Lunedì, 6 Febbraio 2023

Cronaca

L'esito ancora provvisorio dell'autopsia

«Il prete di Uggiano è morto per un malore»

Giovanni Marraffa, a destra il luogo del ritrovamento Giovanni Marraffa, a destra il luogo del ritrovamento

La comunità di Uggiano Montefusco e di Manduria può tirare un sospiro di sollievo: don Giovanni Marraffa non è morto per causa violenta. L’esame autoptico eseguito ieri dal medico legale Giampiero Bottari su incarico del pubblico ministero Filomena Di Tursi della Procura ionica, avrebbe escluso ferite o altri segni di violenza sul corpo. Rendendo quindi plausibile la morte sopravvenuta per cause naturali, anche se la certezza la si avrà tra una sessantina di giorni, tanti quanti sono stati chiesti dal dottor Bottari per completare l’esame biochimico e tossicologico sui reperti prelevati e consegnare la perizia al magistrato titolare del fascicolo. 

Il corpo senza vita del parroco a riposo di 88 anni è stato trovato lunedì sera della scorsa settimana nelle campagne alla periferia di Uggiano Montefusco, frazione di Manduria, dove viveva. 

Prende dunque piede l’ipotesi del malore che potrebbe aver colto l’anziano religioso in un posto isolato ma abbastanza vicino alle abitazioni della parte estrema del piccolo borgo manduriano. In tal caso ad ucciderlo potrebbe essere stato un infarto o altro malanno fatale che non gli avrà dato la possibilità urlare e farsi sentire chiedendo aiuto. Il corpo vestito di tutto punto, trovato da una volontaria della protezione civile del gruppo Era di Manduria, si trovava non lontano da una chiesetta rurale che il sacerdote visitava durante le sue abitudinarie passeggiate nelle campagne uggianesi. Aveva le mani chiuse a pugno sul petto e la cinta dei pantaloni appena slacciata.

Appurato, seppure con il condizionale, il motivo della morte, agli investigatori della stazione carabinieri di Manduria che indagano sul caso alla guida del comandante Elio Errico, dovranno dare lettura al giallo dell’auto del prelato trovata completamente bruciata poco distante dal luogo in cui è stato trovato il copro. Come pure bisogna scoprire che fine abbia fatto il trolley di colore rosso da cui don Giovanni non si separava mai e che anche il giorno della scomparsa, secondo alcuni testimoni, avrebbe portato con sé. Il pensionato che viveva solo nel piccolo appartamento di famiglia, secondo i suoi vicini viveva con il terrore che gli potessero rubare la macchina trovata bruciata. Dopo il furto di circa un anno fa delle quattro ruote, si racconta che il sacerdote che non aveva un garage scollegasse ogni sera i cavi della batteria. Con molta probabilità i funerali si terranno oggi o domani.

La notizia della morte che si è diffusa rapidamente nella cittadina messapica aveva fatto subito ricordare due precedenti episodi, più o meno simili, di morte di anziani con un denominatore unico, quello dell’auto bruciata. Con la differenza, rispetto a questo di Uggiano, che i loro corpi sono stati trovati carbonizzati nell’abitacolo delle macchine. Il primo di questi casi risale allo scorso mese di aprile quando un 84enne manduriano fu trovato carbonizzato nella sua auto in un terreno non di sua proprietà alla periferia di Maruggio. A luglio a fare la stessa fine è stato un 79enne scomparso due giorni e ritrovato cadavere nella sua macchina in un podere di campagna sulla Manduria Francavilla appartenuto alla sua famiglia d’origine.

Nazareno Dinoi


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

3 commenti

  • Manduriano preoccupato
    gio 8 dicembre 2022 03:01 rispondi a Manduriano preoccupato

    Nn dite che vediamo troppi film, ma qualcosa nn torna. In pochi mesi tre persone anziane morte in campagna, auto divorate dalle fiamme , tutti casi di autocombustione o malfunzionamento? Speriamo nn sia opera di qualche squilibrato o serial killer .

    • Lorenzo
      gio 8 dicembre 2022 08:32 rispondi a Lorenzo

      4 anziani morti. Uno anche al confine nel brindisino. Per esattezza. Urge un pool di investigatori specifici, potrebbero esserci dei collegamenti. Opinioni

  • Dino Conta
    gio 8 dicembre 2022 02:35 rispondi a Dino Conta

    Ma l'auto si è indendiata sola?

Tutte le news
La Redazione - oggi, lun 6 febbraio

Ha molto incuriosito gran parte dei nostri lettori, l’aver scoperto dal nostro articolo di sabato scorso (Minnie Minoprio ...

Tutte le news
La Redazione - dom 5 febbraio

Vigili del fuoco e tecnici dell’Enel a lavoro questa notte per l’incendio di un’autovettura ...

Tutte le news
La Redazione - dom 5 febbraio

Vento e fiocchi di neve a Manduria e in diversi centro del Salento. E’ arrivato dai Balcani, come era stato previsto, il freddo che farà ...

Tutte le news
La Redazione - sab 4 febbraio

La giornata dei calzini spaiati per educare i bambini d’asilo ad accettare le diversità. E’ la bellissima idea avuta dalle ...

Tutte le news
La Redazione - sab 4 febbraio

Un male incurabile ha stroncato la vita di Cosimo Giuliano, manduriano, stimato professore di lettere classiche e uomo di cultura e di politica. ...

Orrore al cimitero: ladri rubano i denti d'oro dal teschio
La Redazione - mar 24 gennaio

I sospetti dei familiari che l’altro ieri avevano visto la profanazione della tomba di famiglia con la botola aperta, si sono rivelati reali: qualcuno ha aperto la cassetta ossario del nonno portando via una parte anatomica, la mandibola, ...

Il fiume Borraco senza sbocco a mare, pericolo allagamenti
La Redazione - mar 24 gennaio

Nuovamente il fiume di Borraco, marina di Manduria, è stato bloccato nella foce. Le maree di questi giorni hanno occluso lo sbocco a mare del piccolo corso d’acqua che sta ora straripando nei terreni circostanti. ...

Ossario profanato per rubare i denti d’oro dal teschio, dopo la polizia il comune avvia una indagine interna
La Redazione - mer 25 gennaio

Mentre la polizia di Stato del locale commissariato ha avviato le indagini per risalire agli autori della profanazione dell’urna ossario di un defunto dal cui teschio è stata sottratta ...