Sabato, 13 Agosto 2022

News Locali

Continua la polemica tra ambulanti regolari e hobbisti a San Pietro in Bevagna

Gli hobbisti in Piazza delle Perdonanze Gli hobbisti in Piazza delle Perdonanze © La Voce Di Manduria

Non si ferma il braccio di ferro tra amministrazione comunale e assegnatari di spazi di vendita nel mercatino estivo vicino alla pineta di San Pietro in Bevagna. Il nodo da sciogliere che sta creando nervosismi nella categoria è il mercato degli hobbisti che occupa la centralissima Piazza delle Perdonanza, cuore commerciale e di pubblico della località balneare manduriana. Ieri l’esponente manduriano di Confesercenti, Giuseppe Nuzzo, ha avuto un acceso diverbio con una pattuglia dei vigili urbani ai quali avrebbe chiesto i nominativi degli hobbisti e le relative autorizzazioni.

Nuzzo avrebbe così scoperto che tali informazioni non sarebbero in possesso degli agenti di polizia locale. «E’ assurdo – dichiara l’imprenditore – i vigili devono sapere se chi occupa un luogo pubblico abbia o meno i requisiti per farlo, così come recita molto bene la determina della dirigente Andrioli, ma a quanto pare – aggiunge Nuzzo – l’assegnazione avviene su libera interpretazione e volontà della politica in barba ai regolamenti e alle leggi».

La categoria che prima di essere spostata nel piazzale della pineta, lontana dal centro, occupava la stessa piazza delle Perdonanze ora affidata agli hobbisti, lamenta una concorrenza sleale. «Hanno caciato noi con la promessa di regolamentare l’ambulantato – insiste Nuzzo – per liberare gli spazi che ora li gestisce la politica in prima persona».   


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

8 commenti

  • Ylenia
    gio 4 agosto 12:42 rispondi a Ylenia

    Quella piazza deve ritornare a essere adibita a parcheggio per noi turisti e clienti del Moma..... non andava adibita a hobbisti!! Fate dei parcheggi x i portatori di handicap.... per 7 bancarelle "poco tipiche" non si parcheggia in almeno 50 macchine.

  • Giova
    mer 3 agosto 12:19 rispondi a Giova

    I commercianti con il loro Presidente hanno ragione il mercatino deve essere solo uno , quindi bisogna andare incontro alle loro richieste che mi sembrano giuste. Bisogna lasciare libero la piazza delle Perdonanze e non dare via libera a quei pochi commercianti di stare li , d'altronde , altrimenti si andrà allo scontro più che legittimo con chi a permesso una cosa così fuori dal comune . MAI visto in altri posti due mercatini

  • Vincenzo
    mer 3 agosto 12:10 rispondi a Vincenzo

    Le rimostranze vanno fatte negli Uffici preposti e l'accesso agli atti, come consentito dalla legge, dev'essere, motivato. È pur vero che la Polizia locale che espleta i controlli, deve avere elementi utili per poter allontanare e sanzionare eventuali non aventi titolo. La riqualificazione dei luoghi parte anche dalla qualità della mercanzia posta in vendita, apprezzata se frutto dell'inventiva artigianale. Non può dirsi che a rimetterci sono gli ambulanti che propinavano articoli dalla dubbia provenienza e qualità, o prodotti destinati a bambini privi di qualsivoglia marchio che ne consentisse l'immissione in commercio.

  • Ale
    mer 3 agosto 09:39 rispondi a Ale

    Qui non si tratta di cosa si vende , bisogna liberare la piazza delle Perdonanze da quello scempio di baracche e barrachine che non e' un bel vedere

  • Cittadino illustre
    mer 3 agosto 08:21 rispondi a Cittadino illustre

    È più gradevole vedere oggetti artigianali o antiquariato rispetto a porcherie cinesi e made in Napoli!!!

    • Maria Antonietta Antermite
      mer 3 agosto 17:19 rispondi a Maria Antonietta Antermite

      Sinceramente di antiquariato o di artigianale non vedo nulla.Solo robetta scartata e messa in vendita.

    • Manduriano verace
      mer 3 agosto 10:34 rispondi a Manduriano verace

      Se i vecchi mercanti, italiani ed extracomunitari,si fossero organizzati con stand tutti uguali e garbati e senza puzzolenti gruppi elettrogeni sarebbero ancora lì. C’è differenza tra il braccialetto del peruviano e le mutande usate? Forse si. C’è differenza tra una fila di stand bianchi, di stesse dimensioni e un accozzaglia di furgoni, carrozzoni da circo da 20mt per 5, reti da letto adattate ad espositori, lenzuola per terra con scarpe e borse false ecc ecc.? Credo proprio di sì. siate coerenti per una volta e giudicatevi da soli.

    • Agnusdei Daniela
      mer 3 agosto 10:27 rispondi a Agnusdei Daniela

      Infatti, caro illustre cittadino, dalla foto si evince esattamente ciò che lei asserisce, complimenti. Firmato un ultima cittadina che non si nasconde dietro pseudonimi auto-assegnati.

Locali
La Redazione - sab 13 agosto

“Non abbiamo cancellato le strisce con bianchetto perché non ci sono mai state”. A parlare è il ...

Locali
La Redazione - gio 11 agosto

Il sindaco Gregorio Pecoraro, scavalcando l’assessore al commercio Isidoro Mauro Baldari ...

Locali
La Redazione - gio 4 agosto

«Quanti di voi sono a conoscenza che il progetto del “Parco Acquatico in mare”, ...

Locali
La Redazione - mer 3 agosto

L’ufficio staff del sindaco Gregorio Pecoraro ha annunciato l’apertura della guardia medica turistica a San Pietro in Bevagna. «Nonostante ...

Locali
La Redazione - mer 3 agosto

Non si ferma il braccio di ferro tra amministrazione comunale e assegnatari di spazi di vendita nel mercatino estivo vicino ...

Passerelle per l'accesso facilitato in spiaggia il comune completa il piano DOVE SI TROVANO
La Redazione - ven 22 luglio

In questi giorni sono state installate e ripristinate le passerelle di legno per garantire a tutti l’accesso al mare. 35 passerelle lungo tutto il litorale manduriano, da Torre Borraco fino a Torre Colimena. ...

Se ti molestano o subisci violenze, un cocktail ti può salvare dal bruto
La Redazione - ven 22 luglio

Sei in un locale ad una serata e ricevi molestie verbali, palpeggiamenti, violenze di ogni tipo. Oggi un cocktail può salvarti la vita. Si chiama “Angel Shot” ed è il drink in codice per chiedere aiuto ...

Eventi estivi: quello che l’assessora non sa e quello che Legambiente non dovrebbe fare
La Redazione - ven 22 luglio

«Un concerto a pagamento con i soldi dei cittadini … avremmo dovuto sovvenzionare una sedicente impresa privata che poi avrebbe sbigliettato facendo lucro … avrebbero voluto fare impresa sulle ...