Venerdì, 27 Maggio 2022

Cronaca

Cinque manduriani arrestati

«La Puglia è nostra», l'intercettazione di Walter Modeo nell'inchiesta per droga e mafia

Guardia di Finanza Guardia di Finanza | © La Voce Di Manduria

«La Puglia è nostra». Così, in un’intercettazione captata dalla Guardia di Finanza di Brindisi che indagava su delega della Direzione distrettuale antimafia di Lecce, il manduriano Walter Modeo, esaltava il suo presunto potere criminale mentre preparava le armi per un attentato di fuoco contro gli appartenenti al clan rivale di Giovanni Donatiello, 60 anni di Mesagne da poco libero dopo 30 di carcere per reati di mafia.

Era il 27 maggio del 2019. La cimice della procura antimafia registra i rumori dello scarrellamento dei fucili mentre Modeo parla con un trafficante di Oria che gli aveva chiesto protezione contro le richieste estorsive dei mesagnesi.

«Te ne puoi andare – dice il manduriano -, quelli non sanno neanche con chi si sono messi contro, mille e cinquecento dipendenti abbiamo tra albanesi, russi e ucraini, quelli non sanno neanche con chi cazzo si mettono contro, il clan mio è operativo, noi comandiamo qua, la Puglia è nostra, punto».

È uno dei passaggi più forti delle numerose intercettazioni ambientali e telefoniche riportate nelle 489 pagine dell’ordinanza della giudice Cinzia Vergine che firma 23 misure di custodia cautelare nei confronti di altrettante persone di diversa provenienza e nazionalità. Tra questi anche 5 manduriani, tre dei quali coinvolti anche nella recente inchiesta «Cupola» dell’antimafia leccese: oltre a Modeo, Nazareno Malorgio e Elio Palmisano, tutti arrestati ieri per reati di droga, i primi due con l’aggravante dell’associazione mafiosa.

L’inchiesta coinvolge in tutto 45 gli indagati che devono rispondere a vario titolo di traffico internazionale di stupefacenti, estorsione aggravata da metodo mafioso, detenzione e porto in luogo pubblico di armi comuni ed armi da guerra, danneggiamento, violazione agli obblighi imposti dalla misura di prevenzione della sorveglianza speciale ed autoriciclaggio. Le indagini hanno riguardato un’organizzazione criminale transnazionale con base in Albania in grado di importare nelle provincie di Brindisi e Taranto grosse partite di eroina e cocaina in arrivo dalla Turchia e dall’Olanda, poi smistate sulle diverse piazze di spaccio della regione pugliese ed in provincia di Reggio Calabria.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

4 commenti

  • el chapo
    dom 23 gennaio 09:29 rispondi a el chapo

    Si nu l hai capito noi a Roma no pijamo ordini,li damo!

  • el chapo
    dom 23 gennaio 09:29 rispondi a el chapo

    Si nu l hai capito noi a Roma no pijamo ordini,li damo!

  • Egidio Pertoso
    dom 23 gennaio 07:47 rispondi a Egidio Pertoso

    Ammazza, che organizzazione...da far invidia alle amministrazioni pubbliche !

  • Egidio Pertoso
    dom 23 gennaio 07:47 rispondi a Egidio Pertoso

    Ammazza, che organizzazione...da far invidia alle amministrazioni pubbliche !

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 27 maggio

Oggi pomeriggio si aprirà la nuova edizione della rassegna “Forum in Masseria”, nella Masseria “Li ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 27 maggio

...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 27 maggio

Non ci stanno ad essere relegati ai controviali di via XX Settembre, a Manduria, e non in Piazza dove si svolge la festa di San Cosimo: a ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 27 maggio

Video e audio di Mimmo Breccia di La voce di Manduria ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 27 maggio

Manduriambiente non può più accogliere rifiuti perché la capienza è esaurita. La direzione dell’impianto ...

Focolaio Covid al Giannuzzi, ricoveri sospesi in medicina
La Redazione - ven 22 aprile

Un focolaio d’infezione da coronavirus è scoppiato nel reparto di medicina dell’ospedale Marianna Giannuzzi di Manduria. Erano 25 sino a ieri, tra pazienti e personale sanitario, i positivi al Covid. Dall’altro ieri il ...

Rapina a mano armata, vittima un altro benzinaio
La Redazione - sab 23 aprile

Banditi ancora scatenati a Manduria. L’altro ieri a ricevere la visita dei rapinatori armati è stata la stazione di servizio Conversano sulla via per San Pietro in Bevagna. I malviventi che viaggiavano a bordo di un’auto, si sono fermati ...

Scossa di terremoto in Bosnia avvertita anche a Manduria
La Redazione - ven 22 aprile

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita alle 23. 07  in tutta la Puglia. L'epicentro del sisma, di grado 5,6  che è stato sentito nettamente in tutta la regione, è in Bosnia, al ...