Lunedì, 4 Marzo 2024

Salento Puglia e mondo

L'allarme di Coldiretti Puglia

Maltempo, disastri nel basso Salento

Campi allagati Campi allagati

Diluvio universale in Salento con trombe d’aria, tuoni e fulmini che continuano incessantemente da 14 ore nelle città e nelle campagne, con allagamenti e smottamenti, alberi e cavi di alta tensione caduti che hanno lasciato case e aziende agricole al buio e senza collegamenti. E’ quanto registra Coldiretti Puglia, con le segnalazioni da bollettino di guerra  che arrivano da Melissano, Novoli, Ugento, Gagliano del Capo, Lequile. Racale, Taviano, Calimera, dove le bome d’acqua e le tempeste di vento hanno distrutto serre, hanno fatto cadere gli alberi, oltre ad aver allagato le campagne trascinando via le piantine di ortaggi, verdure e patate.

L’ultima ondata di maltempo – aggiunge Coldiretti Puglia – viene dopo che in  una settimana ci sono stati 2 tornado a Surano e Castrignano del Capo, 3 bufere di vento a Copertino, Nardò e Casarano, 1 tempesta di fulmini a Tricase e un nubifragio a Calimera, con l’ultima tromba d’aria che ha scoperchiato le serre a Nardò.

Con 112 eventi estremi in 10 anni, la Puglia si posiziona al quarto posto – aggiunge Coldiretti regionale - della classifica delle regioni italiane maggiormente colpite dagli effetti violenti dei cambiamenti climatici, con danni stimati pari a 3 miliardi di euro sul settore agricolo.

Anche nel 2022 si sono succeduti siccità grave, nubifragi impressivi, gelate e grandinate, tornado e trombe d’aria, oltre alle tempeste di fulmini – aggiunge Coldiretti Puglia – dove è evidente la tendenza alla tropicalizzazione del clima con un impatto devastante sulle produzioni agricole e sulla vita delle persone. ll moltiplicarsi di eventi estremi hanno provocato vittime e danni che in agricoltura superano già i 300 milioni di euro nel 2022, pari al 10% della produzione regionale secondo la Coldiretti.

Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Puglia dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, che – continua la Coldiretti regionale – si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.

Sono 230 i comuni pugliesi a rischio frane e alluvioni e a pagarne i costi, oltre ai cittadini residenti soprattutto nelle aree rurali, sono proprio le 11692 imprese che operano su quei territori. Il consumo del suolo è avvenuto per il 67.5% in contesti prevalentemente agricoli o naturali, depauperando pezzi di territorio e deturpando il paesaggio, oltre ad impoverire il tessuto imprenditoriale agricolo pugliese. E’ evidente in Italia la tendenza ad una tropicalizzazione del clima con le ultime ondate di nubifragi e grandinate che si sono abbattute su terreni secchi i quali – evidenzia la Coldiretti regionale – non riescono ad assorbire l’acqua che causa frane e smottamenti.

Il cambiamento climatico riguarda in realtà l’intero pianeta dove è evidente la tendenza al surriscaldamento con l’estate che si classifica da punto di vista climatologico al quinto posto tra le più calde mai registrati nel pianeta con la temperatura sulla superficie della terra e degli oceani, addirittura superiore di 0,89 gradi rispetto alla media del ventesimo secolo, secondo l’analisi della Coldiretti sulla base delle elaborazioni dei dati della banca dati Noaa, il National Climatic Data Centre che registra le temperature mondiali dal 1880.

Dall’inizio dell’anno gli eventi estremi fra nubifragi, bombe d’acqua, grandinate, bufere di vento e tornado che hanno provocato danni e vittime sono cresciuti del +42%, rispetto allo scorso anno con il 2022 che si classifica peraltro fino ad ora in Italia come il più caldo di sempre con una temperatura addirittura superiore di quasi un grado (+0,96 gradi) rispetto alla media storica ma si registrano anche precipitazioni ridotte di 1/3 anche se più violente secondo Isac Cnr. Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Italia dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che – conclude la Coldiretti – si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.

 

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Salento Puglia e mondo
La Redazione - oggi, lun 4 marzo

La Guardia di Finanza di Taranto ha arrestato 7 persone con le ipotesi di reato di associazione per delinquere, usura, estorsione, riciclaggio, autoriciclaggio ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - gio 29 febbraio

«Volevo salutare tutti i colleghi della Questura di Taranto perché questo è il mi ultimo giorno di servizio». ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - gio 29 febbraio

Era convinto di aver trovato un nascondiglio perfetto per la propria droga “brandizzata” ma la cassetta telefonica ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - gio 29 febbraio

All’esito dell’udienza tenutasi mercoledì 28 febbraio 2024 in Tribunale a Taranto, il gup ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - mar 27 febbraio

Nei giorni scorsi i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Taranto hanno eseguito nei confronti di un’impresa di Massafra ...

Discoteca abusiva e altri locali d'intrattenimento non a norma nel tarantino
La Redazione - mer 31 gennaio

Continuano i controlli della Polizia di Stato finalizzati al contrasto del fenomeno delle attività abusive, anche, nel settore del Pubblico Spettacolo. ...

Calci e pugni al figlio minore e alla moglie, marito violento in galera
La Redazione - sab 3 febbraio

I Carabinieri della Stazione di Castellaneta nella mattinata odierna hanno arrestato, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP di Taranto, su richiesta della locale Procura della Repubblica, ...

Il sindaco di Erchie si dimette con una lettera su Facebook
1
La Redazione - sab 3 febbraio

Dopo l'arresto di circa un mese fa perché indagato di abuso dufficio, concussione ed altri reati insieme alla sua giunta, il sindaco di Erchie, Pasquale Nicolì, si è dimesso ieri. Secondo la legge Severino il primo cittadino ...