L'impegno del consigliere

Morgante: in Regione si discute di sviluppo e tutela dell’ambiente

​Si è tenuto ieri mattina, presso il Dipartimento Mobilità, Qualità urbana, Opere pubbliche, Ecologia e Paesaggio della Regione Puglia, un incontro...

Politica
Manduria venerdì 30 novembre 2018
di La Redazione
Luigi Morgante
Luigi Morgante © Alessandro Buccoliero

Si è tenuto ieri mattina, presso il Dipartimento Mobilità, Qualità urbana, Opere pubbliche, Ecologia e Paesaggio della Regione Puglia, un incontro al quale ha partecipato il consigliere regionale Luigi Morgante, manduriano, tra la struttura tecnica dell’ente, il commissario prefettizio del comune di Manduria, Luigi Scipioni, e il dirigente dell’Ufficio tecnico del comune di Manduria, Emanuele Orlando. L’obiettivo era quello di discutere su tre progetti particolarmente importanti per l’ambiente del territorio Messapico. Per quanto riguarda il primo, relativo ai lavori per la messa in sicurezza del fiume Chidro e la bonifica dei canali di collegamento a Torre Colimena, finanziato per un importo di 93mila euro, è stato fatto il punto sulla situazione attuale e sull’iter da seguire per la realizzazione degli interventi previsti. Successivamente, si è discusso sull’opportunità di cominciare a pensare ad un nuovo progetto da presentare alla Regione Puglia e all’Autorità Idrica, per portare acqua e fogne alle Marine di Manduria. Infine, è stata nuovamente affrontata la questione del depuratore consortile. Su questol’ingegnere Barbara Valenzano, direttore del Dipartimento, ha ribadito che “il sistema di scarichi e quello relativo al recapito finale prevedono l’eliminazione della condotta sottomarina, il riuso integrale dei reflui depurati ai sensi del DM 185/2003, l’assenza di scarico contiguo in battigia, la previsione di scarichi sul suolo in trincee disperdenti per gli eventuali eccessi e di scarico di emergenza in caso di piogge brevi e intense, come naturalmente avviene per tutti i bacini marino-costieri”.

Per il consigliere Morgante, l’incontro è stato proficuo «perché ha soddisfatto tutti gli interlocutori presenti, e soprattutto necessario per fugare perplessità e polemiche e per offrire risposte concrete ai cittadini attraverso la collaborazione e il confronto».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • giorgio sardelli ha scritto il 30 novembre 2018 alle 17:12 :

    Si parla di portare acqua e fogna alle marine di Manduria? Piuttosto parlate anzi date acqua potabile a Manduria a chi non c'è l'ha. Il depuratore? A mezza Manduria non interessa perchè non c'è acqua e fogna, si fa presto a mettersi in vetrina come se da domani si aprono i rubinetti. E MINA cantava PAROLE PAROLE PAROLE ma quando i fatti? Rispondi a giorgio sardelli