Il piemme ha chiesto 3 anni e 9 mesi

“Il caporeparto non aveva compiti di controllo sui macchinari”, la difesa dell’ingegnere manduriano

I due penalisti hanno puntato soprattutto sul mancato potere decisionale dell’ingegnere in tema di esercizio delle gru

Giudiziaria
Manduria giovedì 11 marzo 2021
di La Redazione
Gli avvocati Armando Pasanisi e Franz Pesare
Gli avvocati Armando Pasanisi e Franz Pesare © La Voce di Manduria

Udienza del processo “ambiente Svenduto”, quella di ieri, dedicata alla difesa del manduriano Giuseppe Dinoi, il caporeparto dell’ex Ilva, ora ArcelorMittal, accusato di aver omesso i controlli della gru che il 28 novembre del 2012, durante una tempesta di vento, precipitò in mare causando la morte di un operaio che rimase incastrano nella cabina. I suoi difensori, Franz Pesare e Armando Pasanisi, hanno discusso oltre un’ora per dimostrare l’innocenza del proprio assistito.

I due penalisti hanno puntato soprattutto sul mancato potere decisionale dell’ingegnere in tema di esercizio delle gru, di prevenzione degli infortuni e altre norme legate alla sicurezza. Dimostrando l’assoluto rispetto di tutte le pratiche operative in vigore all’epoca del fatto, i difensori hanno evidenziato come il tornado che provocò il crollo della gru fu un evento eccezionale non prevedibile e di una forza tale che anche con l’inserimento di strumenti di blocco l’evento si sarebbe verificato ugualmente. In ogni caso, hanno insistito i difensori, l’imputato era responsabile per i carichi e scarichi sulle navi e non aveva mansioni di controllo, manutenzione o formazione.

Al termine della loro discussione i due difensori hanno chiesto l’assoluzione perché il fatto non sussiste o in alternativa l’applicazione del minimo della pena per il riconoscimento delle attenuanti generiche. La pubblica accusa ha chiesto 3 anni e nove mesi di reclusione.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 13 marzo 2021 alle 17:52 :

    Era meglio se faceva l assenteista, come molti dipendenti pubblici quel povero Cristo che è morto RIP Rispondi a Marco