Mercoledì, 17 Aprile 2024

Gli articoli

Tutti gli interventi del sindaco dal giorno dell’attentato

Il silenzio è stato rotto, ma lui non parla

Gregorio Pecoraro Gregorio Pecoraro

Il silenzio è stato rotto. Dalla pubblicazione del nostro primo editoriale sull’assenteismo della politica riguardo la sparatoria avvenuta nel centro storico contro il titolare del Mhoca, qualcosa si è mosso. La coscienza dei cittadini, di alcuni politici e della chiesa è stata scossa. In particolare, hanno speso una parola sulla vicenda e su senso di paura che incombe sulla comunità messapica, il Partito Democratico, Azione Messapica, la Confcommercio di Taranto, il sindacato dei Carabieri e il parroco Don Pasquale Dellomonaco.

E il sindaco Gregorio Pecoraro? Ventotto sono stati i suoi interventi dopo l’accaduto, ma di cosa ha parlato? Ecco l’elenco dettagliato dei contenuti: otto annunci sulle iniziative natalizie, sei post per ricordare La Notte del Munich del 31 dicembre in piazza Garibaldi, cinque avvisi sull’apertura delle guardie mediche, due sul ritiro della spazzatura; una notizia sull’acquisto di bici elettriche, una sulla sua visita di una centenaria di Manduria, un augurio di buon anno, un augurio di buon Natale, una notizia sulla visita degli scolari alla Salina, una sulla proroga delle concessioni ai balneari e il discorso di fine anno ai dipendenti comunali. Nulla sulla notte del 22 dicembre.

Non una considerazione su un evento concreto di criminalità avvenuto nella sua città. E neppure il primo per Manduria. Non una parola sul fatto che uno dei suoi concittadini sia in possesso di un’arma e che abbia fatto esplodere almeno due colpi di pistola contro un imprenditore, contro il gestore del locale centrale della movida manduriana e che ha terrorizzato i clienti, i passanti e di riflesso tutta la cittadinanza che, ora, ha paura ad uscire nel suo centro storico. È spaventata delle strade del suo stesso paese. Ha timore dei suoi locali e che uno dei suoi abitanti si senta libero di sparare all’impazzata, come nel Far West.

Il silenzio sì, è stato rotto, ma la comunità è ancora svuotata della sua cultura, priva di un cinema, di un centro di ritrovo sociale, di un luogo dove ballare, parlare, condividere. Manduria si è recintata nel proprio silenzio. Forse un foro è stato aperto. Soprattutto e grazie anche a certa stampa.

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

3 commenti

  • Cittadino illustre
    mar 16 gennaio 07:45 rispondi a Cittadino illustre

    Se è per parlare ad esempio non ho letto nessuna dichiarazione della madre del.ragazzo che ha sparato, personaggio di spicco di una delle tre associazioni di protezione civile di Manduria.

  • Francesco Catapano
    gio 11 gennaio 14:43 rispondi a Francesco Catapano

    Però a San Gregorio lo visto, era sorridente e contento con la striscia tricolore di traverso, il profumo del torrone, perché devo dire. Però, quando si parla far west, evidentemente l'odore della polvere da sparo gli da fastidio: perché devo dire.

  • Gregorio
    mar 9 gennaio 14:59 rispondi a Gregorio

    Si vede che non c’era, stava alle Le Hawaii, uno stato degli USA, è un arcipelago vulcanico isolato nel Pacifico centrale. Le isole sono rinomate per i paesaggi selvaggi fatti di scogliere, cascate, vegetazione tropicale e spiagge di sabbia dorata, rossa, nera e persino verde, dove è raro incontrare i pistoleri. Da non perdere la spiaggia a mezzaluna di Waikiki Beach dove non si vede spazzatura sparsa e abbandono di mobili e materassi come a San Pietro in Beach.

Le chiare idee del sindaco sulla Fiera Pessima che si apre oggi
La redazione - gio 7 marzo

La Pessima di Manduria è conosciuta, ha delle radici antiche per cui è molto conosciuta e nonostante la, diciamo, il periodo della pandemia, abbiamo volutamente con l'assessorato alle attività produttive con l'assessore ...

Otto marzo e la medicina di genere
La redazione - sab 9 marzo

L’otto marzo non è la festa della donna, sarebbe, a mio avviso, riduttivo. L’otto marzo è la festa internazionale dei diritti negati alle donne su cui riflettere perché non è mai abbastanza. Uno di questi è sicuramente ...

Pappadai e Bagnolo, quale futuro per le due incompiute
La redazione - sab 16 marzo

E' di questi giorni la notizia dell'avvio delle procedure di gara per recuperare la diga artificiale del Pappadai di Fragagnano e creare i presupposti per portare acqua nel Salento. La Regione Puglia, ha infatti stanziato ben 6 milioni di ...