Domenica, 27 Novembre 2022

Spazio Einaudi

Giornata della memoria all'Einaudi: Venti rose per venti bambini

Giornata della memoria all Giornata della memoria all'Einaudi: Venti rose per venti bambini | © n.c.

La giornata della memoria del prossimo sabato 27 gennaio sarà ricordata dall’Istituto Einaudi con una suggestiva manifestazione intitolata “Venti rose per venti bambini”. L’evento che avrà inizio alle ore 9, consiste nella rappresentazione teatrale e letteraria di una terribile storia realmente accaduta nel 1945 in un campo di concentramento nazista dove venti bambini furono sottoposti a brutali esperimenti e successivamente uccisi.

In una delle aiuole dell’Istituto, appositamente allestita dagli studenti dell’agrario, verranno piantate venti rose bianche, una per ogni bambino. Ogni piantina sarà corredata da un pannello che riporterà il nome, nazionalità, data di nascita e di morte delle piccole vittime. L’evento sarà arricchito dalla lettura di alcuni brani del libro di Maria Pia Bernicchia dal titolo “Chi vuole vedere la mamma faccia un passo avanti”.

Il titolo del libro riporta la frase usata dal medico Josef Mengele, conosciuto come “l’angelo della morte”, per attirare con l’inganno il gruppo di bimbi da utilizzare per i suoi esperimenti per la ricerca di un vaccino contro la tubercolosi. La storia racconta che i bambini internati, con età comprese tra i cinque e i dodici anni, si facevano avanti con la speranza di incontrare la propria madre divenendo inconsapevolmente cavie dell’”angelo della morte”. Uno di loro era italiano, Sergio De Simone di Napoli. (nella foto con sua madre Gisella).

Questa scena sarà rappresentata sabato con una teatralizzazione degli studenti del biennio che alla pronuncia della frase, “Chi vuole vedere la mamma faccia un passo avanti”, avanzeranno annunciando le generalità di tutti i venti bambini a cui sarà dedicata la manifestazione.

All’appuntamento che sarà ripreso in diretta web e trasmesso sulla pagina Facebook e sul sito della Voce di Manduria a cura della redazione SpazioEinaudi, prenderanno parte le quinte classi con i rispettivi docenti, la dirigente dell’istituto, Elena Silvana Cavallo e la commissaria straordinaria del comune di Manduria, Francesca Adelaide Garufi. Tutta l’organizzazione sarà curata dalla professoressa Anna Maria Saracino.

L’aiuola con le venti rose sarà ricordata con una targa che riporterà la frase: “una carezza dall’Einaudi”.

La redazione SpazioEinaudi, hanno curato la stesura Alexandru Dajbog, Giorgia Dinoi, Alyssa Damicis, Sofia Giusi, Alice Calò, Emanuele Scorrano.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Conoscere per Ri-Conoscere: il pericolo dei residui bellici inesplosi
SpazioEinaudi - mer 24 gennaio 2018

Il 26 e 27 gennaio 2018 arriva a Manduria la campagna di sensibilizzazione “Conoscere per Ri-Conoscere”, voluta dall’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra (Anvgg) e dal MIUR (Ministero dell’Università e ricerca), incentrata ...

L'odore di carne bruciata nell'aria. Le sensazioni ad Auschwitz e Birkenau
SpazioEinaudi - gio 25 gennaio 2018

Continua il viaggio in Polonia degli studenti dell’Einaudi di Manduria. Tappa determinante del 24 gennaio è stata la visita ai campi di concentramento nazisti di Auschwitz e Birkenau. Non si hanno a disposizione selfie dei ragazzi ...

I ragazzi dell’Einaudi riqualificano i propri spazi verdi
SpazioEinaudi - gio 25 gennaio 2018

Tutto è iniziato quando la dirigente scolastica dell’Einaudi ha disposto il trasferimento dei ragazzi del biennio della sede Ipssasr (istituto professionale statale servizi agricoltura e sviluppo rurale) nella sede principale di via Borsellino. ...