redazione - sab 4 febbraio

Ridare dignità al “quartiere” Sice coinvolgendo l’amministrazione comunale e richiamando i residenti al rispetto ...

Locali
La Redazione - sab 4 febbraio

La polizia municipale di Manduria ha pubblicato l'ordinanza che dispone lo spostamento del mercato settimanale lungo il viale Aldo ...

Locali
La Redazione - ven 3 febbraio

Nel 2000 aveva già 80 anni. Ieri la donna più anziana di Manduria ha compiuto 103 anni. Si chiama Maria Giuseppa ...

Locali
La Redazione - ven 3 febbraio

Chi vorrà soggiornare per brevi o lunghi periodi nel territorio manduriano dovrà pagare una tassa di soggiorno come ...

Ufficio anagrafe al collasso, sino a due mesi di attesa
La Redazione - gio 26 gennaio

Lunghe attese per avere un certificato anagrafico per il poco personale in servizio. È la nuova emergenza che si registra nel municipio di Manduria dove gli spostamenti del personale da un ufficio all’altro, spesso contro la volontà ...

Due avvocati manduriani per il prossimo Consiglio dell’Ordine forense ionico
La Redazione - gio 26 gennaio

Sono due gli avvocati manduriani che si candidano per il nuovo Consiglio dell’ordine forense della provincia di Taranto le cui elezioni sono incorso e si concluderanno sabato. Si tratta di Luigia Brunetti e Nicola Marseglia. ...

Artisti manduriani onorano in altri comuni la Giornata della Memoria, mentre Manduria...
La Redazione - ven 27 gennaio

Per Manduria e i manduriani, la Giornata della memoria che ci celebra oggi, si farà altrove. Non di certo nella città messapica, perché per commemorare le vittime dell’Olocausto, l’amministrazione ...