Ero in piazza per contestare Salvini come quando avevo 18 anni

Erano gli anni 80 e col tempo sui muri delle città, dei sottopassi delle stazioni e sui piloni dei ponti comparivano scritte del tipo: “terroni coglioni”

La redazione Riflettori su ...​
Manduria - mercoledì 09 settembre 2020
Almerina Raimondi
Almerina Raimondi © La Voce di Manduria

Io c’ero in piazza Garibaldi ad esprimere il mio dissenso nei confronti del Senatore Salvini, c’ero nonostante i dubbi di dover prendere parte a quel gioco mediatico che tanto piace al Senatore e che alimenta la sua propaganda politica.

C’ero non per curiosità nei suoi confronti, ma per cercare di capire perché e che cosa spinge la gente del Sud a riempire le piazze per tributargli applausi e ammirazione.

A questa gente voglio dire che io c’ero anche a 18 anni quando partii per Padova a studiare medicina e fui costretta ad andare in collegio perché era difficile trovare casa. Molti negozi e condomini avevano affisso sulle loro saracinesche e sui loro portoni la scritta: “non si fitta ai terroni” oppure “niente casa per i meridionali”.

Erano gli anni 80 e col tempo sui muri delle città, dei sottopassi delle stazioni e sui piloni dei ponti comparivano scritte del tipo: “terroni coglioni”, “terroni fannulloni”, “meridionali tornatevene a casa vostra”, “forza Etna, la Padania è dei lombardo-veneti”; scritte che puntualmente cercavamo di cancellare con i pochi mezzi di cui si disponeva e queste stesse frasi venivano urlate da Salvini e company nelle manifestazioni leghiste.

In Veneto ho studiato, ho cominciato a lavorare e ho conosciuto tanta gente per bene che ammira la passione e la laboriosità della gente del Sud, a loro ancora oggi mi unisce una profonda amicizia e stima reciproca, ma poi sono tornata con la mia famiglia perché da sempre crediamo che il Sud sia una scommessa e che se la “questione meridionale” è ancora tutta da risolvere, non sarà certo un “bullo padano” di turno a farlo. Tocca a noi e soltanto a noi meridionali esprimere una classe dirigente capace di progettare e investire sulla valorizzazione del Mezzogiorno per ridurre il cosiddetto divario tra Nord e Sud.

Chi oggi al Sud pensa di fare carriera politica facendosi sostenere da un millantatore che blandisce senza alcun rispetto il Crocifisso, il Rosario e il Vangelo come se fossero idoli per suo tornaconto, non merita il nostro consenso. Salvini è un populista che ha costruito il suo potere politico facendo finta di ascoltare le istanze del popolo e che, facendo leva su “una pulsione primordiale che spinge gli esseri umani a difendere identità, sicurezza e confini”, alimenta in ogni piazza, in ogni uscita pubblica, la fabbrica della paura a cui tiene il suo popolo incatenato, il suo popolo che tanto dice di “amare dispensando baci e selfie”.

Salvini se potesse non solo chiuderebbe tutti i porti per bloccare i migranti, ma alzerebbe un muro a livello del fiume Po per impedire a noi meridionali di andare a “contaminare la loro Padania”. La lega nord ha cambiato nome ma i “sentimenti” che animano i leghisti sono sempre gli stessi: secessione, razzismo, omofobia, sessismo.

In tutti questi anni su 10 euro stanziati dai diversi governi che si sono succeduti 9 sono andati al Nord (per scuola, sanità, servizi vari) e solo poco più di 1 euro è stato destinato al Sud. Da gennaio 2021 arriveranno i soldi dai fondi europei da destinare alla sanità, come pensiamo che saranno distribuiti? Prevarrà il principio di equità?!

La lega di Salvini e company rivendicheranno il virtuosismo delle loro amministrazioni, il pareggio di bilancio, l’autonomia differenziata per destinare alle loro regioni più risorse. Questa pandemia che ha fatto moltissime vittime ha messo in evidenza le inefficienze di una sanità lombarda che negli anni ha smantellato la sanità pubblica a favore di una sanità privata, cosiddetta “d’eccellenza” che prevedeva l’emigrazione sanitaria dal Sud al Nord.

A tutti i meridionali che si fanno ammaliare dall’idea dei pieni poteri, dell’uomo forte che Salvini pensa di rappresentare, tributandogli applausi e ammirazione, mi sento di chiedere: sarete in grado di esprimere una classe dirigente capace di non fare “affondare un pezzo d’Italia” e di fare a meno dei millantatori di turno come Salvini?

