Settimana di interrogatori

Inchiesta "Cupola": interrogatori di garanzia, Malorgio risponde, gli altri no

Giorno venti toccherà ai domicilairi

Giudiziaria
Manduria domenica 18 ottobre 2020
di La Redazione
Giustizia
Giustizia © La Voce di Manduria

«Io con questi fatti non c'entro niente». Nazareno Malorgio, uno dei quattro presunti membri della «cupola» della mafia manduriana della Sacra Corona, è l'unico imputato ad aver scelto di rispondere alle domande del gip nel corso dell'interrogatorio di garanzia dopo l'arresto eseguito dai poliziotti della Squadra mobile lo scorso 14 ottobre. Accompagnato dal suo legale, l'avvocato Antonio Liagi, Malorgio ha respinto ogni accusa e sostenuto di essere stato coinvolto in un blitz nel quale non avrebbe alcun ruolo.

Hanno invece scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere, ma di rilasciare dichiarazioni spontanee, Walter Modeo ed Elio Palmisano, assistiti dall'avvocato Lorenzo Bullo: Modeo, Palmisano e Malorgio insieme a Giovanni Caniglia, sono accusati di essere al vertice della Cupola sotto la quale sono stati riunificati i rispettivi gruppi criminali che operavano nel versante messapico.

Modeo e Palmisano, pur non rispondendo alle domande del giudice, hanno scelto di rilasciare dichiarazioni spontanee con le quali hanno spiegato di essere estranei alle accuse mosse dai poliziotti guidati dal vice questore Fulvio Manco e coordinati dal pm Milto De Nozza della Direzione distrettuale antimafia di Lecce.
Ieri inoltre sono iniziati anche gli interrogatori degli altri indagati finiti in carcere che proseguiranno nei prossimi giorni: si tratta di Alessandro Andrisano di 35 anni, Domenico Alessandro Andrisano di 37 anni, Gianluca Attanasio di 57 anni, Mario Buccolieri di 42 anni, Pierluigi Chionna di 41 anni, Gregorio Destratis di 50 anni, Giuseppe Filardo di 44 anni, Cosimo lunco di 35 anni, Maurizio Malandrino di 41 anni, Raffaele Malandrino di 25 anni, di 41 anni, Pietro Spadavecchia, di 46 anni e Michele Antonio Trombacca di 44 anni.

Il 20 ottobre, invece, a Lecce saranno ascoltati gli indagati finiti ai domiciliari come Emidio Carella di 54 anni, Mirco Destratis di 46 anni, Teresa Dimitri di 49 anni, Luigi Mitrangolo di 44 anni, Gianvito Modeo di 44 anni e Dario Portogallo di 43 anni.

Gli indagati sono difesi, oltre dai legali Bullo e Liagi, anche da un collegio difensivo composto, tra gli altri, dagli avvocati Franz Pesare, Cosimo
Micera, Fabio Falco e Alessandro Cavallo. L'organizzazione criminale, secondo l'accusa, negli ultimi anni sarebbe stata in grado di rigenerarsi mediante la costituzione di un direttivo, una vera e propria Cupola i cui indiscussi esponenti sono, per gli investigatori, proprio Caniglia, Modeo, Malorgio e Palmisano. Questi, ricorrendo all'intimidazione o sfruttando il legame associativo, avrebbero assoggettato l'intero territorio di Manduria arrivando ad ottenere il pieno controllo del traffico illecito di sostanze stupefacenti, delle attività estorsive (anche nella forma della cosiddetta
«estorsione ambientale») e delle rapine.

Ciccio Casula su Quotidiano

Lascia il tuo commento
commenti