Dosi di droga e bilancino

Senza lavoro con l'assegno di disoccupazione e la cocaina in casa

Arrestato dalla polizia un 42enne

Cronaca
Manduria martedì 02 giugno 2020
di La Redazione
Spaccio
Spaccio © La Voce di Manduria

Gli agenti della polizia del commissariato di Manduria avevano visto giusto sospettando di un quarantaduenne, formalmente disoccupato, trovato in possesso di circa otto grammi e mezzo di cocaina suddivisa in sei dosi. I poliziotti, alla guida dell’ispettore Massimo Conte, si sono presentati nell’appartamento dell’uomo per la perquisizione che ha dato i risultati sperati. All’interno di un mobile gli agenti hanno trovato due contenitori di plastica trasparente contenenti ognuno sei involucri di cellophane sigillati con nastro adesivo nero per una quantità totale di 8,64 grammi di presunta sostanza stupefacente simile alla cocaina. Nell’approfondire le ricerche, i poliziotti hanno trovato in casa un bilancino di precisione e denaro contante pari a 295 euro di vario taglio ritenuto provento dello spaccio.

Il quarantaduenne che ha nominato come suo difensore l’avvocato Alessandro Cavallo del foro di Taranto, è stato così accompagnato negli uffici del commissariato di polizia della città Messapica e dopo le formalità di rito, su disposizione de magistrato di turno presso la Procura della Repubblica ionica, il pubblico ministero Mariano Buccoliero, dichiarato agli arresti domiciliari.

Nell’interrogatorio di convalida che si è tenuto ieri mattina al Tribunale di Taranto, l’indagato che risponde di detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio, ha preferito non rispondere alle domande del giudice delle indagini preliminari, Francesco Maccagnano che ha convalidato l’arresto ai domiciliari. L’avvocato Cavallo che lo ha assistito, ha fatto notare che la somma trovata in casa del suo assistito e sequestrata dalla polizia insieme alla sostanza che si presume essere cocaina, non sarebbe frutto dello spaccio ma il ricavato dell’assegno mensile di disoccupazione per lavoratori agricoli. Il presunto spacciatore è padre di due figli minorenni.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • William ha scritto il 02 giugno 2020 alle 08:58 :

    Alla fine dei conti, non condanno chi la spaccia ma chi ne fa uso ...altrimenti gli spacciatori non esisterebbero! Rispondi a William

    Mimmo sammarco ha scritto il 03 giugno 2020 alle 04:13 :

    È vero anche il contrario ..solo che chi fa uso fa del male a se stesso e chi spaccia fa del male a tante altre persone.. Rispondi a Mimmo sammarco