Almerina Raimondi

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Egidio Pertoso ha scritto il 11 settembre 2020 alle 05:19 :

    La "questione meridionale" è ancora aperta. Se non viene affrontata e risolta dagli stessi meridionali, rimboccandosi le maniche e buttare sangue sul ricco patrimonio che si ha, saremo considerati, come sin la finta unita' d' Italia, popolazione da sottomettere e sfruttare. Peccato che ci siano persone che si vendono al soldo dei conquistatori condannando le future generazione ad una vita che vita non sara'. Rispondi a Egidio Pertoso

  • Cosimo Malagnino ha scritto il 10 settembre 2020 alle 16:40 :

    Io ho minimo 49milioni di motivi sia per non votarlo mai e sia per detestare democraticamente la sua misera anzi sicuramente assente serietà dignità e lealtà ... ! Assenteista nullafacente da sempre , chiede agli italiani pieni poteri e non scalda le poltrone ... perchè assenteista ! pieni poteri , a lui pieni poteri ! E c'è anche chi lo applaude !! Rispondi a Cosimo Malagnino

  • luigi primicerj ha scritto il 10 settembre 2020 alle 15:06 :

    Grande Almerina! Se posso aggiungere qualcosa, vorrei aggiungere che oltre ai soldi (che spesso non siamo capaci di spendere) andrà a finire molta rappresentanza se vincerà il si al referendum; infatti, senza la revisione della legge elettorale e una adeguata ridisegnazione dei collegi, i parlamentarieletti scaturiranno da dove è più alto il rapporto popolazione-territorio. Il rischio della secessione diventa ancor più concreto. Rispondi a luigi primicerj

  • Franco de luca ha scritto il 10 settembre 2020 alle 11:43 :

    Rispetto il pensiero dell autrice dell articolo, ma credo stia parlando dell epoca Bossi. Ho studiato e vissuto al nord per un ventennio integrandomi benissimo perché ho rispettato le loro regole il loro stile di vita. Non paragonate gli emigranti italiani ai profughi attuali perché noi abbiamo creato problemi agli stati ospitanti ma abbiamo lavorato, creato ponti, strade ecc. Non abbiamo imposto le ns abitudini. Era il boom economico. Ora qui le aziende chiudono, la gente non arriva alla seconda settimana. Questo é il mio pensiero. Rispondi a Franco de luca

  • Alessandra Moscogiuri ha scritto il 10 settembre 2020 alle 10:42 :

    Io non ho sprecato il mio tempo per andare al comizio di Salvini, ad avere cinque minuti ci sarei andata ma solo per buttargli uova marce Rispondi a Alessandra Moscogiuri

  • mario miele ha scritto il 10 settembre 2020 alle 09:45 :

    Signora. la gente vota Salvini (una stortura) perche' tanto tempo di governi (non eletti) della sinistra hanno ridotto il paese a terra di conquista di clandestini (con barboncini al seguito) e ci hanno condotto sotto la dittatura della finanza, con tutto quello che ne consegue. Quando la sinistra tornerà nelle fabbriche a combattere per gli operai e uscirà da "piazza affari" dove difende interessi mondialisti allora forse sparirà Salvini. Per ora ve lo meritate. Il mostro lo avete creato voi. Rispondi a mario miele

  • leomanduria ha scritto il 09 settembre 2020 alle 16:59 :

    Mi chiedo se e quando può essere data la stessa visibilità data alla signora (che non so chi sia) ad altra gente con argomenti più seri, attuali e meno ideologici (se non, addirittura, fantasiosi). Rispondendo ad ella, visto che non ha capito niente della vita in tanti anni, le potrei rispondere in separata sede... Rispondi a leomanduria

    Cosimo Malagnino ha scritto il 10 settembre 2020 alle 16:44 :

    leomanduria : anche lei ha avuto il suo momento di visibilità. ne faccia tesoro , se ci riesce. Rispondi a Cosimo Malagnino

    A.P. ha scritto il 10 settembre 2020 alle 09:50 :

    Penso che l'argomento citato dalla signora sia molto serio ed esprime l'opinione di tanti Manduriani o gente del sud, che tuttora faticano a capire come si possa mettere il proprio orgoglio sotto i piedi dopo essere stati insultati per anni da Salvini & Company. La sua risposta, Sig. Leo: "visto che non ha capito niente" è una sua personale opinione, ed è basata, sembrerebbe, su divergenze politiche (quindi stando a quanto scrive lei, Sig. Leo, uno non capisce nulla se la pensa diversamente da lei?), viva la democrazia! Il mio più sincero sostegno a questo articolo e a tutte le persone che come questa signora non calpestano il proprio orgoglio in cambio di un po' di visibilità "paesana", e conservano ancora un po' di dignità Cordiali saluti. Andrea Rispondi a A.P.

  • Marco Mazza ha scritto il 09 settembre 2020 alle 15:47 :

    La stimo moltissimo, infatti ero a contestare anche io Rispondi a Marco Mazza

  • Antonio ha scritto il 09 settembre 2020 alle 14:42 :

    Finalmente una voce ed un commento seri da parte della cultura quella vera.Noi manduriani e meridionali abbiamo la forza e l'intelligenza di difendere il nostro territorio dalle invasioni e dai falsi profeti che hanno in questi giorni millantato fatti e promesse.Non ci faremo incantare da chi sostiene di "venerare "il nostro territorio.I Messapi nei tempi trascorsi hanno respinto ben più forti invasioni e anche oggi sapranno valere la cultura nostra fatta di caparbietà ed intelligenza che verranno fuori nei tempi opportuni.Viva Manduria e tutto il Sud. Rispondi a Antonio

  • Annibale Strada ha scritto il 09 settembre 2020 alle 14:11 :

    Ho letto con profondo interesse il suo post dott.ssa Raimondi, e' l'ho molto apprezzato, condividendo appieno la sua analisi storica sulla psicologia leghista anti- meridionale razzista. Purtroppo il "cazzaro padano" come lo definisce Andrea Scanzi, e' molto abile con gli slogan che fanno presa su un certo tipo di elettorato. Mail problema vero e' un'altra, ed e' quello che la gente del sud, dimentica facilmente in che modo la lega ha costruito le proprie fortune. Rispondi a Annibale Strada

  • Leonardo ha scritto il 09 settembre 2020 alle 14:09 :

    Hai fatto bene ha contestare ma non mancare di contestare chi ci ha regalato due discariche il depuratore nel nostro bel mare la puzza che nessuno sa da dove viene ecc.ecc. Rispondi a Leonardo

  • Baldari leonardo ha scritto il 09 settembre 2020 alle 14:02 :

    Hai fatto bene ha contestare ma non mancare di contestare chi ci ha fatto I regali di due discariche del depuratore nel nostro bel mare della puzza che nessuno sa da dove proviene ecc. Rispondi a Baldari leonardo

  • Cosimo massafra (Ferrara) ha scritto il 09 settembre 2020 alle 13:23 :

    Gradirei che la signora mi rammentasse il titolo del film di cui parla, o ci narra di un suo sogno? Vivo da 45 anni tra Emilia e Veneto, ho esercitato una attività libera professionale con discreto successo, ho sposato felicemente una veneta, e vi dico con rammarico che i clienti che mi hanno dato più problemi sono stati prevalentemente i miei "conterronei", in quanto tali pretendevano favorì persino al limite del non lecito. Rispondi a Cosimo massafra (Ferrara)

  • Emanuele ha scritto il 09 settembre 2020 alle 12:37 :

    Sig.a Almerina complimenti per l’articolo . Completo elegante ed esaustivo nel contenuto Rispondi a Emanuele

  • Dani ha scritto il 09 settembre 2020 alle 12:32 :

    Grazie!!! Rispondi a Dani

  • Manduriano ha scritto il 09 settembre 2020 alle 11:44 :

    Articolo che fotografa la realtà, e non si tratta di essere comunista. Ovviamente i leghisti improvvisamente presenti a Manduria non saranno d'accordo. Sono contento che sono convinti, contenti loro.... si accontentano di poco, loro se la cantano e loro se la suonano; la realtà è ben di versa da ciò che dice in giro in maniera elementare salvini. Chiacchiere su chiacchiere, offese e insulti contro avversari politici per prendere voti: questa è la lega, questo è salvini. Rispondi a Manduriano

  • Maria Rosaria Dinoi ha scritto il 09 settembre 2020 alle 11:20 :

    Cara Almeria il covid19 ha dimostrato quanto la sanità del settentrione sia inadeguata nonostante i fondi dati a iosa e quanto siamo fragili se un virus può destabilizzare il mondo intero a scusa dimenticavo per queste persone il covid 19 non esiste. Da manduriana verace spero solo che chiunque vinca queste elezioni politiche si metta una mano sulla coscienza e ricordi quello che ha promesso durante la campagna elettorale e lavori davvero per il bene del nostro martoriato territorio. Rispondi a Maria Rosaria Dinoi

