Domenica, 27 Novembre 2022

Cronaca

La vittoria in tribunale sull'uso del marchio

Sorpresa: il falso Freddie “batte” quello originale

Freddy Mercury e Piero Epifani Freddy Mercury e Piero Epifani

Il cantante e showman manduriano, Piero Epifani, in arte Piero Venery, leader e frontman della tribute band “White Queen”, ha battuto i Queen “originali” (o ciò che resta della band capitanata da Freddie Mercury fino alla sua morte nel 1991).

Ovviamente non si tratta né di vendite di dischi né di pubblico presente ai concerti (su questo non ci sarebbe storia alcuna), ma, molto più venialmente, di una opposizione aperta dalla Queen Productions Limited, la società inglese che detiene ed amministra tutti i diritti sullo sconfinato materiale artistico prodotto dai Queen, in merito alla registrazione del logo dei White Queen (la tribute band manduriana), che a loro dire, avrebbe violato i diritti di autore e di immagine da loro detenuti legalmente.

La questione nasce nel 2019 quando la società inglese facente capo al chitarrista Brian May (autore di numerosi successi dei Queen) ed al batterista Roger Taylor, contesta al cantante della tribute band manduriana “una serie di condotte allo stesso riferibili, le quali, nel complesso, integrano plurime e gravissime violazioni dei diritti di proprietà intellettuali di cui la Queen Productions Limited” è esclusiva titolare. Si va, a detta di May e Taylor, dall’uso non autorizzato delle registrazioni di performance live dei Queen, alle copertine e dell’artwork dei loro album e dei videoclip ufficiali. Ma l’attenzione dei due gloriosi musicisti inglesi si focalizza specificatamente sulla richiesta di deposito del marchio “White Queen” presentata da Piero Venery all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi: a loro avviso tale logo avrebbe violato i diritti legali da loro detenuti rispetto al logo storico dei Queen. Nasce da qui, quindi, l’opposizione che lo studio legale con sede a Roma Roma che rappresenta in Italia la Queen Productions Limited ha presentato all’ufficio Brevetti Italiano contro la registrazione del logo della band manduriana, opposizione che è stata respinta nei giorni scorsi dall’esaminatrice, concedendo così a Piero Venery la registrazione del proprio logo e segnando così la sconfitta delle potente Queen Productions Limited.

Una vittoria salutata a suo modo da Piero Venery sulla pagina Facebook ufficiale della band, con un’ironia che svela anche quali possano essere stati i motivi, a suo parere, di questo tentativo di rivalsa da parte di due giganti della musica nei suoi confronti: «Dopo l'uscita del diffamante film sul mio idolo Freddie Mercury (novembre 2018) – si legge sulla pagine Facebook dei White Queen -  il sottoscritto ha protestato contro i signori Brian May e Roger Taylor postando delle libere e negativissime opinioni riguardo la realizzazione del suddetto(e maledetto) film ( Bohemian Rhapsody). Incredibilmente il 4 marzo del 2019 – continua Piero Venery - la "Queen Productions Limited" mi invia una email ufficiale ove mi contestava, a 16 anni di "White Queen", la "q" di "Queen" del nome "White Queen" ritenuta uguale a quella del marchio originale "Queen". Oggi posso annunciare con vittoria, ben dopo 3 anni e 6 mesi di legale battaglia contro la "Queen Productions Limited", che la loro opposizione é stata respinta!».

Gabrio Distratis


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

3 commenti

  • Marco
    ven 7 ottobre 23:06 rispondi a Marco

    Grande Piero Queen! Manduria ti applaude. Mo no ti montari la capu però mi raccumannu

  • Maria Antonietta
    ven 7 ottobre 15:30 rispondi a Maria Antonietta

    Piero, sei un grande, credo che il vero Freddie Mercury da lassù approvi quello che fai. Ciao.

  • Maria Antonietta
    ven 7 ottobre 15:30 rispondi a Maria Antonietta

    Piero, sei un grande, credo che il vero Freddie Mercury da lassù approvi quello che fai. Ciao.

Tutte le news Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 27 novembre

Il video della vergogna. Quando a perdere è solo lo sport, il calcio.  Quanto accaduto ieri, a San Pancrazio Salentino, ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 27 novembre

La straordinaria somiglianza con Malèna, il personaggio filmico interpretato da Monica Bellucci, ...

Tutte le news Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 27 novembre

Il 25 Novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne e anche l’istituto L. Einaudi ...

Tutte le news
La Redazione - sab 26 novembre

Prosegue l’attività di contrasto e controllo disposta dal Questore di Taranto Massimo Gambino nell’area nord – orientale della provincia jonica. ...

Tutte le news
La Redazione - sab 26 novembre

Il consigliere comunale del gruppo Gea, Agostino Capogrosso, ha segnalato ai vigili urbani di Manduria la presenza ...

Strade riasfaltate, lavori a regola d’arte? La denuncia del consigliere Duggento
La Redazione - gio 17 novembre

Chi controlla sulla regolarità dei lavori pubblici a Manduria. Sembra chiederselo il consigliere comunale di minoranza, Dario Duggento che prende come spunto un’opera appena terminata: il nuovo tappeto d’asfalto ...

Sexting, le chat pericolose dei ragazzini e l’allarme di una mamma: “genitori, non sottovalutate i rischi”
La Redazione - gio 17 novembre

Fotografie hot e linguaggi a sfondo sessuale trovati in una chat di scuola tra alcuni minorenni manduriani. A scoprire i contenuti osé è stata la mamma di una delle alunne, tutte di ...

Decoro urbano tra la sporcizia e l’incuria a San Pietro in Bevagna, la denuncia sui social
La Redazione - ven 18 novembre

«Sono passati quasi due mesi dal "decoro urbano" ma i rami che hanno tagliato per mettere le coperture alla fermata dell'autobus sono ancora lì e le panchine rotte e pericolanti anche». ...