Venerdì, 9 Dicembre 2022

Giudiziaria

La decisione dei giudici ha fatto emergere un'altra versione dei fatti

Marito "violento" assolto in appello: "con la moglie si insultavano a vicenda"

Giustizia Giustizia © La Voce di Manduria

Un manduriano che in primo grado era stato condannato per maltrattamenti e minacce alla moglie che lo aveva denunciato, è stato assolti in appello dove sarebbe emersa un’altra verità: un matrimonio iniziato male tirato avanti per quindici anni tra continui litigi e incomprensioni.

Il primo grado del processo, per presunti maltrattamenti e minacce del marito nei confronti della moglie, entrambi manduriani, si era chiuso sfavorevolmente per l'uomo; il secondo, in Corte d'appello, ha cambiato completamente il quadro con l'assoluzione l'imputato «perché il fatto non sussiste». E' l'epilogo di un rapporto di coppia durato quindici anni, mai vissuto serenamente, tra un operaio di 57 anni e sua moglie. A luglio del 2021 il tribunale aveva condannato l'uomo ad un anno e mezzo di reclusione e al pagamento di una provvisionale 10.000 euro.

L'uomo, difeso dagli avvocati Davide Parlatano e Sara Piccione, è stato assolto con la formula piena mentre sulla donna è calato un peso sicuramente più insopportabile della separazione stessa e di quei maltrattamenti e privazioni per i quali aveva deciso di denunciare il marito: la figlia ha deciso di stare dalla parte del papà accusando la madre di essere la responsabile di tutto, anche dei continui litigi; stessa cosa per il primogenito vittima nel frattempo di una disgrazia che lo ha portato via in tenera età.

«Trattasi di inveterati dissidi familiari» secondo i giudici d'appello che hanno annullato la sentenza di primo grado incanalando la disputa in un quadro nel quale, pur non potendo ritenere falsa l'accusa della moglie nei confronti del marito, «risulta davvero difficile giungere alla certa conclusione opposta». Si sarebbe quindi trattato, si legge nella sentenza, «della reciproca ed aggressiva modalità di composizione dei conflitti matrimoniali». O meglio «della risoluzione di contrasti familiari, per lo più generati da questioni economiche, affidata piuttosto che ad un ormai inesistente dialogo, ad offese reciproche volte semplicemente a far prevalere con la contumelia il rispettivo punto di vista di chi le pronunciava».

N.Din.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 9 dicembre

L’ingegnere comunale Alessandro Pastore, ha dato parere sfavorevole al procedimento di valutazione integrata ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 9 dicembre

Lo sversamento dei reflui depurati nel bacino Arneo di Torre Colimena non impedirà la balneazione perché l’Acquedotto ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 9 dicembre

“Avevo un conto aperto con il fumetto. Un debito antico maturato da qualche parte ...

Tutte le news
Proclamato lutto cittadino Avetrana in lutto per la piccola Viola
La Redazione - gio 8 dicembre

Avetrana in lutto per la morte di una giovanissima di appena 5 anni. Viola Buccoliero il suo nome, era ricoverata in un ospedale romano per combattere una malattia ...

Tutte le news
La Redazione - gio 8 dicembre

I due consiglieri comunali di minoranza, Domenico Sammarco e Gregorio Gentile, hanno ufficialmente aderito al Partito democratico e costituiscono ...

Detenuto ai domiciliari ottiene il permesso speciale per assistere la madre sola
La Redazione - ven 1 luglio

Può sospendere la detenzione ai domiciliari che sta scontando a Manduria per recarsi almeno una volta al giorno ad Avetrana per assistere la madre ultranovantenne. La burocrazia e le lungaggini degli uffici del Tribunale ...

Si apre il processo per la morte del cavallo "Nerone"
La Redazione - mer 6 luglio

Si apre oggi nel Tribunale di Taranto il processo per la morte di un cavallo avvenuta nel 2019 in un maneggio di Manduria per la quale sono indagate due persone, il proprietario e il gestore della struttura "La Corte dei Vescovi" di Manduria. ...

Processo femminicidio: “Pina lo voleva lasciare perché si sentiva sfruttata”
La Redazione - sab 9 luglio

Giuseppina Dinoi, la 71enne manduriana barbaramente uccisa dal suo compagno, Pietro Dimitri, la mattina del 12 ottobre scorso nel piccolo appartamento delle case popolari del rione Barco, aveva confidato ad un’amica l’intenzione ...