Domenica, 2 Ottobre 2022

Riflettori su ...

Contro il virus bisogna fare tutto il possibile

Contro il virus bisogna fare tutto il possibile Contro il virus bisogna fare tutto il possibile | © n.c.

Cerchiamo di ragionare, per quanto possibile, in un contesto nel quale tutti credono di sapere e, quel che è peggio, di poter dare consigli sulla gestione della pandemia virale che ci travolge.

Tamponi sì, tamponi no, tamponi sì ma solo ai sintomatici; vaccini sì, vaccini no; mascherine FFP2 o chirurgiche; distanziamento di un metro o di due e tre. Potremmo continuare all’infinito ma la logica rimane sempre la stessa e sarebbe bene assimilarla: il contagio è una questione di probabilità e, per giunta, affidata ad una miriade di variabili.

La probabilità zero, di fatto, non esiste e tutto ciò che possiamo fare è diminuire le probabilità stesse di contagiarci, di contrarre la malattia, di averne le possibili complicanze, di lasciarci le penne (il tutto in sequenza teoricamente concretizzabile).

Alla luce di questa realtà, è utile porre in essere tutto ciò che si può fare per diminuire le probabilità di contagio, altro non si può fare ma potrebbe non essere poco.

Buona fortuna a tutti.

Stefano Chimienti, medico


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

2 commenti

  • Cosimo massafra (Ferrara)
    sab 8 gennaio 13:25 rispondi a Cosimo massafra (Ferrara)

    Carissimo Stefano, hai perfettamente ragione, bisogna fare di tutto, ma se il di tutto è criminalizzare i ragazzi se hanno fatto una cena in gruppo è di contro li si rinchiude in 25/30 in aule pollaio dopo averli ammassati in autobus mi sa che qualcosa non quadra. Il ministro della P.I. non ascolta presidi e medici su dad per tutti, ha partorito una brillante idea: tutti in presenza tranne nidi è materne, per i 0/6 dad. Non ha ancora presentato il decreto attuativo nel quale specificate come via internet le maestre possano svolgere il loro compito : dare la pappa, aiutare per i primi passi, cambiare il pannolino, insegnare loro i primi rudimenti di scrittura, farli giocare. Io non lo ho capito è tu? Il vero problema oggi oltre ai no vax è troppo spesso una presuntuosa incompetenza. Abbr

  • Virgola
    ven 7 gennaio 14:06 rispondi a Virgola

    Giusto dottore, se si lasciasse parlare il buon senso e gli esperti staremmo tutti meglio. Pare che il virus sia come il campionato di calcio e visto quanti allenatori ci sono in Italia è normale che adesso tutti siano medici esperti.

Da un manduriano a Parigi sulla follia delle trincee drenanti
La redazione - mer 14 settembre

Con la presente nota intendo esprimere il sentimento di profonda costernazione e sbigottimento nell’apprendere la notizia della creazione di trincee drenanti in contrada Masseria Marina, con scarico al suolo delle acque trattate dall’impianto ...

Elezioni, tanta confusione sotto il cielo
La redazione - gio 15 settembre

Dopo un inizio in sordina dovuto al clima vacanziero, la campagna elettorale sta entrando nel vivo di uno scontro che, con il passare dei giorni, assume toni sempre più virulenti. Chi credeva che la parentesi del governo tecnico avrebbe aiutato a svelenire ...

Visite psichiatriche a Grottaglie, la sanità ancora penalizzata a Manduria
La redazione - ven 16 settembre

Gentile Direttore Generale Colacicco, apprendiamo dalla viva voce di nostri concittadini, interessati ad una presa in carico nel settore della Salute Mentale, che per effettuare una visita psichiatrica non è più ...