Ricoverata a Taranto

Manduria, anziana malata e sola in una casa da incubo salvata dai vigili del fuoco

Quando i vigili del fuoco del distaccamento di Manduria sono arrivati all’indirizzo indicato, hanno scoperto che l’odore nauseante che proveniva da un’abitazione e che i vicini avevano scambiato con quello del gas, era in affetti

Cronaca
Manduria lunedì 15 ottobre 2018
di La Redazione
Pompiere con maschera d'aria
Pompiere con maschera d'aria © Google

Il falso allarme per una fuga di gas in un’abitazione di Manduria ha portato alla luce una storia di abbandono e degrado a carico di una anziana signora che vive da sola in un condizioni disumane. È successo sabato mattina in una via del rione "Porticella" a due passi dal centro cittadino.

Quando i vigili del fuoco del distaccamento di Manduria sono arrivati all’indirizzo indicato, hanno scoperto che l’odore nauseante che proveniva da un’abitazione e che i vicini avevano scambiato con quello del gas, era in affetti provocato dalla sporcizia e da alimenti in putrefazione diffuso ovunque nella casa. Al suo interno i pompieri hanno trovato una donna di 75 anni in uno stato alterato di coscienza alterato che viveva nell’appartamento senza acqua né energia elettrica. L’aria era talmente irrespirabile, dovuta anche al water pieno di escrementi, che i vigili del fuoco son dovuti entrare con la maschera d’aria.

A quanto pare la settantacinquenne non è seguita dai servizi sociali comunali e rifiuterebbe l’assistenza dei figli. La situazione di degrado ha costretto comunque i vigli ad inviare una segnalazione agli enti competenti mentre l’anziana signora è stata affidata al personale di un’ambulanza che l’ha accompagnata all’ospedale Moscati di Taranto dove è stata ricoverata nel reparto di psichiatria.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • giorgio sardelli ha scritto il 16 ottobre 2018 alle 20:06 :

    le istituzioni fanno un discorso di parte per coprirsi loro e quello di qualche altro visto le ripetute denunce del vicinato qualcuno dovrebbe andare sino in fondo è vederci chiaro sino ad arrivare alla verità e chi ha sbagliato deve pagare spesso le istituzioni sono latitanti in queste faccende forse perchè lo stato non li vuole e lascia ai familiari il compito di accudire queste persone che lo farebbero volentieri se fossero nelle condizioni di poterlo fare ma a volte non ci sono le condizioni Rispondi a giorgio sardelli

    Distratis Grazia ha scritto il 17 ottobre 2018 alle 05:25 :

    Si andrà a fondo a tutta questa storia...e nn tutti alla fine rideranno...dalla polizia municipale che nn si presenta per i dovuti controlli...agli operatori dell'Asl che fanno abuso di potere e ti mandano a quel paese solo perché si sono scomodato alzando il loro sedere dalla poltrona che nn meritano....ai medici del moscati che hanno dimesso l'anziana signora dopo due ore... secondo loro capace di intendere e di volere...se fosse così nn vivebbre nel degrado...nn manderebbe via le figlie aggredendole con coltelli....nn andrebbe in giro di notte o a qualsiasi ora del giorno...nn raccoglierebbe la spazzatura altrui...e tanto tanto altro....bisogna per forza denunciare le istituzioni perché queste facciano il loro dovere?Se serve....si farà Rispondi a Distratis Grazia

  • Daniele Sicara ha scritto il 15 ottobre 2018 alle 13:22 :

    E non dimentichiamo che questa signora "sana di mente" perché i medici che l'hanno visitata così hanno detto.. ha dormito accanto ad un morto per 3 giorni di fila pensando che stesse dormendo... pensate un po' voi... Rispondi a Daniele Sicara

  • Daniele Sicara ha scritto il 15 ottobre 2018 alle 13:06 :

    e non bisogna lasciarle sole libere di intendere e volere.. ebbene sì così hanno detto chi l'ha visitata.. che questa persona è sana di mente ed è capace di intendere e volere.. mah! Sarà anche così.. perché non sono 1 medico quindi vedo la cosa da un altra prospettiva come chiunque qui vicino.. ma chi veramente conosce questa signora questo giudizio sembra folle.. io non voglio insegnare nulla a nessuno ma cerchiamo di fare chiarezza su questa vicenda perché chi ne paga le conseguenze è solo e soltanto chi è più vicino.. Rispondi a Daniele Sicara

  • Daniele Sicara ha scritto il 15 ottobre 2018 alle 13:04 :

    Cari lettori chi vi scrive è il vicino di questa signora anziana.. Vorrei solo aggiungere giusto un paio di cose a questo caso della sottintesa anziana,che questa situazione va avanti da quasi un anno dove più volte abbiamo chiesto aiuto alle istituzioni di competenza ma come ben sappiamo tutti le nostre istituzioni se ne fregano come qualsiasi cosa che succede a chiunque più volte siamo andati a chi di competenza e come ci ha risposto.... ridendoci in faccia e fregandosene.. fino a sabato dove siamo stati costretti a nostro malgrado di vedere di smuovere qualcosa perché nè siamo pieni.. non è possibile arrivare a casa è sentire il fetore nauseabondo di questa situazione.. io non voglio colpevolizzare nessuno ma chiedo solo a chi di competenza di prendersi cura di persone in questo stato Rispondi a Daniele Sicara

Altre news
Le più commentate
Le più lette