Lo sdegno della rete

Discarica di amianto a due passi dal mare di Borraco

Sicuramente si tratta del materiale di risulta della copertura di qualche capannone bonificato

Cronaca
Manduria sabato 29 febbraio 2020
di La Redazione
Pannelli di amianto
Pannelli di amianto © La Voce di Manduria

Una trentina di pannelli di Eternit sono stati gettati su una spiaggia di Borraco, marina di Manduria, a pochi metro dal mare. Sicuramente si tratta del materiale di risulta della copertura di qualche capannone bonificato.

Le onduline composte di cemento e amianto, si presentano in uno stato di deterioramento che predispone l’emissione di pericolosissime fibre che se inalate si annidato nei polmoni e possono provocare il cancro. Le foto della discarica a cielo aperto è stata pubblicata sui social dove sta creando sdegno con inviti alla bonifica rivolti alle autorità locali.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • La Francy ha scritto il 03 marzo 2020 alle 07:18 :

    D estate ricorrono agli incendi per ottenere un determinato tipo di situazioni è di inverno guarda caso ricorrono all abbandono programmatico in aree che sono sotto il controllo di ben 5 agenzie di vigilanza , Ma se anche dovessero essere poche le agenzie di vigilanza testa il fatto che parliamo di "Area protetta riserva naturali " e quindi di aree costantemente sotto il controllo di personale Aref e compagnia bella , Bene !!!di chi sono le responsabilità ?chi non fa il proprio lavoro come dovrebbe farlo ? Quali sono i motivi per cui non si fa videosorveglianza? Ancora dubbi ? 👥👤👥👮 Rispondi a La Francy

  • Angela ha scritto il 02 marzo 2020 alle 06:57 :

    certo che una bella inchiesta giornalistica e penale sul comportamento dei cittadini non farebbe male alla salute. Questi banditi non sanno quanto male alla salute procurano. Quella massa di amianto fa molto più male del coronavirus. Rispondi a Angela

    Lorenzo ha scritto il 02 marzo 2020 alle 12:52 :

    Verissimo. Ci vorrebbero le telecamere, ma prima bisognerebbe ridare la luce pubblica. Anche un piccolo presidio di Polizia non guasterebbe a San Pietro Rispondi a Lorenzo

  • Domenico ha scritto il 01 marzo 2020 alle 22:08 :

    Sapete come funzionano le cose in caso di ristrutturazioni edilizie? Si chiama un amico che fa questo tipo di lavori, ovviamente in nero, ti smonta la tettoia, ti garantisce che ci pensa lui allo smaltimento, anche se si tratta di amianto, risolve il problema e butta via tutto sulla spiaggia o nel bosco. L'assassino ha colpito, il mandante ha risolto il problema, ha risparmiato e ha la coscienza a posto perchè non sa nemmeno dove il suo carico di morte è andato a finire. Tutti contenti e avanti con l'evasione fiscale e il lavoro nero e merda nel ventilatore. Altro che depuratore!!! Rispondi a Domenico

  • leonardo ricotta askanti ha scritto il 01 marzo 2020 alle 07:42 :

    a volte penso che il depuratore c’è lo meritavamo proprio sulla spiaggia...!!! Rispondi a leonardo ricotta askanti

  • Lorenzo ha scritto il 29 febbraio 2020 alle 18:27 :

    Qui non si tratta solo di delinquenti, qui c'è proprio la cultura che, da Torre Colimena a Torre Borraco non vi è legge. Rispondi a Lorenzo

    Mimmo saracino ha scritto il 02 marzo 2020 alle 05:05 :

    Purtroppo siamo anni e anni indietro..bel biglietto da visita per i turisti..il problema è che vige ancora l omertà..altrimenti chi ha visto o vede può denunciare invece tutti facciamo finta di non vedere! Rispondi a Mimmo saracino

    senza cuore ha scritto il 04 marzo 2020 alle 11:30 :

    Pare che da queste parti il silenzio è d'oro.omertà è sinonimo di mafiosità Rispondi a senza cuore

  • Messapico ha scritto il 29 febbraio 2020 alle 17:34 :

    Leggo, che i Vigili Urbani periodicamente fanno visita ad un ammalato affetto da Coronavirus, al fine che rispetti l'isolamento domiciliare disposto dal Comune. Forse, è il caso di fare visita periodicamente anche al nostro litorale. Al fine di far rispettare la Legge a chi non è ammalato, ma solo un delinquente. Rispondi a Messapico