Domenica, 21 Luglio 2024

Storie D

Come ansia e stress influiscono sulla salute gastrointestinale

Comprensione e gestione dello stress: impatti sulla salute intestinale

Stress intestinale Stress intestinale

Lo stress è una reazione naturale dell’organismo di fronte a situazioni difficili o pericolose. Tuttavia, quando questo diventa eccessivo può avere effetti negativi sulla salute non solo mentale, ma anche fisica.

In particolare, lo stress può influire sulla salute gastrointestinale, causando o aggravando problemi come gastrite, ulcera, sindrome dell’intestino irritabile, stitichezza, diarrea e reflusso gastroesofageo.

Ad accompagnare queste problematiche ci possono essere sintomi molto fastidiosi come gonfiore, dolore addominale e alterazione dell’alvo. In questi casi, oltre a capire come gestire lo stress, può essere utile effettuare alcuni esami di laboratorio per monitorare la situazione.

Uno degli esami consigliati è la ricerca del sangue occulto nelle feci, che viene utilizzato per individuare tracce di sangue nelle evacuazioni non visibili a occhio nudo. Per alcuni dei disturbi sopracitati, infatti, presenze ematiche nelle feci rappresentano un sintomo da non sottovalutare.

Per prenotare l’esame del sangue occulto nelle feci è possibile rivolgersi alla propria USL, a laboratori di analisi oppure a piattaforme online come CupSolidale, che permettono di prenotare velocemente e facilmente l’esame dal web.

Come ansia e stress influiscono sulla salute gastrointestinale

Il rapporto tra ansia, stress e problemi gastrointestinali è estremamente stretto. L’intestino, infatti, è sede di un complesso sistema nervoso, chiamato sistema nervoso enterico, che comunica costantemente con il cervello attraverso il nervo vago e altre vie nervose.

Questa stretta connessione tra intestino e cervello è nota come asse intestino-cervello e spiega perché lo stato mentale può influenzare il funzionamento dell’apparato digerente e viceversa.

In particolare, secondo alcuni studi, l’ansia e lo stress possono modificare la composizione e l’attività del microbiota intestinale, alterando il suo equilibrio e la sua diversità e favorendo la crescita di batteri patogeni o nocivi. Questo può compromettere la barriera intestinale, che protegge l’intestino dalle sostanze tossiche e dagli agenti infettivi, e causare una maggiore permeabilità intestinale. In altre parole, ciò favorisce la possibilità che molecole indesiderate entrino nel flusso sanguigno e scatenino una risposta immunitaria e infiammatoria.

Stress e ansia possono essere anche responsabili dell’alterazione della motilità intestinale, ovvero la capacità dell’intestino di contrarsi e rilassarsi per spingere il cibo lungo il tratto digestivo. Questo può causare condizioni molto fastidiose come spasmi, crampi, stitichezza o diarrea.

Inoltre, ansia e stress agiscono anche sulla secrezione di bile, favorendo l’infiammazione e l’irritazione della mucosa gastrica e duodenale e aumentando il rischio di ulcera e di reflusso gastroesofageo.

Come contrastare ansia, stress e malessere intestinale

Per prevenire o ridurre gli effetti negativi dello stress sulla salute intestinale, è importante adottare alcune strategie che possono aiutare a gestire lo stress in modo efficace e a mantenere un intestino sano.

Il primo passo da compiere è quello di identificare le fonti di stress e cercare di eliminarle o ridurle. A tale scopo sono utili anche le tecniche di rilassamento, come lo yoga o la mindfulness, che possono aiutare a ridurre la tensione muscolare, a calmare la mente, a regolare la risposta allo stress e a migliorare la comunicazione tra intestino e cervello.

Importante è anche praticare attività fisica con regolarità. L’allenamento regolare, infatti, può contribuire a ridurre lo stress, stimolando la produzione di endorfine, i cosiddetti “ormoni della felicità”.

Infine, seguire uno stile di vita sano, basato su una dieta equilibrata, ricca di fibre, frutta, verdura, cereali integrali, legumi, noci, semi e probiotici, rispettare i ritmi circadiani dormendo almeno 7-8 ore a notte, e mantenere i giusti livelli di idratazione bevendo almeno 2 litri di acqua al giorno, può contribuire a una buona salute gastrointestinale.

Uno stile di vita sano, infatti, favorisce la salute e la diversità del microbiota intestinale, la regolarità dell’alvo, la protezione della mucosa e la modulazione dell’infiammazione.

Va ricordato, però, che in caso di disturbi frequenti e che non si risolvono nel giro di qualche giorno, è opportuno portare la situazione all’attenzione di un medico, il quale potrà decidere di indagare più approfonditamente i motivi del malessere gastrointestinale, escludere intolleranze alimentari o patologie organiche e prescrivere le cure più adeguate.

 

 

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 21 luglio

Nuova operazione della polizia locale manduriana questa mattina sulle spiagge del litorale di San Pietro in Bevagna con ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 21 luglio

L’associazione Archeoclub Manduria risponde alle affermazioni del sindaco Gregorio Pecoraro secondo cui il progetto che prevede l’abbattimento ...

Tutte le news
La Redazione - sab 20 luglio

Arriva la risposta del sindaco Gregorio Pecoraro alla protesta organizzata dal Comitato Cittadino per Viale Mancini contro l’abbattimento ...

Tutte le news
La Redazione - sab 20 luglio

Atmosfere magiche che hanno sfiorato la sacralità hanno dominato il concerto di Rufus Wainwright ieri sera nella meravigliosa piazza San Giorgio ...

Tutte le news
La Redazione - sab 20 luglio

Ieri mattina due autovetture si sono scontrate all’incrocio tra la provinciale “Tarantina” e la strada che conduce alla marina di Borraco. ...

Il marsupio, utile e nuovamente di tendenza
La Redazione - mer 8 maggio

Uno zaino impermeabile è ideale per le zone umide o piovose, in quanto resiste ai danni dei liquidi. La qualità dei materiali determina la loro resistenza all'acqua. Al momento della scelta, considerate il luogo, le esigenze di stoccaggio ...

Bcc di Avetrana, bilancio in crescita costante
La Redazione - lun 6 maggio

Banca di Credito Cooperativo di Avetrana: il 5 maggio 2024 si è tenuta l’assemblea ordinaria dei soci, che ha visto l’ingresso nel Cda della dottoressa Valeria Lomartire e nel Collegio Sindacale dei dottori Alessandro Calò e Biagio ...

Le caratteristiche essenziali di un gestionale prenotazioni ristorante nel 2024: innovazione e efficienza
La Redazione - mar 7 maggio

Nel settore della ristorazione, l'efficienza nella gestione delle prenotazioni è cruciale per garantire un servizio clienti di qualità e una gestione ottimale dello spazio e del ...