Partito spaccato

Il Pd di Cascarano chiama invano D’Oria che latita

Partito democratico sempre più diviso a Manduria. Iri sera la parte che si riconosce nell’ex...

Politica
Manduria martedì 14 novembre 2017
di La Redazione
Cascarano
Cascarano © la voce di Manduria

Partito democratico sempre più diviso a Manduria. Iri sera la parte che si riconosce nell’ex consigliera comunale e provinciale Maria Grazia Cascarano, si è riunita nella sede del partito (adiacente la chiesa di Santa Maria) per preparare i prossimi lavori di un nuovo congresso che elegga il segretario cittadino e i coordinatori dei circoli di Manduria e Uggiano Montefusco. All’incontro erano stati invitati tutti gli iscritti e simpatizzanti (almeno così ha assicurato Cascarano) ma all’appuntamento erano assenti tutti quelli della “fazione” Mario D’Oria. «Forse avevano altri impegni», commenta la signora delle tessere visibilmente delusa dalla distanza che separa ormai le due correnti Dem. «Continueremo a lavorare per l’unità del partito e del centrosinistra e per farlo dobbiamo necessariamente dotarci delle figure democratiche di cui ogni partito ha bisogno». Maria Grazia Cascarano che da sola doppia quasi il numero di tutti gli altri portatori di tessere, si riferisce agli organismi dirigenti di cui il Pd Messapico è ancora privo. «Dobbiamo rifare quel vergognoso congresso e questa volta rispettando tutte le regole», conclude Cascarano.Non si hanno invece notizie di «movimenti» o iniziative intraprese dal gruppo di D’Oria che dopo il successo dell’elezione del loro candidato alla segreteria provinciale Giampiero Mancarelli, sembrano essere entrati in letargo.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Antonio ha scritto il 14 novembre 2017 alle 14:05 :

    Si sprofonda sempre più in basso con queste tattiche da teatrino Rispondi a Antonio

Altre news
Le più commentate
Le più lette