  • Anna Maria Leobono ha scritto il 09 settembre 2020 alle 10:35 :

    Mi complimento con l'autrice dell'articolo ,cosi completo e reale,posso testimoniare in prima persona negli anni dal 69 in poi quanto noi meridionali abbiamo fatto fatica per essere inclusi nelle comunità del nord. Attenzione cari noi (in particolare a chi ha ricordi di quei tempi)oggi,a non puntare il dito a chi attraversa il mare. Rispondi a Anna Maria Leobono

  • Toquino ha scritto il 09 settembre 2020 alle 09:59 :

    Cara signora nel suo discorso si è risposta da sola più volte. Oltre a quelle scritte negli anni 80, ha ricevuto la solidarietà dei cittadini, quindi non tutti i leghisti odiavano già i terroni. Negli anni 80 anche gli italiani che emigravano in germania non erano ben visti ma poi ci siamo fatti notare per le nostre qualità ed ora ci "odiano" per il contrario e cioè perché siamo più bravi di loro. Solo una determinata categoria di persone non cambia idea nonostante noti una diversità di progetti. E poi, mi scusi, ma in questi ultimi 10 anni in qui i soldi non sono andati al sud ( di cui lei parla), ma chi ha governato??? Rispondi a Toquino

  • Nemesi ha scritto il 09 settembre 2020 alle 08:55 :

    È vero che il sud ha fatto grande il nord com'è vero che il sud ha fatto danni a casa propria chiedendo diritti senza doveri , contadine , invalidi e per ultimo i redditi di cittadinanza. Ogni tanto mi piacerebbe sentire da parte di gente come la signora che quello che abbiamo è perché siamo pieni di imbroglioni che vivono alla faccia di chi lavora veramente al sud."spero che questa volta venga pubblicato " Rispondi a Nemesi

    giorgio sardelli ha scritto il 10 settembre 2020 alle 08:16 :

    colpa della politica che ha sempre dirottato lavoro e soldi al nord non se lo deve dimenticare Rispondi a giorgio sardelli

  • Andriulo ha scritto il 09 settembre 2020 alle 07:44 :

    Abbiamo le qualità e le competenze per andare avanti con le nostre forze . E" stata la gente del Sud a fare grande il nord. Dando spazio a persone oneste e amanti del proprio territorio porteremo il sud con tutte le sue bellezze a farlo brillare come il sole. Manduria con tutte le sue bellezze i suoi siti sarà la perla del Sud. Rispondi a Andriulo

  • William ha scritto il 09 settembre 2020 alle 06:06 :

    Hai finito di sfogarti? Tipica comunistella buonista... Rispondi a William

    giorgio sardelli ha scritto il 09 settembre 2020 alle 18:23 :

    WILLIAM, quello che dice la signora RAIMONDI è pura sacro santa verità ha ragione io ero in piazza per ascoltare cosa aveva da dire il razzista SALVINI anche se non ne avevo bisogno mi ha fatto pena sentire uno come lui quanto era per davvero vuoto di tutto è solo un ciarlatano povero di proposte serie e costruttive io da Manduriano Domenica in piazza mi sono vergognato nel sentire tutta quella gente che applaudiva e applaudiva quella stessa persona che ieri diceva " SECESSIONE i merionali all'africa ECC, ECC, ECC,e mi fanno pena quei politicanti che mai niente di buono hanno fatto per Manduria anzi PROSCIOLTI DALLO STESSO SALVINI PER MAFIA che lo affiancavano sul palco e se questa domai dovrebbe essere la realta per i Manduriani sarà la vera fine e non la rinascita tutti vuoti Rispondi a giorgio sardelli

    Antonio ha scritto il 09 settembre 2020 alle 14:31 :

    Non si risponde con le offese ed insulti caro William.Se hai argomenti utili e seri proponibile diversamente TACI Rispondi a Antonio

    Emanuele ha scritto il 09 settembre 2020 alle 12:35 :

    Non hai capito rileggi l’articolo Rispondi a Emanuele

    C.C. ha scritto il 09 settembre 2020 alle 08:56 :

    tipico degli elettori della lega.. mancanza di argomenti e.. non solo... capaci solo dell'insulto gratuito ed offensivo... "oltre le gambe non c'è di più" ... ovviamente non per tutti Rispondi a C.C.

Altri articoli
Gli articoli più letti