Giovedì, 23 Maggio 2024

Giudiziaria

E' l'imputato minore che rispondeva di favoreggiamento

Delitto del cavalcavia, il gestore del Bunker patteggia la pena

Il pub Bunker Il pub Bunker

Prima condanna per patteggiamento tra gli imputati coinvolti nel delitto del giovane leccese di etnia rom, Natale Naser Bahtijari, di 21 anni, ucciso nella notte tra il 22 e il 23 febbraio scorso e gettato nella scarpata di un ponte della Bradanico Salentina a Manduria.

Il maruggese Cosimo Molendini, gestore del pub “Bunker” nel centro storico di Manduria, dove avvenne la prima aggressione della vittima, imputato di favoreggiamento, ha concordato la pena ad un anno e quattro mesi di reclusione con la pena sospesa. Difeso dagli avvocati Nicola e Andrea Marseglia, l'ex imprenditore che rischiava sino a quattro anni di carcere, ha ammesso di aver favorito i presunti autori dell’omicidio ed ha ricostruito la sera del delitto più o meno in linea con la tesi accusatoria, fino a quando la scena si è svolta nel suo locale. Alla giudice delle udienze preliminari del Tribunale di Lecce e al pm Milto Stefano De Nozza, il maruggese non ha fornito un grande contributo sull'aggressione della vittima perché avvenuta nel vano interrato del bar. Molendini, inoltre, avrebbe disattivato l'impianto di videosorveglianza del Bunker che gestiva cancellando con la candeggina le tracce di sangue lasciate dalla vittima sul pavimento e su altri arredi dopo il pestaggio.

Per il delitto sono invece sotto processo i tre manduriani, Vincenzo Antonio D'Amicis di 20 anni, Domenico D'Oria Palma e Simone Dinoi che devono rispondere di omicidio volontario con l'aggravante del metodo mafioso e tentata soppressione del cadavere. 

 

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

3 commenti

  • Gregorio
    mer 17 aprile 15:59 rispondi a Gregorio

    Se NON ci fosse l’OMERTÀ , sarebbe più difficile la vita della delinquenza, perché l’omertà è tra i disvalori più pericolosi e dannosi alla vita individuale e sociale poiché trasforma ogni vitalità e creatività in una lenta, quanto inesorabile agonia e morte dello spirito. Il Signor Cosimo ha sbagliato non collaborare con le forze dell’ordine, perché prima o poi il cerchio si stringe! Tutti i nodi vengono al pettine!

    • Cesare
      gio 18 aprile 10:31 rispondi a Cesare

      In certi casi, una persona intelligente, tace.

    • Cesare
      gio 18 aprile 00:30 rispondi a Cesare

      In certi casi, una persona, se è intelligente, tace.

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Nuova bufera in vista nel Consorzio di tutela del Primitivo di Manduria alla vigila del rinnovo delle cariche. La nube minacciosa ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Nel 2011 il comune di Manduria aveva ottenuto un finanziamento di 500mila euro per il palazzetto dello sport. Provvidenze che ha poi perso ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

L'appello del newyorkese Don Thornot che ha scritto al nostro giornale in cerca di notizie sul suo antenato Ferdinando De Grassi ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

L’Ufficio servizi legali del comune di Manduria ha emesso un’ordinanza di sgombero nei confronti dell’unico ambulante ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Si è riunito ieri alla presenza del coordinatore provinciale, onorevole Vito De Palma e del vice coordinatore, il consigliere ...

“Acquista da me o ti mando la Finanza”, imprenditore assolto
La Redazione - mer 14 febbraio

E’ finita con un’assoluzione piena il processo a carico di un imprenditore savese del settore energia finito sotto inchiesta dalla Procura della Repubblica di Taranto per i reati di tentata estorsione e porto abusivo di arma da ...

Lettere e chat di fuoco alla sua ex che lo denuncia: imprenditore assolto dopo 5 anni di processo
La Redazione - sab 17 febbraio

Una relazione extraconiugale finita male tra due persone adulte. Conclusa peggio in tribunale dove l’uomo, un imprenditore di Avetrana oggi settantunenne, è stato trascinato dalla sua ex, separata ...

Sorvegliato speciale manduriano non si era fatto trovare in casa, assolto perché il fatto non sussiste
La Redazione - dom 25 febbraio

Sottoposto a regime di sorveglianza speciale, un manduriano di 40 anni, B. C. , non aveva risposto al citofono agli agenti di polizia che di notte erano passati per un controllo azionando inutilmente ...