La Giornata della memoria con le parole di Liliana Segre

Senza memoria non può esserci un futuro, abbiamo il dovere di non dimenticarlo

Claudio Rimoli Mentre tutto scorre
Manduria - mercoledì 27 gennaio 2021
Liliana Segre
Liliana Segre © Google

Mercoledì, 27 gennaio. Oggi è il giorno della Memoria e per ricordarlo scelgo di pubblicare il ricordo e le parole di Liliana Segre:

Ad Auschwitz salutai mio padre, non lo vidi mai più. Quando entrai nel campo avevo 13 anni e non facevo che piangere. Non avevo più niente, niente. Neppure un fazzoletto per asciugare le lacrime. Non ci avevano lasciato niente. Solo il corpo, un corpo che piano piano diventava uno scheletro. La paura di morire per un passo falso o un’occhiata, ti fa diventare quello che i tuoi aguzzini vogliono che tu sia: che tu diventi disumana, egoista. Chi è stato ad Auschwitz ha sentito per anni l’odore di carne bruciata: non te lo togli più di dosso. Era una realtà talmente spaventosa che quando mi resi conto che il campo era pieno di mucchi di cadaveri, di scheletri che camminavano come fantasmi, di persone in punizione per un nonnulla, di violenza gratuita che poteva scatenarsi per uno sguardo sbagliato o una parola sussurrata a un altro prigioniero… dentro di me, senza che ne fossi conscia, scattò qualcosa. Il desiderio di sopravvivenza, fortissimo. Un desiderio selvaggio, primitivo, che era prima di tutto del mio corpo, che voleva farcela, che non voleva arrendersi. Non fu un ragionamento consapevole, ma un istinto di cui mi sono resa conto solo dopo, quando tutto era finito. Però non sarebbe bastato. Lì dentro non sarebbe bastato voler sopravvivere.

Mentre Tutto Scorre... senza memoria non può esserci un futuro, abbiamo il dovere di non dimenticarlo, anche per non commettere gli errori del passato!

Claudio Rimoli

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti