Recupero in corso

Nido di tartaruga marina in un affollatissimo lido di Campomarino

Del nido ora si occupano gli attivisti di Legambiente di Maruggio che hanno attivato tutte le procedure previste dai protocolli per permettere la schiusa in sicurezza. A vigilare sul posto c'è anche il sindaco di Maruggio, Alfred

Attualità
Manduria domenica 13 agosto 2017
di La Redazione
Nido di tartaruga marina a Campomarino di Maruggio
Nido di tartaruga marina a Campomarino di Maruggio © Gianfranco Cipriani su Facebook

La mareggiata di ieri ha portato alla luce un nido di tartaruga marina su una spiaggia frequentatissima di Campomarino di Maruggio. Probabilmente si tratterà della covata che il Wwf e Legambiente cercavano da giorni dopo aver scoperto le tracce lasciate in più punti sulla sabbia di una tartaruga in cerca del luogo più adatto per deporre le uova.

Del nido ora si occupano gli attivisti di Legambiente di Maruggio che hanno attivato tutte le procedure previste dai protocolli per permettere la schiusa in sicurezza. A vigilare sul posto c'è anche il sindaco di Maruggio, Alfredo Longo. La zona di spiaggia che è stata momentaneamente delimitata con delle sdraio e nastro di plastica, sarà transennata e interdetta al passaggio mentre delle “sentinelle” delle due organizzazioni vigileranno a turno sino a quando tutte le tartarughe non avranno lasciato l’uovo per raggiungere il mare. (Foto di Gianfranco Cipriani su Facebook)

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Alessandro il Grande ha scritto il 14 agosto 2017 alle 09:12 :

    Sarebbe stato meglio prelevarle e farle schiudere in totale sicurezza in una incubatrice artificiale...e poi dopo liberarle..così si avrebbe avuto una schiusa maggiore con un tasso di sopravvivenza maggiore..adesso bisogna stare attenti ai curiosi alle mareggiate ed alle temperature..ed umidità.. Rispondi a Alessandro il Grande

Altre news
Le più commentate
Le più lette