Sul campo neutro di MAruggio

​Battuto 2 a 0 dal Sava il Manduria è fuori dalla Coppa Italia

Ora il Manduria potrà concentrarsi sul campionato che domenica torneranno finalmente a giocare dinanzi al proprio pubblico al Dimitri

Calcio
Manduria giovedì 10 ottobre 2019
di La Redazione
L'incontro con il Sava
L'incontro con il Sava © La Voce di Manduria

La squadra biancoverde, ancora una volta in campo neutro al Demitri di Maruggio, ha giocato l’incontro di ritorno contro il Sava perdendo con lo stesso risultato dell’andata per 2 a 0. Una squadra, quella biancoverde, priva di due punte di diamante come l’attaccante Riezzo e il difensore Calò, rimasta in dieci dal 18’ del primo tempo per l’espulsione di Mero, ha giocato davvero al risparmio, lasciando praticamente le redini della partita in mano agli avversari.

Il Sava sblocca il risultato al 19’ su calcio di rigore concesso dal signor Calecernza per fallo da ultimo uomo commesso da Mero ai dannidi Vasco che dal dischetto centra il bersaglio. Il raddoppio degli ospiti giunge al 29’ ad opera di Beltrame. Piuttosto scoordinate e prive di mordente le puntate dei biancoverdi verso la trequarti avversaria che, in alcune occasioni si sono affidati agli individualismi ma senza successo. Dunque, Manduria fuori dalla Coppa Italia, ora potrà concentrarsi sul campionato che domenica torneranno finalmente a giocare dinanzi al proprio pubblico al Dimitri.

Manduria: Anastasia, Scatigna, Coccioli (14’ s.t. Stanzione), Nyassi, Gallone, Mero, Zaccaria (24’ s.t. Perrucci), Colluto, Birtolo (32’ s.t. Arcadio), Napolitano (17’ s.t. Erario), Ingrosso (34’ s.t. Cardellicchio). A disp.: De Marco, Massafra, Danese, Arcadio. All. Cosma

Sava: Cocozza, Stabile, Cimino, Nazaro, Biasi, D’Ettorre, Kandji, Eleni, Vasco, Mignogna, Beltrame. A disp.: Schina, Voges, Gioia, Caricasulo, Morrone, Cava, Cavallo, Antonicelli, Amaddio. All. Mazza

Arbitro: Lacerenza di Bari

Reti: 19’ p.t. Vasco (Rig.), 29’ p.t. Beltrame.

Note: Ammoniti: Zaccaria, Biasi, Kandji. Espulso: Mero. Angoli: 5 a 2 per il Manduria


Lascia il tuo commento
commenti