Sabato prossimo

​Sul palco della Voce gli artisti per la ripartenza a muso duro dopo il lockdown

Cercheremo di affrontare questi temi con la leggerezza della musica e con il racconto di persone reali che hanno già vinto questa battaglia

Spettacolo
Manduria mercoledì 19 agosto 2020
di La Redazione
Il palco de La Voce di una precedente edizione
Il palco de La Voce di una precedente edizione © La Voce di Manduria

È tutto pronto per l’undicesima edizione della Festa La Voce di Manduria che si terrà sabato 22 agosto nella splendida cornice della chiesa di Sant’Antonio a Manduria. Il tema della festa è «La ripartenza a muso duro (dopo il lockdown). Sperando che si possa parlare davvero di “dopo”, l’evento vuole dare prova di come sia possibile sconfiggere il virus, dalla riconquista dello stato di salute di chi viene colpito al superamento dei danni economici e sociali che una tale battaglia comporti.

Cercheremo di affrontare questi temi con la leggerezza della musica e con il racconto di persone reali che hanno già vinto questa battaglia.

Gli artisti che si alterneranno sul palco sono volti già noti al pubblico delle nostre feste. Dajana D’Ippolito, bravissima cantante jazz che ha cambiato il suo genere dedicandosi agli inni sacri, presenterà brani inediti del suo ultimo album di cui non è stato ancora reso noto il titolo. Si alterneranno poi sul palco cantanti presenti in quasi tutte le edizioni della festa, tutte artiste locali alcune già con esperienze artistiche di rilievo, altre che coltivano la passione del canto con aspirazioni e sogni di successo. A Katia Minerva, Serena Calò e Shelly Stranieri quest’anno si aggiunge Davide Saracino, cantante leccese al suo esordio con il primo singolo scritto e registrato nel periodo del lockdown. Davide ha una storia particolare di “ripartenza”. È venuto fuori da un brutto incidente che lo ha tenuto in coma per diverso tempo e gli ha strappato il padre.

Sempre restando in tema musicale (domani vi parleremo del programma socioculturale della festa), segnaliamo la chiusura della serata affidata all’artista internazionale, ma legatissimo alla sua Manduria, Dario Pinelli. Considerato tra i maggiori chitarristi di gypsy jazz al mondo, Pinelli alla chitarra e voce, con Ivano Corvaglia al basso e Marco Iunco alle percussioni, presenterà uno spettacolo studiato apposta per il palco della Voce.

Accesso libero, posti disponibili 200, con prenotazione e registrazione obbligatoria in rispetto della normativa anti Covid. Per iscriversi cercare il banner su www.lavocedimanduria.it

Lascia il tuo commento
commenti