Lunedì, 6 Febbraio 2023

Salento Puglia e mondo

Disposta dall'antimafia di Lecce

Confisca di beni per 230mila euro a boss della provincia di Taranto

L'agrumeto confiscato L'agrumeto confiscato

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Taranto hanno eseguito, nella giornata di ieri, una misura di prevenzione patrimoniale, emessa dalla Sezione Penale del Tribunale di Taranto, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia di Lecce, procedendo alla confisca di beni per un valore complessivo di circa 230.000 euro, sottratti ad un pregiudicato della provincia di Taranto, già condannato per associazione per delinquere di tipo mafioso. Lo stesso sarebbe risultato, appartenente ad un clan operante nella parte ovest della provincia jonica, dedito alla commissione di numerosi reati, tra i quali omicidio, estorsione, sequestro di persona e traffico di sostanze stupefacenti.

La confisca è stata disposta dall’Autorità Giudiziaria, secondo quanto previsto dal Codice Antimafia, su beni individuati dopo prolungate e complesse attività di indagine economico-patrimoniali, condotte dagli investigatori dell’Arma, estese anche al nucleo familiare, che hanno consentito di verificare una notevole sproporzione tra i beni a loro riconducibili ed i redditi dichiarati. I beni confiscati, infatti, sono terreni agricoli ed in particolare agrumeti, sui quali era stata costruita una villa di grosse dimensioni, completa anche di piscina.

Il provvedimento si inserisce in un’ampia strategia istituzionale dell’Arma dei Carabinieri, volta a contrastare l’accumulo di patrimoni illeciti da parte della criminalità organizzata e più nello specifico da parte di individui ritenuti socialmente pericolosi e quindi dediti abitualmente a commettere delitti, che vivono esclusivamente o quasi dei proventi derivanti dalle attività criminose.

L’indagine, che ha visto impegnati gli uomini e le donne dell’Arma Jonica per mesi,  è stata condotta secondo quanto stabilito dal “Metodo Falcone”, ovvero il contrasto alla criminalità organizzata attraverso lo strumento delle indagini patrimoniali. Proprio il Giudice Giovanni Falcone affermò che: “il vero tallone d’Achille delle organizzazioni mafiose è costituito dalle tracce che lasciano dietro di sé i grandi movimenti di denaro connessi alle attività illecite più lucrose. Lo sviluppo di queste tracce attraverso un’indagine patrimoniale che segua il flusso di denaro proveniente dai traffici illeciti, è quindi la strada maestra, l’aspetto decisamente da privilegiare nelle investigazioni in materia di mafia…”

Occorre precisare che il provvedimento eseguito, di primo grado, non è definitivo. Lo stesso potrà o meno divenirlo a seguito di successivo giudizio della Corte d’Appello. (Nota stampa dei carabinieri di Taranto)

 


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Salento Puglia e mondo
La Redazione - dom 5 febbraio

E’ stato trovato privo di vita Aris Barletta, il giovane di 27 anni di Brindisi di cui si erano perse tracce da due giorni. Il corpo questa ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - sab 4 febbraio

Oggi per l'Associazione Nazionale Combattenti e Reduci sezione di Avetrana è stato un giorno molto importante. Giuseppe Tarantini, 110° Reggimento Artiglieria Caserta, classe ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - sab 4 febbraio

La giornata dei calzini spaiati per educare i bambini d’asilo ad accettare le diversità. E’ la bellissima idea avuta dalle ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - ven 3 febbraio

L’Associazione di promozione sociale “Rilanciamo Avetrana Insieme”, organizza per lunedì 12 febbraio, nella sala consiliare ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - ven 3 febbraio

Il Circolo di Fratelli d’ Italia di Avetrana, unitamente al Coordinamento Provinciale di Taranto, in occasione del Giorno del Ricordo delle Foibe e dell’esodo ...

«Lo scuolabus è fermo da due anni ma il comune continua a rinnovare l’assicurazione»
La Redazione - sab 21 gennaio

«Il Comune di Sava ormai da oltre due anni non garantisce più il servizio “Scuolabus” ma continua a pagare l’assicurazione del mezzo». Lo rende noto in un comunicato stampa il consigliere ...

Abusi, percosse e violenza sessuale sui pazienti psichiatrici, 15 arresti e 15 indagati a Foggia IL VIDEO
La Redazione - mar 24 gennaio

Scene dell’orrore in una clinica psichiatrica di Foggia dove 15 operatori sanitari, tra infermieri e operatori socio sanitari sono stati arrestati ed altri quindi sono indagati con l’accusa ...

La Asl di Bari stabilizza 533 precari, oggi la firma dei primi 100 contratti
La Redazione - mer 25 gennaio

Assistenti sanitari, infermieri, educatori professionali, fisioterapisti e assistenti sanitari: sono i ruoli dei primi cento dipendenti stabilizzati della ASL di Bari che questa mattina hanno firmato il contratto a tempo indeterminato. ...