Lavoro per 14 ore al giorno

Pastore del Gambia ridotto in schiavitù, arrestata coppia brindisina

L’area adibita a ovile e terreni circostanti sono stati sottoposti a sequestro per la presenza nel suolo di rifiuti di ogni tipo

Salento Puglia e mondo
Manduria sabato 07 settembre 2019
di La Redazione
Le immagini
Le immagini © La Voce di Manduria

Tuturano, contrada San Paolo Fazione di Brindisi, è stato individuato un giovane pastore 20enne originario del Gambia, ridotto in schiavitù, costretto a lavorare e vivere all’interno di una masseria in condizioni disumane, dormire su un giaciglio, per una paga mensile di 650€, circa 1,5€ all’ora per più di 13/14 ore al giorno, dalle 5 di mattina, senza riposo settimanale, ferie, diritti.

Due persone, Adriano Vitale, 51enne e la convivente Patrizia Carrozzo, 37enne titolare della masseria, sono state arrestate in flagranza di reato dai Carabinieri della task force anti-caporalato. I reati contestati agli indagati sono l’intermediazione illecita e lo sfruttamento del lavoro, in concorso. Gli accertamenti effettuati hanno evidenziato che il giovane africano, munito di permesso di soggiorno, rilasciato per motivi umanitari e scaduto nel maggio scorso, è stato impiegato nell’azienda zootecnica a decorrere dal maggio 2018 nella pulizia delle stalle, nella mungitura e nell’accudimento degli ovini, circa 400 capi, che conduceva quotidianamente al pascolo la mattina e il pomeriggio. Il pastore africano, appartenente alla schiera degli “invisibili”, è stato sfruttato a seguito del suo accertato stato di bisogno, vivendo in disumane e degradanti situazioni nella masseria.

Al Vitale viene contestato di aver reclutato in qualità di addetto alla custodia degli animali, con compenso irrisorio dal maggio 2018 il giovane africano. L’uomo, approfittando dello stato di bisogno in cui versava il lavoratore, situazione derivante dalla necessità di assunzione per la richiesta del rilascio di documentazione idonea alla permanenza sul territorio nazionale, lo occupava destinandolo al lavoro presso l’impresa agricola della compagna Carrozzo Patrizia, in assenza di regolare contratto di lavoro, senza misure di tutela in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, con una retribuzione risibile e senza riposo settimanale e ferie. Alla donna viene anche contestato di aver fatto credere al lavoratore extracomunitario, di essere stato regolarmente assunto da altra azienda agricola della zona, il tutto con la complicità dell’amministratore di tale azienda che è stato deferito per favoreggiamento dell’intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. Il tutto approfittando della scarsa conoscenza della lingua italiana da parte del lavoratore e della assoluta fiducia che questi riversava nei suoi datori di lavoro.

L’area adibita a ovile e terreni circostanti sono stati sottoposti a sequestro per la presenza nel suolo di rifiuti di ogni tipo. Sul posto è stato fatto intervenire il personale sanitario del Servizio Veterinario dell’ASL di Brindisi, nonché il personale dell’Ufficio Tecnico comunale, al fine di verificare eventuali abusi in materia di edilizia per quanto concerne i fabbricati. Vitale Adriano è stato associato nel carcere di Brindisi, mentre Carrozzo Patrizia è stata accompagnata presso la masseria in regime di arresti domiciliari.

Lascia il tuo commento
commenti