Giovedì, 23 Maggio 2024

Gli articoli

La situazione a Manduria, Grottaglie, Martina Franca, Taranto Borgo

Allarme del sindacato: 14 poliziotti assegnati contro 50 pensionamenti

Polizia Manduria Polizia Manduria © La Voce Di Manduria

Nel piano di assegnazione del personale della Polizia di Stato per il mese di giugno 2023 predisposto dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza abbiamo avuto modo di verificare l’inconsistenza dei rinforzi e constatare la nostra più totale delusione. A fronte di soli 14 poliziotti assegnati alla Questura di Taranto (Commissariati distaccati di Grottaglie, Martina Franca e Manduria e Commissariato sezionale Borgo), 4 alla Polizia Stradale, 2 al XV° Reparto Mobile ed 1 alla Sezione Polfer, sono previsti complessivamente pensionamenti di personale per circa 50 unità e nei prossimi anni sarà sempre peggio. La gestione dei tanti servizi di polizia nella provincia di Taranto è da tempo diventata insostenibile. La presenza nel nostro territorio del centro identificazione per gli immigrati (Hot Spot) assorbe l’impiego continuo h24 di personale di polizia, distolto da altri servizi istituzionali. Vengono scaricate sugli operatori di polizia responsabilità di chi, pur avendo gestito per anni la sicurezza in Italia, non ha saputo anticiparne gli eventi o, peggio, si è dimostrato incapace. Le questure sono oberate di servizi e con organici ridotti, le specialità decimate. Oramai è raro incrociare una pattuglia della polizia stradale.

Molti poliziotti sono penalizzati nell’andare in ferie. I nostri colleghi, in gran parte ultra 50enni, sono impiegati in turni assurdi per coprire i tanti impieghi e vengono disperse le loro professionalità. Recentemente la Direzione Centrale di Sanità, nell’ambito del progetto teso ad analizzare le eventuali forme di disagio che possono manifestarsi tra il personale della Polizia di Stato nei diversi contesti lavorativi, visto anche il record di suicidi (nel 2022 ci sono stati 21 suicidi di poliziotti e tre tentativi di suicidio), ha strutturato un programma operativo per lo sviluppo di tale obiettivo. Oramai da anni si istituiscono tavoli tecnici composti da super esperti finalizzati a comprendere le ragioni del disagio che, a noi, sembrano abbastanza evidenti. Gli organici della Polizia di Stato sono carenti di circa 14.000 unità e nei prossimi tre anni sono previsti 12.000 pensionamenti per raggiunti limiti di età. Oggi gli operatori di polizia non sono messi nella condizione di poter servire il Paese al meglio. Non sono sufficienti le tutele legali in favore degli operatori delle forze dell’ordine e spesso i colleghi sono costretti a sostenere di tasca propria le spese legali. Non ci sono chiari protocolli operativi.

I reati di oltraggio, violenza e resistenza a pubblico ufficiale sono norme blande e inefficaci. Mancano dotazioni efficienti quali giubbetti e guanti antitaglio, auto funzionanti. Principalmente a causa della carenza di organico, gli operatori di polizia sono obbligati ad effettuare turni di straordinario, con compensi pagati con estremo ritardo. Sono indispensabili risorse adeguate affinché ogni prestazione venga liquidata regolarmente. A volte anche la richiesta di piccoli benefici economici di pochi euro, quali l’indennità per i servizi esterni e la fruizione dei buoni pasto, viene ostacolata da cavilli contabili. Vi è grande carenza di sistemazioni negli alloggi collettivi di servizio e questo va a discapito principalmente dei neo agenti. Siamo fortemente preoccupati per la sicurezza del nostro Paese ed unitamente alla Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia si sta valutando lo stato di agitazione su tutto il territorio nazionale.

Sap, sindacato autonomo di polizia

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

2 commenti

  • Giorgio
    gio 1 giugno 2023 05:48 rispondi a Giorgio

    Il posto fisso DISSE ZALONE. Sempre x il dio denaro. italia 2 pesi,2 misure opinione

  • Anna Perrucci
    mer 31 maggio 2023 10:38 rispondi a Anna Perrucci

    Se un ragazzo come mio figlio che vorrebbe questo sogno si potesse avverare ti fanno passare la voglia con questi concorsi esami e tanto altro che una persona ne viene meno e poi vieni a sapere che entrano con le solitechiavi.

“Quei prodotti tossici che mi costringono ad andare in campagna per respirare”
La redazione - gio 28 marzo

L’altro ieri mattina presto, alle 6 circa, è passato davanti la mia abitazione il mezzo per la disinfezione delle strade.   ...

Crollo degli argini del canale di Colimena, l’interpellanza dei Demos
La redazione - mer 3 aprile

Al presidente del Consiglio Comunale Gregorio Dinoi, al sindaco Gregorio Pecoraro, al segretario comunale Maria Eugenia Mandurino ...

Sammarco sulla bacchettata del Tar al presidente Dinoi
La redazione - gio 4 aprile

L’amministrazione Pecoraro non riesce a farne una giusta, nemmeno quando le viene consigliata la strada da seguire.  𝗟𝗮 𝘀𝗲𝗻𝘁𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗲𝗺𝗲𝘀𝘀𝗮 𝗱𝗮𝗹𝗧𝗔𝗥 𝗮𝗻𝗻𝘂𝗹𝗹𝗮 𝗶𝗻𝗳𝗮𝘁𝘁𝗶 𝗱𝗶𝘃𝗲𝗿𝘀𝗶 𝗮𝗿𝘁𝗶𝗰𝗼𝗹𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗮𝘁𝘁𝗼 𝗶𝘀𝘁𝗶𝘁𝘂𝘁𝗶𝘃𝗼 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗶𝗺𝗽𝗼𝘀𝘁𝗮 𝗰𝗵𝗲𝘁𝗲𝘀𝘁𝗮𝗿𝗱𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗹𝗮 𝗺𝗮𝗴𝗴𝗶𝗼𝗿𝗮𝗻𝘇𝗮 𝗱𝗲𝗰𝗶𝘀𝗲 𝗺𝗲𝘀𝗶 𝗮𝗱𝗱𝗶𝗲𝘁𝗿𝗼 𝗱𝗶 𝘃𝗼𝘁𝗮𝗿𝗲, 𝗻𝗼𝗻𝗼𝘀𝘁𝗮𝗻𝘁𝗲𝗮𝘃𝗲𝘀𝘀𝗶 𝗮𝘃𝗮𝗻𝘇𝗮𝘁𝗼 𝗹𝗮 𝗿𝗶𝗰𝗵𝗶𝗲𝘀𝘁𝗮 𝗱𝗶 𝗻𝗼𝗻 𝗳𝗮𝗿𝗹𝗼, ...